Mulo Muto & Black/Lava – Worlds Corroding Under Xenomorphs’ Ejaculations (Cheap Satanism, 2022)

Dal confine italo-svizzero – ideale punto d’incontro fra le due entità che collaborano in questo progetto – allo spazio profondo il passo non è breve, ma la musica, specie quella così scura e rumorosa, ha la facoltà di accorciare le distanze e portare fra noi l’immaginario Alien-o con tutte le sue pregnanti metafore. Ecco dunque Mulo Muto e Black/Lava, in assetto di doppio duo, sfoggiare un armamentario a base di chitarra baritono, percussioni di varia natura, synth, field recordings e rumori a profusione che tuttavia, da solo, non può far intuire quello che attende l’ascoltatore: un abisso di cupo rumore che sembra emergere dalla messa a nudo dei più reconditi recessi dell’anima dei quattro musicisti piuttosto che da un lavoro a tavolino. Provando però a razionalizzare, quello che il quartetto fa è prendere il meglio del suono Earache a cavallo fra ’80 e ’90, diciamo Scorn, Godflesh e Fudge Tunnel, rallentandolo e dilatandolo fino a disarticolarlo completamente, ben oltre ciò che abbiamo ascoltato nei lavori precedenti dei due progetti separati, ma anche in qualsiasi tentativo di evoluzione della musica delle suddette sigle: simili a muscoli che si staccano dalle ossa e tendini si sfilacciano, i pattern ritmici viaggiano disassati rispetto agli stridori metallici da fonderia e al groove alla deriva nello spazio siderale; ascoltate l’iniziale A Sincere Consideration Of Human Achievements And Failures o Deserving Of Your Joyous Misfortunes e sentirete tutto questo accadere. Di fatto il suono, pur conservando evidenti tracce del DNA originale, va incontro a una mutazione: il peso atomico rimane lo stesso ma non c’è più alcun punto di riferimento o una forma riconoscibile. Che, talvolta, il risultato possa genericamente essere catalogato come dark-ambient (Comfortably Slaying Scream Queens For Martian Breakfast) o death-industrial (Cum In My Guts Before I Annihilate You) non è una scelta stilistica, ma il prodotto del processo sopra descritto: il rock, morto mille volte, si adegua al presente, una realtà che fatichiamo a nominare, dandosi una forma in continuo cabiamento, pur rifuggendo la totale astrazione che troppo spesso aratterizza questo ambito musicale. Qui la possibilità di abbandonarsi e interpretare da parte dell’ascoltatore è estremamente ridotta: quello che i musicisti vogliono comunicarci è evidente e poco rassicurante e se non lo avete capito nel corso di tutto l’album, la conclusiva Betrayal Of The Sun, un delirio techno-caos-core degno di Phantomsmasher, ve lo spiegherà senza possibilità di fraintendimento. Con Worlds Corroding Under Xenomorphs’ Ejaculations Mulo Muto e Black/Lava portano avanti magistralmente l’idea di un artigianato capace di riassemblare il macchinario musicale/tecnologico in nuove forme e per nuove funzioni, portandolo a riformulare le risposte. Che, sappiatelo, non vi piaceranno.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Montezuma – Di Nuovo Lontano (Dischi Dell'Apocalisse/Dicks And Decks/OnlyFuckingNoise/Mukkake, 2011)

Sarà sempre la solita questione anagrafica, ma immagino per un momento di tornare indietro un paio di lustri orsono  inneggiando…

17 Jan 2012 Reviews

Read more

Zac Nelson – Domain Of Pure Speculation (Second Family, 2011)

Torna su queste pagine una produzione della parmigiana Second Family Records, che stavolta è volata fino a Portland per pescare,…

30 Jan 2012 Reviews

Read more

A Flower Kollapsed - Orsago (Shove/Gaffer/Holidays, 2007)

Il "conte" Piacenza a qualche tempo mese da ora, nel mezzo di "cammin di nostra vita" verso il Leonkawallo mi…

30 Jan 2007 Reviews

Read more

Istituzioni Ambiente Naturalismo - Luminamenti (Monstres Par Exces, 2008)

CD-r ma in copertina extralusso digipack, nel cui interno fa bella mostra una foto di un gatto spappolato sulla strada:…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

The Orange Man Theory - Giants, Demons And Flocks Of…

Indefessa e decisa la band romana The Orange Man Theory continua il proprio percorso interrotto con il precedente lavoro muovendosi…

07 Jan 2014 Reviews

Read more

Meshuggah - ObZen (Nuclear Blast, 2008)

Attesissimo ritorno per la band scandinava che, contrariamente al loro stile, si ripropone in un lavoro lineare e, apparentemente,…

15 Apr 2008 Reviews

Read more

On Fillmore/Pupillo, Kazuhisa, Yasuhiro - Phonometak Series #7 (Phonometak/Wallace, 2010)

Era un da un po' di tempo che mi chiedevo che fine avessero fatto questi due geni, perché al di…

26 Mar 2010 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Archipelago EP (Other Electricities, 2013)

Secondo episodio della discografia di Giulio Aldinucci dopo l'abbandono del monicker Obsil e prima uscita su cassetta, questa volta per…

17 May 2013 Reviews

Read more

The Drift - Money Drawings (Temporary Residence, 2008)

Parlando di questi The Drift possiamo aprire su tutta una serie di considerazioni più o meno interessanti a seconda di…

12 Feb 2008 Reviews

Read more

Carla Bozulich – 8/12/12 Lenz Teatro (Parma)

Carla Bozulich dal vivo a Parma, nell'ambito del festival Natura Dèi Teatri organizzata dal Lenz, è un'occasione da non perdere,…

14 Dec 2012 Live

Read more

Nadja + Whitehorse + Ivens + MV - 15/10/10 The…

Arriviamo giusto in tempo all'ultima data disponibile nel continente australiano per vedere i Nadja, che hanno accompagnato i Dead Meadow…

12 Sep 2010 Live

Read more

Gabriele Gasparotti - Istantanee Vol.1 (Diodrone, 2019)

Il presupposto fondamentale con cui avvicinarsi a queste istantanee non è immediato benchè sia incastonato nella copertina medesima, autentica dichiarazione…

21 Apr 2020 Reviews

Read more

Hermann Kopp + Lorenzo Abattoir – Psicopompo (4iB, 2015)

Hermann Kopp e Lorenzo Abattoir non si sono mai incontrati, magari non lo faranno neppure mai. Si incontra però la…

20 Jul 2015 Reviews

Read more

Meneguar - Strangers In Our House (Troubleman United, 2007)

Avete mai notato che i dischi più fighi non li recensisce mai nessuno? Nelle liste di fine anno di solito…

11 Dec 2007 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Tarsia (Nomadic Kids Republic, 2012)

Il nuovo lavoro di Giulio Aldinucci esce per una etichetta giapponese e questo mi conferma l'idea che mi ero fatto…

13 Nov 2012 Reviews

Read more

Vitas Guerulaitis – S/T (Cheap Satanism, 2011)

Tempo fa (quando? boh!) l'avrebbero chiamato art-rock, per dare un nome a certi ritmi sghembi e a voci storte e…

16 Dec 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top