Napalmed – III (Autoprodotto, 2008)

Dio santo, se solo esistesse una giustizia a questo mondo gente come la Parodi starebbe sciogliendosi sotto ad una colata di sperma di uno dei mostri di Alien e le pellicole di Muccino non andrebbero neppure bene per essere trasmesse durante i cineforum scolastiche di terza media, ma da quand’è morto Marcinkus è anche vero che la qualità dei cattivi è davvero scadente. Sono giusto tempi in cui il rumore può solleticare le fantasie artistico/erotiche di un pubblico rock che d’improvviso scopre la caciara grazie ad uno sdoganamento indie (Sub Pop) di roba come i Wolf Eyes e così via…e così una serie di sciamannati americani (anche fighi, va detto!) sono pronti a seguirli a ruota. 
Ma prima del No Fun Fest, prima di Carlos Giffoni, molto prima, i Naplmed sul loro lato di un celebre split cd già rompevano il deretano al buon Masami Akita (Merzbow). Quando metà degli yenkee dell’era Bush junior si avvicinava timidamente al distorsore recuperando vecchie cassette marce dei loro fratelli più vecchi che avevano avuto incubi a suon di Maurizio Bianchi, Intrinsic Action, Masonna, Skullflower, etc… quando ancora metà di questi ex-rockers in cerca di novità stava per cambiare pelle… allora, i Napalmed c’erano e si facevano sentire pur venendo dal buco del culo del mondo e mentre la loro stessa patria non esiste più sotto quel nome (Cecoslovacchia), loro sono rimasti. La cosa buffa è che a dispetto del nome e di una certa ruvidità di fondo, i due slavi non si sono mai fermati alla pura e semplice ignoranza: grezzi sì, ma ignoranti per nulla… freak semmai, quello sì e pure tanto. Per questa nuova uscita dalla grafica favolosa (una specie di composizione tipo calendario con i diversi strati multicolori che vanno a formare un'unica cover) Radek e Martin prendono un’unica sessione e l’assemblano con alcuni materiali provenienti da una precedente registrazione. Quello che ne risulta è un tappeto powernoise morbido (non scherzo: zero cafoneria!) che viene intervallato da pause in cui oltre a dei rumori di acqua o di qualche materiale liquido che gocciola qualcuno dei due emette dei rumori all’interno di un tubo e poi ancora rumore, rumore, a tratti più tenue a tratti più fitto ma sempre con quel piglio live e con quel gusto retrò-industriale che a metà delle cazzate “pomp up the volume” molto spesso manca. Eh, sì, è proprio quella la grossa differenza, per quanto rozzi e a volte primitivi, i due rumoristi slavi non si improvvisano a fare del casino senza costrutto e senza nessuna ragione all’infuori del caos fine a se stesso, infatti la traccia ha un suo sviluppo ed un’identità molto più marcata di una marea di ciofeche fatte in cinque minuti. Il suono è molto bello pur essendo cartavetrato e per nulla superprodotto, l’effetto globale è quello di un bel lavoro freak-noise cresciuto a botte di ascolti e di sessioni. Insomma direi che si tratta della concretizzazione di due perle differenti, ovvero: che "l’improvvisazione non si improvvisa" (Anthony Braxton) e che "some trips last forever” (Government Issue)… e se 79:50 non sono un trip: buona camicia a tutti!

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Adamennon + Maximilian Bloch + Dielle Green – Le Sette…

Avete presente quei film dell’orrore, dei quali Rosemary’s Baby è l’esponente più nobile (ma potremmo citare anche sceneggiati d’autore come…

25 Aug 2020 Reviews

Read more

Torturing Nurse + Cassa Ufficio Malattie Tropicali – Songs For...…

Grande! Era veramente da una vita che non sentivo un disco così "ignorante", se poi questo sia un pregio o…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Balmorhea - Rivers Arms (Western Vinyl, 2008)

Quando la Western Vinyl mi ha contattato per recensire i Balmorhea ero un po' titubante, ho visto che in catalogo…

22 Jan 2008 Reviews

Read more

Tomahawk - Oddfellows (Ipecac, 2013)

Tornano i ragazzi terribili. Se ancora non vi siete stancati dell'inesauribile trasformismo di Mike Patton certamente anche stavolta non sarete…

09 Apr 2013 Reviews

Read more

...qualcosa come Old Bicycle Records ma 10 anni fa: Haru…

A volte basta un input per scatenare il passato, ricostruendo il percorso che ci ha portato fino a questo momento…

08 Aug 2016 Articles

Read more

St.Ride - Primitivo (Niente, 2011)

Gli St.Ride sulla loro Niente records continuano a sfornare dischi e arrivano con Primitivo, che altro non è se non…

30 Nov 2011 Reviews

Read more

Bellini - The Precious Prize Of Gravity (Temporary Residence, 2009)

Emma Dante ripete spesso ai propri allievi di non andare a cercare fortuna a Roma perchè la città è…

09 Jun 2009 Reviews

Read more

That Fucking Tank + G.I. Joe 10/04/09 Arci Kroen (Villafranca…

Va in scena al Kroen la notte dei dui (si può dire "dui"? Vabbè, licenza poetica). I veneti G.I.…

21 Apr 2009 Live

Read more

Roberto Bertacchini – Cotraddizioni (Phonometak, 2011)

Roberto Bertacchini è purtroppo uno dei segreti meglio celati della musica di casa nostra. Se negli anni '70 un personaggio…

08 Feb 2012 Reviews

Read more

Limbo - Unholy Rituals (Radical Matters, 2010)

Gianluca Becuzzi rispolvera il nome Limbo in un periodo per lui molto denso in termini di uscite discografiche, ma del…

12 Apr 2011 Reviews

Read more

Harold Nono - To The River Lounge (Bearsuite, 2007)

A quanto pare questo disco è uscito qualche tempo fa, ma l'etichetta al tempo dell'uscita era sprovvista di soldi e…

22 Mar 2008 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti - Rumors (Santeria/Escape From Today, 2015)

Paolo Spaccamonti è una persona gentile ed educata che ormai da svariati anni porta avanti il suo percorso musicale completamente…

06 May 2015 Reviews

Read more

Colleen Green - Sock It To Me (Hardly Art, 2013)

In heavy rotation in macchina da settimane, il disco di Colleen Green verrà testè premiato con una recensione incensante. Drum…

18 Sep 2013 Reviews

Read more

Atlantic/Pacific - Meet Your New Love (Arctic Rodeo, 2010)

No amici, non si tratta di uno split, ma del nome per il progetto scelto da Garrett Klahn già in…

07 Sep 2010 Reviews

Read more

Francesco Serra – S/T (Fratto9 Under The Sky, 2017)

Suono, spazio e visione sembrano essere i tre vertici entro cui si muove il lavoro di Francesco Serra - cagliaritano…

15 Jan 2018 Reviews

Read more

Lilies On Mars - Wish You Were A Pony (Elsewhere…

Vivono a Londra, ma i due terzi femminili dei Lilies On Mars sono italiani. Lisa e Marina hanno collaborato con…

05 Jun 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top