Mon Electric Bijou – Terror At The Gates (Delta Poison Productions, 2012)

Un’insolita flemma che si è impossessata di me negli ultimi mesi ha fatto sì che parli di Mon Electric Bijou solo ora. Recupererò, e decisamente non solo per farmi perdonare, dicendo subito che questo è un disco che ha incontrato molto il mio favore. Terror At The Gates (che mi viene spontaneo completare con ‘…Of Dawn’. Risate per i miei flussi di coscienza, grazie) è un lavoro che deve molto al mondo dell’indie e lo ringrazia con tracce eleganti, un ben dosato miscuglio di melodia e noise leggero – Feather Of Columbia -, un suono personalizzato da una chitarra spesso pulita da ogni effetto a disegnare la strada della canzone più ancora della voce – Snaggletooth e Lucifer Rising sono una progressione in stile post rock -.
E’ piacevole notare l’eterogeneità della proposta: c’è diverso spazio, infatti, per quel che sembra ispirarsi al blues dalle distorsioni grasse di Jon SpencerVampire Avenue – e all’alt-country (con ovvio uso di slide) da ballata sud-statunitense – American Revolver, A Stolen Reel -. In verità non mancano neppure alcuni pezzi strumentali – Aftermath, Walking High Steel – che trasudano sonorità dilatate e loop ad arte ed è fin troppo facile per me andare mentalmente a ripescare immagini girate (o suoni creati) da Vincent Gallo. Quinto album in dieci anni di attività per la band di Montreal a segnare, oltre che una discreta prolificità, una costanza qualitativa mica male. Appunti dettati dalla curiosità che mi contraddistingue: chissà se il Bijou elettrico che dà il nome a questi canadesi è la semiacustica di Martin Saz che, dalle foto dei live, parrebbe proprio un gioiellino…

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Lucertulas + Kelvin + Putiferio | Robot Macina Fest -…

Partiamo dalla fine: come concludere meglio una serata di musica se non beccando Max Pezzali all'autogrill, per di più accompagnato…

08 May 2011 Live

Read more

Five Rooms - No Room For Doubt (Amirani, 2010)

Five Rooms non è un gruppo nuovo scoperto dalla Amirani ma una vera e propria all star band che vede…

01 Mar 2010 Reviews

Read more

AA.VV. - Tra(x)cce Su Eicool Sat. (Eicool Sat., 2007)

Per quanto sia rimasto relativamente perplesso nel leggere le note interne di questa compilation, tanto da pensare che Burroughs in botta…

24 Sep 2007 Reviews

Read more

Bobby Soul & Blind Bonobos – Live At Meg Mell…

Ancora lui. Sempre lui. Maledettamente gigione, maledettamente educato, simpatico e dotato. Bobby Soul in una perpetua trasformazione di umori, non…

31 May 2013 Reviews

Read more

The Child Of A Creek - Hidden Tales and Other…

Dopo circa un anno dal precedente The Earth Cries Blood, l’artista che si cela dietro il nome di The Child…

04 Dec 2014 Reviews

Read more

Newdress - Newdress (Kandinsky, 2010)

Quando si infila nel lettore un cd che si presenta così ben confezionato (illustrazioni di Mirko Pellizzoli, packaging e grafica…

19 Jan 2011 Reviews

Read more

The Death Of Anna Karina - New Liberalistic Pleasures (Unhip,…

I The Death Of Anna Karina  sono dei provocatori. Basta vederli sul palco, basta ascoltare le dediche a M. Placanica.…

17 Jul 2006 Reviews

Read more

Malkomforto - S/T (Taxi Driver/Dischi Decenti, 2016)

Delicato screamo tardo anni Novanta per una band presumibilmente giovane che arricchisce il proprio disagio urbano attraverso una malinconica e…

06 Apr 2017 Reviews

Read more

The Go Find - Brand New Love (Morr Music, 2014)

Il belga Dieter Sermeus porta avanti i suoi The Go Find con un disco ogni tre/quattro anni, siamo arrivati al…

27 Mar 2014 Reviews

Read more

Enzo Rocco/Lol Coxhill - Fine Tuning (Amirani, 2010)

Dopo Braxton e Russell la Amirani si spara un altro monumento vivente dell'avant-impro-jazz anglofono, Lol Coxhill. Per chi non lo…

12 Jul 2010 Reviews

Read more

Mattia Coletti & Own Road/Powerdove – Split Tape (Old Bicycle,…

Una particolarità degli incontri/scontri che la serie Tape Crash della Old Bicycle ci presenta - oltre alla grande varietà stilistica…

20 May 2014 Reviews

Read more

Nate Wooley – Columbia Icefield (Northern Spy, 2019)

Si respira da subito una particolare atmosfera estraniante in Columbia Icefield, nuovo lavoro del trombettista Nate Wooley, dove risalta un…

06 Mar 2019 Reviews

Read more

Barzin - My Life In Rooms (Weewerk/Monotreme, 2006)

Dall'iniziale, perfetta, Let's Go Driving sembra arrivato il momento di fare i conti con uno dei dischi del 2006. Poi…

19 Aug 2006 Reviews

Read more

Former Utopia - Colapsar EP (Damnably, 2013)

Parte piano questo EP che rappresenta l'esordio di Former Utopia, trio di londoneers che compiono un viaggio in sei tracce.…

18 Mar 2013 Reviews

Read more

Zeal & Ardor - S/t (MVKA, 2022)

Manuel Gagnieux è ormai arrivato al terzo disco (quello della maturità si sarebbe detto una volta). Terzo album ufficiale, giacché…

03 Apr 2022 Reviews

Read more

Nicolas J. Roncea - Eight (Part One), (Autoprodotto, 2014)

Abbiamo già avuto modo di conoscere ed apprezzare Nicolas J. Roncea in quanto membro degli eccellenti Io Monade Stanca e…

29 Jul 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top