Nate Wooley – Columbia Icefield (Northern Spy, 2019)

Si respira da subito una particolare atmosfera estraniante in Columbia Icefield, nuovo lavoro del trombettista Nate Wooley, dove risalta un senso ambiguo di fondo che parla della relazione contraddittoria tra seduzione e paura, attrazione e inquietudine. Un imponente ghiacciaio che funziona perfettamente come metafora del rapporto ambiguo tra uomo e natura, tra le profondità abissali dell’animo e l’insostenibile maestosità dell’ambiente. Descrivere una questione così complessa è un compito arduo, ma la scrittura di Wooley riesce a darne una visione estremamente affascinante, coadiuvata dal prezioso chitarrismo di Mary Halvorson che duetta splendidamente con la steel guitar di Susan Alcorn, e da Ryan Sawyer che chiude il cerchio dietro le pelli raccordando con intelligente raffinatezza. Modernissimo avant jazz che da tematiche sospese imbastisce impalcature progressive che nascondono sotto una facciata di apparente intelligibilità densi e insoliti squarci riflessivi.
Dai primi secondi di Lionel Trilling l’attenzione è immediatamente catturata dall’architettura della composizione, una stratificazione di temporalità diversificate concatenate orizzontalmente a costruire incastri vorticosi; un incedere ipnotico sul quale la tromba di Wooley intarsia con la sua matematica rimbrotti di frammenti rumorosi. Tra aperture libere e dissertazioni post, lo sguardo si stende su spazi siderali facendo ruotare la composizione nella sua ciclicità. Il tutto valorizzato da una produzione accuratamente pensata per la migliore resa possibile dell’orizzonte concettuale. Un tocco di classe che si rivela ancora più evidente nella successiva Seven In The Woods, un blues per lande desolate lento e dall’armonia seducente, dove i riverberi hanno il retrogusto delle rifrazioni della neve. Un tema desertico ma non affatto arido per una traccia poetica e ambiziosa, smaliziata eppure rispettosa, con un bagliore malinconico che rapisce, ma capace di sbocchi dissonanti che fanno emergere l’inquietudine per l’inaccessibile. Nell’ultima With Condolence i suoni diventano invocazioni che si perdono nel vuoto assorbite dall’ambiente ovattato, portando con se quello strano fascino fatto di incomunicabilità verso un climax free calibrato a sostenere una sensazione contrastante di fondo. Poi la voce appare nella sua realtà e le parole disorientano col sapore del turbamento, uno strano senso di speranza e dolorosa separazione pervade la scena in un crescendo cupo lasciandoci al cospetto di quello che sentiamo, a riflettere.
Un linguaggio affascinante che racconta pulsioni umane ataviche come l’irresistibile fascino della bellezza inquietante. Un disco molto ispiratodi e di rara forza poetica.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Hellcowboys - Mondo Bastardo (Hellbones, 2019)

Pesantissimo thrash'n'roll per questi cowboys dell'inferno che, rimandandoci ai mai dimenticarti Pantera, ci fanno assaporare un genere che con ogni…

27 Sep 2020 Reviews

Read more

MSMiroslaw – Libido (Trasponsonic, 2016)

Delicato ma penetrante, il lavoro di Mirko Santoru ritorna con il progetto MSMiroslaw che già avevamo apprezzato nel 2013 (Rebirth…

26 Sep 2016 Reviews

Read more

Vulturum - Vivi Di Luce Riflessa/Voraussage 12" (Sangue Dischi/Trips Und…

Il tempo vola e sono già passati due anni dall'apprezzato Vineta. Dopo una serie ben congegnata di concerti, tornano i…

06 Feb 2011 Reviews

Read more

Sincope records: mamma mia quanto rumore!

Nei primi due anni di vita Sincope ha prodotto un buon numero di uscite, dedicandosi in primis alla musica che…

12 May 2012 Articles

Read more

Johnson Righeira - Ex Punk, Ora Venduto (Astroman, 2006)

Sì, questa recensione avrebbe dovuto farla Giulio Olivieri, perlomeno come seguito al suo splendido articolo sugli oscuri ottanta, ma io…

27 Sep 2006 Reviews

Read more

Mope - S/T (Taxi Driver, 2014)

Morbidamente strumentale si presenta questa nuova uscita della genovese Taxi Driver che vanta all'interno tanto membri di Eremite quanto di…

17 Apr 2014 Reviews

Read more

The Wyns - A Place Like This (Autoprodotto, 2011)

Nota di colore che non c'entra nulla: credo che Luino, sul Lago Maggiore, il paese da dove provengono i giovani…

27 Jan 2012 Reviews

Read more

HYSM?Duo – All Impossible Worlds (Neon Paralleli, Wallace, HYSM?, Lemming…

Il duo Spataro/Fiore si rifà vivo con quello che è loro quarto album, certamente il loro più accessibile: dato un…

19 Feb 2015 Reviews

Read more

St.Ride - Primitivo (Niente, 2011)

Gli St.Ride sulla loro Niente records continuano a sfornare dischi e arrivano con Primitivo, che altro non è se non…

30 Nov 2011 Reviews

Read more

Taras Bul’ba – Amur (Wallace/Lizard, 2012)

Dopo la buona impressione che avevano fatto su queste pagine con Secrets Chimiques nel 2008, torna il trio milanese dei…

26 Nov 2012 Reviews

Read more

Sylvano Bussotti - Brutto, Ignudo (Amirani, 2011)

A forza di flirtare pesantemente con la musica contemporanea l'Amirani ci è caduta dentro, o forse ci era già caduta…

14 Dec 2011 Reviews

Read more

Davide Cedolin - Embracing the Unknown (Torto, Marsiglia 2021)

Un sonaglino, la chitarra che si fa sentire, limpida, agra…poi parte la voce di Davide Cedolin e 70 anni di…

08 Feb 2022 Reviews

Read more

Maria Jikuu + Go Tsushima + Ottaven – 19/09/10 Circolo…

Avevo appena iniziato a nutrire poco eleganti sentimenti d'invidia verso i genovesi e il loro Spazio Targa (che in questi…

23 Jul 2010 Live

Read more

Philippe Petit - Hitch-Hiking Thru Bronze Mirrors (The Extraordinary Tale…

Terzo e ultimo capitolo della saga della ragazza limone per Philippe Petit: le coordinate sonore su cui si muove questo…

17 Dec 2012 Reviews

Read more

Spam & Sound Ensemble – S/T(Retroazione/Tannen, 2013)

Ivan Antonio Rossi è fonico e produttore di comprovata esperienza, attivo coi nomi più disparati, dai Pooh agli Zen Circus,…

12 Apr 2013 Reviews

Read more

NOfest! 2012 - 22/06/12 Spazio 211 (Torino) Prima parte

Ci sembra inutile, nel presentare la quarta edizione del Nofest!, aprire la con la solita tirata sulla qualità della proposta…

02 Jul 2012 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top