[mumble]³ – S/T (Autoprodotto, 2010)

Mumble Mumble Mumble (così si legge il nome [mumble]³ ) arrivano in tandem da Torino, ancora una volta basso/batteria senza voce. Il disco, registra in presa diretta, è diviso in due parti, la prima con quattro pezzi "veri e propri" (così li definiscono loro), la seconda con tre improvvisazione e vede al missaggio e mastering il leggendario Tino Paratore, che i reduci ella scena HC sabauda (e non solo) conosceranno certamente.
Non è una bella cosa da dire di un gruppo con un nome così cerebrale, ma le tracce più pensate sono di gran lunga le meno interessanti. Saranno forse i titolo massonici a portare sfiga, ma P1, P2, P3, P4 non vanno al di là del solito basso ultradistorto alla Zu e batteri ipercinetica, con pezzi compressi in tempi piuttosto brevi. Non che siano malfatti, ma di queste cose francamente non se ne può più e non da oggi. Tutto si ribalta nei successivi tre pezzi, forse anche grazie all'ingresso di un polirumorista che si cimenta con voce, bottiglie vuote, tubi corrugati flessibili: pur conservando l'attitudine lo-fi e la ruvidità di fondo, i volumi si abbassano e i tempi dilatano. In A1 un basso gorgogliante su un tappeto di piatti vibranti va alla ricerca dei giusti giri, come un vecchi motore che fatica ad avviarsi; la batteria sembra assecondarlo per un breve tratto e si ha l'impressione che possa venire fuori qualcosa di strutturato, ma è un fuoco di paglia. Si chiude con un nulla di fatto, ma l'intelligente orchestrazione del pathos tiene vivo l'interesse fino alla fine. T1 è un pezzo più dritto e tutto sommato interlocutorio che fa da apripista al blues scarno e notturno di A2, la vera perla del disco. Un basso pulito ma che di tanto in tanto sale fin quasi ai limiti della saturazione, battiti e suono come di maracas metalliche (?!), voce che intona una melodia disturbata per poi farsi sussurro quando la canzone si rarefà ulteriormente, con un accenno di percussioni discontinue e solo le quattro corde a tenere la rotta. A mio modo di vedere è decisamente questo il percorso più produttivo per il gruppo. "Improvvisare, adattarsi e raggiungere l'obiettivo", direbbe Gunny Highway.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Meteor – Anemici/Sangue Dalle Rape (Bosco/Sanguedischi/In Limine/Incisioni Rupestri, 2010)

Quattro pezzi in quattro minuti e diciotto secondi: i Meteor sono un gruppo col dono della sintesi oltre a quello,…

20 Jul 2010 Reviews

Read more

Ensemble Uzi - S/T (Autoprodotto, 2009)

Fa uno strano effetto sapere che un terzetto del genere, musica improvvisata che evita accuratamente la struttura…

28 Jul 2009 Reviews

Read more

Far - At Night We Live (Arctic Rodeo, 2010)

Ritornano i Far, per qualcuno degli illustri conosciuti ma resta che si tratta di un gruppo con parecchi dischi all'attivo…

23 Jun 2010 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi AKA Kinetix: Out Of The Limbo

Anche Gianluca Becuzzi/Kinetix, come altri di cui abbiamo parlato in precedenza, muovendosi spesso senza il supporto delle riviste specializzate (soprattutto…

13 Aug 2007 Interviews

Read more

Adamennon – MMXII (Autoprodotto, 2012)

C'erano ancora margini di sviluppo nel discorso musicale di Adamennon dopo l'album Nero, che pur avevamo identificato come punto di…

19 Dec 2012 Reviews

Read more

Lite - Filmlets (Transduction, 2007)

I giapponesi hanno una cultura che non sono mai riuscito a capire bene: riescono a inglobare elementi dall'esterno in modo…

26 Jan 2007 Reviews

Read more

Don Vito/Bogong In Action – Split 7” (Lemming/Brigadisco et al.,…

Merita una segnalazione questo split in vinile diviso fra Don Vito, gruppo che, a discapito del nome, proviene dalla Germania …

20 Jan 2012 Reviews

Read more

Andrea Senatore - Vulkan (Minus Habens, 2014)

Avevamo lasciato il talentuoso compositore oltre un anno fa all'interno della preziosa collaborazione con Giovanni Sollima (sempre su Minus Habens).…

08 Jul 2014 Reviews

Read more

Plaisir - The Cosmic Key & The Comic Mood (Autoprodotto,…

Per coronare una settimana bruttina mi metto ad ascoltare gli ultimi demo-autoproduzioni che aspettano sulla pila degli arretrati: assicuro che…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Io, Monade Stanca – The Impossible Story Of Bubu (Africantape,…

Il primo scoglio da superare è il nome, più adatto a un romanzo di Susanna Tamaro che non a un…

29 Oct 2009 Reviews

Read more

Inutili - Unforgettable Lost And Unreleased (Aagoo, 2014)

Con non scusabile ritardo torno ad occuparmi degli Inutili dopo il 12" Music To Watch The Clouds On a Sunny…

30 Sep 2015 Reviews

Read more

Barbara De Dominicis: lady sings the blues, ma non solo

Ho conosciuto Barbara De Dominicis grazie ad Anti-Gone, il suo debutto in solo, un lavoro a-melodico ma al tempo stesso…

06 Oct 2012 Interviews

Read more

HYSM?Duo – All Impossible Worlds (Neon Paralleli, Wallace, HYSM?, Lemming…

Il duo Spataro/Fiore si rifà vivo con quello che è loro quarto album, certamente il loro più accessibile: dato un…

19 Feb 2015 Reviews

Read more

Gypsophile - Assunta (Lenka Lente, 2006)

Non so praticamente nulla della canzone francese, i "buchi" nelle mie conoscenze musicali sono grossi come crateri; Guillaume Belhomme scrive…

03 Sep 2006 Reviews

Read more

Jackpine - Return To Zero EP (Wild Love, 2009)

Stavo per esordire dicendo che Return To Zero è lo stesso titolo di un album dei Man Or Astro-Man? ma…

17 Oct 2009 Reviews

Read more

Iztok Koren - Lonely Hymns and Pillars of Emptiness (Torto…

Il polistrumentista sloveno (già membro degli avantfolk Sirom) ci proprone questo lavoro rarefatto e malinconico interamente concepito e suonato in…

05 Jul 2021 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top