Mulo Muto/Beta – Tape Crash #11: The Examination (Old Bicycle, 2014)

Nell’undicesimo scontro della serie su cassetta ideata dalla Old Bicycle estraiamo dalle lamiere gli svizzeri Mulo Muto e i padani Beta, filiazione dei temibili Viscera. Siamo al cospetto di una delle uscite più fragorose della rassegna e in assoluto dell’etichetta, anche se i due gruppi danno del rumore ciascuno una propria personale interpretazione.
I Mulo Muto – duo per chitarra, synth, nastri e rumori – più che un equino ricordano nel suono una creatura degli abissi; il loro brano, lungo nel minutaggio e nel titolo (When The Sounds Of Nature Collide With Our Inner Selves And Resurface As A Stream Of Noise), è musica per fondali bui e fangosi dove si muovono esseri minacciosi. Droni profondissimi punteggiati da pulsazioni che ricordano un sonar e che, anche quando sembra emergere in superficie, non diventano certo ariosi. Solo sul finale si trova un po’ di pace, con una chitarra che dipinge più placidi paesaggi ambientali. Nulla di troppo diverso da molte produzioni di genere, ma a fare la differenza è la cura minuziosa riservata al suono, potente da far vibrare le viscere ma sempre –passatemi il termine – ascoltabile: sembra impossibile possa uscire da un oggetto così piccolo e innocuo. La copertina –opera di Berlikete – con una distesa di tentacoli al centro della quale si apre una nera voragine, si addice particolarmente alla loro metà di nastro.
In due sono anche i Beta – che si dividono fra chitarre, macchine e voci – e ci mostrano un lato del rumore più elaborato ma non meno disturbante. La loro metà è frazionata in sei pezzi e anche se non si può dire lavorino sul formato-canzone, sono apparentemente più tradizionali dei compagni; eppure, partendo da forme riconoscibili –folk, impro, post-rock- ci regalano un disco intenso e ricco di suggestioni, difficilmente circoscrivibili entro generi definiti. Si inizia con delle penante secche e una voce che invita al silenzio, rimarrà inascoltata, poi  sono pulsazioni e riff circolari, melodie livide ed epiche, chitarre che si librano su tappeti di rumore col quale, ogni tanto, non disdegnano flirtare. È da uno di questi momenti che emerge una Behind The Rose dei Death In June che si discosta dall’originale per avvicinarsi al Martyn Bates più sperimentale e che segna l’apice emozionale del lavoro, prima di una chiusura fra melodie vagamente mediorientali e atmosfere oppiacee. Forse non tutti gli spunti vengono sviluppati – il minutaggio è d’altra parte limitato – ma il terreno preparato da Beta è fertile e promettente e questi sono solo i primi, anche se già ottimi, frutti.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Kitchen Door - Sodapop Edition n.1

Ecco il richiestissimo ritorno del funambolico duo del nord-est: i nostri diggei ci propoinano anche questa volta una degna scaletta…

20 May 2009 Podcasts

Read more

Einsturzende Neubauten + Deus + Blond Redhead - 01/09/2018 Piazza…

Tre headliner di tutto rispetto per una serata dal sapore quasi antico. E’ innegabile osservare come sia Deus che Blond…

09 Sep 2018 Live

Read more

Andrew Quitter - Forgotten Farms (Diazepam, 2012)

Andrew Quitter pubblica un cassetta C30 per la Diazepam di Mauro Sciaccaluga (Ur, Shiver, Wailing Of The Winds) dal sapore…

11 Apr 2013 Reviews

Read more

Corrections House - Last City Zero (Neurot, 2013)

Con Corrections House ancora una volta ci troviamo tra La Strada di Cormac McCarthy e Walking Dead. Scott Kelly ormai…

18 Feb 2014 Reviews

Read more

Camilla Pisani - Frozen Archimia (Midira, 2020)

Camilla Pisani approda sulla tedesca Midira con un nuovo lavoro che esprime bene la consapevolezza della sua visione. I sei…

17 Mar 2020 Reviews

Read more

Gianni Lenoci/Gianni Mimmo - Reciprocal Uncles (Amirani, 2010)

In contemporanea al duo che vede coinvolto Cristiano Calcagnile e Monica Demuru (Blastula) la Amirani spara quest'altra coppia che vede…

06 Apr 2010 Reviews

Read more

Barn Burning - Werner Ghost Truck (Tarnished, 2007)

Barn Burning è il titolo di un racconto di Faulkner: se conoscete questo scrittore e date una occhiata al campo…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Sakee Sed – Alle Basi Della Roncola (Mousemen, 2010)

Quelle contenute in Alle Basi Della Roncola, esordio dei Sakee Sed, sono canzoni da balera, o da saloon, suonate con "sentimento…

24 May 2010 Reviews

Read more

AA.VV. - Quit Having Fun (Boring Machines, 2009)

Prima compilation per Boring Machines, e anche se non sono assolutamente un fan della raccolte in genere (per non parlare…

06 Nov 2009 Reviews

Read more

Adamennon – MMXII (Autoprodotto, 2012)

C'erano ancora margini di sviluppo nel discorso musicale di Adamennon dopo l'album Nero, che pur avevamo identificato come punto di…

19 Dec 2012 Reviews

Read more

Il Lungo Addio – Fuori Stagione (Wallace/Old Bicycle, 2016)

Nonostante gli illustri nomi che accompagnano il progetto, il lavoro del Lungo Addio risulta fiacchissimo e noioso fin dalle prime…

28 Oct 2016 Reviews

Read more

Papier Tigre - Recreation (Africantape/Murailles Music, 2012)

Un amico entra in casa mentre ascolto Recreation ed esclama:"Ah. Sei nel periodo Shellac?". Ok. Magari non è proprio l'amico,…

03 Apr 2012 Reviews

Read more

...qualcosa come Old Bicycle Records ma 10 anni fa: Haru…

A volte basta un input per scatenare il passato, ricostruendo il percorso che ci ha portato fino a questo momento…

08 Aug 2016 Articles

Read more

Prospekt - Airlines (Intellilab, 2008)

Ed eccolo qui il secondo lavoro dei bresciani Prospekt: dalla musica per aeroporti a quella già in volo. Un deciso…

04 May 2008 Reviews

Read more

Alessandro Ragazzo – Cinque Studi Sul Paesaggio (Disipatio, 2020)

Prima uscita sulla lunga distanza per Alessandro Ragazzo, musicista di area veneta che dopo alcune cassette e cdr esordisce sulla…

11 Jan 2021 Reviews

Read more

Yama-Akago - Wheel Of Fortune (Sottomondo, 2008)

Alla faccia di chi pensa che anche nel bel pese non ci siano etichette con un fegato spaventoso un’altra uscita…

28 Sep 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top