Mob – Polygon (Quatermain, 2007)

Quando mi capita di immergermi in ben due dischi provenienti dallo stesso sottobosco, mi viene da domandarmi subito quale sia il loro posto lì da loro, riportando, in maniera ignorante e poco chiara, il tutto ad una specie di schema che mi sia più familiare, come quello italiano ad esempio. Insieme ai Death By Kite, i Mob vengono da Copenhagen ed escono per l'etichetta danese Quatermain.
Sulla Danimarca, mi perdonerete, ma non so un cavolo di niente. A Copenhagen non ci sono mai stato e, a mia memoria, non ricordo altri gruppi danesi. Non saprei trovare un sodapop.danimarca e, soprattutto, non sarei poi neanche in grado di leggerlo per trovare il bandolo della matassa. Come dicevo, sono uno di quelli che amano trovare sicurezza nelle informazioni della rete. Non dico che cerco sempre dei ganci da cui partire a scrivere, ma farmi almeno un'idea del posto da cui emergono i gruppi mi pare a dir poco necessario. Non sono uno di quelli che crede che i dischi e la musica siano slegabili  dal contesto a prescindere. Ma in casi come questo, dove brancolo nel buio e i miei riferimenti non mi bastano posso solo constatare come questo ep di quattro pezzi, due da cinque minuti, uno da sette e solo uno sotto i tre, costituisca un buonprimo passo per avvicinarsi alla band. Un'introduzione di rock grintoso, dalle chitarre in primo piano per un quartetto classico, che tocca in più di una occasione le corde dei Sonic Youth del periodo grunge, prima metà dei novanta, con le code rumorose che si slabbrano fuori dai pezzi stando dietro ad una batteria metronomica e un basso fin troppo chiaramente ispirato. Nella biografia reperibile su internet si parla di un gruppo dallo status di culto per la Danimarca, e la mia già fin troppo manifesta ignoranza me li accomuna, qui da noi, ad un possibile punto di contatto tra i primi Marlene Kuntz e quei, tanti e troppi, gruppi ispirati, tanto e troppo, ai noisemeisters newyorchesi.
Un Coming Home che inizia con una Ghost Track grazie a cui, in venti minuti, par d'aver già fatto il giro della città: a volte i dischi son fin meglio delle guide turistiche.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Patron And Patron - Gen (Nonine, 2008)

Iniziate a segnarvi il nome di Me Raabenstein perché ho il sospetto che "il ragazzo abbia il risultato nelle gambe",…

16 Sep 2008 Reviews

Read more

Iron Molar – DIYCD (Fucking Clinica, 2010)

Non è facile stare al passo con tutte le uscite del duo Iron Molar: fra album, split e nastri, se…

19 Sep 2010 Reviews

Read more

Mark Putterford - Phil Lynott: The Rocker (Omnibus Press, 2002)

La fascinazione per i Thin Lizzy mi ha preso così per caso, un mattino di settembre. E' una di quelle…

19 Nov 2006 Reviews

Read more

Your Anguish – Heroes & Zeroes (Autoprodotto, 2013)

Heroes & Zeroes, terza prova dei torinesi Your Anguish dopo l’esordio omonimo del 2009 e il Desertified EP del 2010,…

20 Sep 2013 Reviews

Read more

Fuh – Dancing Judas (Smartz/Escape From Today, 2010)

I Fuh vengono da Canale, Cuneo, Piemonte. E’ necessario specificarlo perché la geografia riveste una certa importanza in questo caso.…

18 Mar 2010 Reviews

Read more

Le Scimmie - Colostrum (Red Sound/Metaversus, 2016)

Trio che arriva da Vasto e senza indugio alcuno si lancia nella scrittura dell'inenarrabile. Doom dallo spazio profondo denso di…

16 Nov 2016 Reviews

Read more

Neal Morse - One (InsideOut, 2004)

Vi interessa un parere sul Prog da profana? Dio esiste. Non me ne ricorderò più solo quando bestemmio. Per chi…

25 Sep 2006 Reviews

Read more

Matmos + M.uto - 15/03/13 Interzona (Verona)

La prima tranche della stagione 2013 di Interzona è ricca di bei nomi: si è iniziato con Jon Spencer, che…

22 Mar 2013 Live

Read more

Rock And The City - Quelli Che...

Quelli che fanno i giornalisti, però sono pure musicisti e allora si fanno recensire dalle riviste su cui scrivono senza…

05 Nov 2006 Articles

Read more

American Werewolf Academy - Everything Is Alright So Far (Damnably,…

Non proprio giovanissimo, questo power pop trio da Dallas, dalla produzione abbastanza discontinua negli anni, fatta di 7” e…

24 Nov 2011 Reviews

Read more

Marcus Fischer & Simon Scott - Shape Memory (12K, 2018)

Compagni di etichetta, l'americano Marcus Fischer e l'inglese Simon Scott si sono incontrati a Portland per registrare questo disco avendo…

17 Jun 2018 Reviews

Read more

Cursive + Green Like July - 19/05/12 Twiggy Club…

'I sogni son desideri di felicitààà...' e con un maggio che pare - oggettivamente dal punto di vista meteo e…

08 Jun 2012 Live

Read more

Adriàn Juarez & Zenlu - Random Trip (Chew-Z, 2008)

Proprio di recente comprando un vecchio Nurse With Wound sono ritornato per la miliardesima volta a pensare quanto cazzo fosse…

24 Apr 2008 Reviews

Read more

Davide Maspero/Max Ribaric - Come Lupi Tra Le Pecore…

È un'opera monumentale quella messa insieme da Davide Maspero e Max Ribaric per i tipi della Tsunami, non solo per…

08 May 2013 Reviews

Read more

Gerda/Lleroy – Vipera/Siluro (Bloody Sound Fuctory, 2017)

Fra tutti i 7” della serie Volumorama finora usciti questo marchigiano DOP non è forse quello dal peso specifico maggiore…

02 Oct 2017 Reviews

Read more

Muviments 2012 – 28-29/12/12 Castello Medievale (Itri – LT)

Il Muviments fa otto, una cifra importante, che la dice lunga sulla continuità dell'impegno e sulla dedizione che ragazzi dell'associazione…

12 Jan 2013 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top