Mondo Candido – Bizarre (Silence, 2006)

Ascoltare un nuovo disco dei Mondo Candido è, ogni volta, come sbirciare dalla vetrina di un negozio d'abbigliamento di lusso, alta moda: guardare ma non toccare. Tragicamente il revival delle sonorità italiane degli anni '60 e '70 ha imboccato vie tanto meno definite, a livello comunitario, quanto più dispersive, sul piano delle scelte personali. Molti si sono intruppati in un modo di essere alla "lo famo beat-strano", caschettandosi i capelli e zampettandosi le braghe. Un po' surf e un po' naive, alla maniera dei nostri incolti genitori capelloni. Poi c'è chi da anni ha fiutato chissà cosa, di sicuro non il successo sperato, come i Ridillo; ogni volta che esce fuori il loro nome ti percorre la schiena un orrendo brivido dalle fattezze di Red Ronnie e speri sia solo un brutto sogno. Poi c'è la frangia oltranzista degli ironici, quelli che stenti a credere che stentino a credere di starci dentro: i Montefiori Cocktail sono gli archetipi di questo sparuto plotoncino, in fuga per un mondo migliore, dove la Linea di Cavandoli torni in TV e non solo su magliette da 30e l'una. Ritornando alla metafora dei vestiti possiamo definire negozi vintage e dell'usato le tipologie di questi ultimi loungeofili, originali ma costosi, e dei capelloni, tarmati e contenti. I Ridillo li nascondiamo in fondo all'armadio e non ne parliamo più, ok? Però, si è detto, i Mondo Candido sono quel profumo intravisto dietro i manichini dei negozi ultra-chic, no? La bizzarria (per la pronuncia sentire la strascicata e sexy erre del singolo Bonjour L'Amour) di questo gruppo, con cui ormai ci scontriamo da anni, è l'aspetto impeccabile e la posizione invidiabile dei loro prodotti nel mercato. Li avevamo lasciati alle prese con una evoluzione meno clubbara, mai negata neanche qui, e più latin e classy del loro sound d'elezione. Gli avevamo augurato più o meno chiara fama e l'arrivo ad una (agognata?) visibilità alla Buddha Bar. Archiviati questi risultati, ecco che il pacchetto Moca trova la sua dimensione; sempre più dipendente dalla voce di Luisella, a suo agio a girare, microfono in mano, nella chill-out zone delle discoteche più in voga, alla ricerca di un principe ballerino che condivida con lei una Samba a Metà. La scrittura del duo Marrucci/Querci si libera da quella patina troppo club oriented e si allarga nel pop. Sempre più pop, dunque. Soul (la divertente La Rivoluzione), beat (Graffi Al Cuore) e una spruzzata di anni '80 (in Boy Say Ciao, ma, vi prego, forse non siamo ancora pronti a certi ripescaggi!); stili che caratterizzano i brani, invero mai troppo slegati, anche quando si salta dalla bossa jazzata, in Un'Altra Notte, alla distorta colonna sonora da poliziottesco, nel mio pezzo preferito del disco Allarma Rosso. Al solito. Da fuori della vetrina, mentre appanniamo il vetro respirandoci sopra, si godono sempre le stesse vibrazioni positive degli altri loro dischi: e l'appannamento e la mancanza di voglia di entrare sono solo nostra precisa decisione. Via si va e si sa cosa ci si lascia indietro, polemiche incluse, senza stupirsi, e senza curarsi, di quanto bene o quanto in alto i Mondo Candido continuino ad andare.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Adam Wolf - Songs I/II (Autoprodotto, 2018)

Adam Wolf ha due band di musica energica e chitarrosa (Wolfhand e Sleeping In), non particolarmente originali: le foto dei…

01 Mar 2018 Reviews

Read more

23RedAnts & Pablo Orza - Nothing Here Is What It…

Il sodalizio fra i 23RedAnts (Macarena Montesinos al violoncello e Niet F-n all’elettronica) e il chitarrista Pablo Orza ha funzionato…

14 Apr 2017 Reviews

Read more

Appliance - Re-Conditioned (RROOPP, 2010)

Etichetta interessante la RROOPP, si concentra su pochissime uscite, una all'anno e poi stampa un triplo cd di una formazione…

03 Nov 2010 Reviews

Read more

Nils Rostad – Ujamat/Harmony Hammond (Solar Ipse, 2013)

Più che una ristampa quella che ci propone la Solar Ipse è l’edizione CD dei due più recenti album di…

28 Feb 2014 Reviews

Read more

Luminance Ratio - Honey Ant Dreaming (Alt.Vinyl, 2016)

Esce per Alt.Vinyl il terzo disco dei Luminance Ratio e va a fare compagnia al nutrito catalogo dell'etichetta inglese: d'altronde…

19 Sep 2016 Reviews

Read more

AA.VV. - Brucia Imperia Brucia (Good Vibes, 2007)

Certamente per una buona causa. Chi vive all'estrema periferia dell'impero, emblematicamente gli abitanti di Imperia, non vuole esser dimenticato…

15 Jun 2008 Reviews

Read more

Nodolby - Deranged/Unlaced (Sincope, 2012)

Uscita interessante per Nodolby, moniker usato da Michele Scariot dell'etichetta Dokuro, già in passato presente su Sincope con uno split…

04 Mar 2013 Reviews

Read more

Jenny Wilson - Love And Youth (Rabid, 2005)

Vestito color carta da parati sbiadito, scialle della nonna, voce splendidamente stridula e due occhi dolcissimi che ti fulminano.…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Ufomammut & Lento - Supernaturals Record One (Supernaturalcat, 2007)

Ritornano carichi pesanti e carichi liquidi: una metafora da broker navale che ben sintetizza questo felicissimo connubio. E ancora una…

26 May 2007 Reviews

Read more

Green Beret - Part 1 & Part 2 (Sabbatical, 2008)

I tre berretti verdi sono stati assoldati per l'undicesima uscita Sabbatical probabilmente perché hanno le carte in regola per fare…

09 Nov 2009 Reviews

Read more

Vortice Di Nulla – The Roundabouts Mania (Trazeroeuno, 2010)

A dispetto delle malinconiche immagini del packaging del cd, si presentano invece rocciosissimi all’ascolto questi Vortice Di Nulla. Si muovono…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

Blistrap - Remotion (Setola Di Maiale, 2009)

Nuove uscite su Setola Di Maiale ed alcune vedono coinvolto il patron stesso dell’etichetta che come immagino sappiate è il…

20 Sep 2009 Reviews

Read more

Tim Berne & Los Totopos - 21/01/11 Teatro Torresino (Padova)

Tim Berne. Un uomo che ha lavorato con tutti i nomi "che contano" in un certo modo di fare jazz,…

03 Feb 2011 Live

Read more

Shiver - Born To Lose (Diazepam, 2011)

Dietro a Shiver c'è Mauro Sciaccaluga, che oltre a suonare in Ur, Stalker e Downright, da un paio di anni…

05 Dec 2011 Reviews

Read more

Roberto Fega - Echoes From The Planet (Setola di Maiale,…

Il difficile e nobile percorso creativo di Roberto Fega sboccia questa volta in un concept incentrato sul drammatico (e spesso…

03 Jan 2020 Reviews

Read more

Limbo - Unholy Rituals (Radical Matters, 2010)

Gianluca Becuzzi rispolvera il nome Limbo in un periodo per lui molto denso in termini di uscite discografiche, ma del…

12 Apr 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top