MINIM – Construct (Kasuga Records, 2019)

Devo essere sincero, quando leggo che un disco è pubblicato in SD card metto mano alla pistola. Diciamo che, fuor d’ironia macabra, preferisco avere a che fare con formati un po’ più ingombranti e tattilmente godibili. Stavolta però mi sono dovuto ricredere, a malincuore ma è giusto ammetterlo.
MINIM, al secolo Diana Dulgheru, è una sound artist rumena che sperimenta con concetti estremamente formalisti, e per l’occasione agisce sul suono riflettendo sull’opposizione tra costrutto e oggetto inquadrato nell’ottica della filosofia della scienza: un oggetto ideale dipende dalla mente di un soggetto, non è direttamente percepibile ma la sua coscienza si basa su altri concetti che aiutano a spiegarlo.
In base a questa visione estremamente speculativa, e a un tale monicker aggiungerei, la musica composta per Costruct risulta estremamente minimalista (accompagnata ovviamente da un grazioso artwork ridotto a poche linee nere su sfondo bianco).
Siamo nei territori di un Roji Ikeda ancora più liofilizzato e ridotto alla basicità, un sapiente sviluppo di pochi suoni giustapposti omogeneizzati in fredde tracce ritmiche. Metodo già utilizzato egregiamente da gente come Toshimaru Nakamura, qui concepiti ancora con maggiore distanza scientifica.
Otto tracce che sviscerano la ritmicità in modo estremamente cerebrale, muovendosi tra tempi concilianti e improvvise sincopazioni, senza risultare però scostanti nonostante il discorso sia praticamente ridotto all’osso di un glitch strutturalista e gli arrangiamenti si basino su semplici posture di addizione e sottrazione. Il senso della composizione e del dettaglio rende in realtà l’ascolto piacevole, tanto da farti sprofondare in un loop percettivo e mentale che trascende e completa lo sviluppo espressivo dei pochissimi elementi.
Alla fine tutto torna, diventa afferrabile anche la scelta del formato, e la musica, oltre ad affascinare, si sostanzia come una parte di un progetto più grande reso in modo mimale partendo da basi complesse. Il merito è proprio di una freddezza così estrema che sorprendentemente stimola per eccesso tepore, sicuramente cerebrale, e graffia con la sua grana: è pur sempre interessante essere accompagnati da questa colonna sonora mentre si riflette sull’impalpabile metafora che unisce la costruzione di costrutti sonici e l’inafferrabilità dei materiali sonori di partenza. Questo vi spingerà, oltre che a godere della piacevolezza dell’ascolto, anche a mettere più di qualche volta il disco nel lettore card. La prossima volta, comunque, può andare benissimo un semplice compact disc.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Passo Uno - Tartuff (Trazeroeouno, 2009)

Per coincidenza astrale o per semplice combinazione pare che in Italia questo sia l'anno del postrock come colonna sonora: tra…

03 Sep 2009 Reviews

Read more

Marcus Fjellstrom - Epilogue M EP (Rev Laboratories/Aagoo, 2013)

Marcus Fjellstrom è un musicista elettronico qui al suo quinto disco: il background contemporaneo e da colonna sonora si sente…

26 Jul 2013 Reviews

Read more

Il Babau e I Maledetti Cretini – Il Cuore Rivelatore…

Secondo fonodramma della trilogia dedicata dichiaratamente ad Edgar Allan Poe che la band meneghina sviluppa anche stavolta attraverso un booklet…

10 Feb 2017 Reviews

Read more

Demetra Sine Die - A Quiet Land Of Fear (Black…

Strano, ma molto interessante melange sonoro quello proposto dai genovesi Demetra Sine Die dove le contaminazioni virali si affastellano le…

02 Jan 2014 Reviews

Read more

Adamennon/Null - Split (Autoprodotto, 2010)

Si dividono un split (su CD e cassetta) i due oscuri progetti Adamennon e Null. Del primo avete fatto la…

19 Oct 2010 Reviews

Read more

Rosàrio - And The Storm Surges (In The Bottle Records…

Drammatico stoner fanta-apocalittico quello dei veneti Rosàrio capace di evocare volumi liquidi e mutaforma come in una vecchia pellicola sci-fi.…

23 Jan 2017 Reviews

Read more

Sanlupo - For Chorus, Cello & Electronics – 17/11/12 Ex…

Capita spesso che si organizzino eventi in ambienti insoliti, dando così la possibilità di restituire questi luoghi al pubblico, di…

30 Nov 2012 Live

Read more

Hypershape Records. Una chiacchiera..

Hypershape è un’etichetta discografica italiana, gestita al momento da Michele Basso e Giorgio Salmoiraghi. I due (ovviamente) loschi figuri non…

20 Mar 2022 Interviews

Read more

The Sinai Divers - Elders (A Lot Of Brians, 2012)

Philippe Henchoz, cantante e chitarrista dei Ventura, negli anni ha registrato canzoni in solitudine tenendole per sé, salvo poi decidere…

19 Dec 2012 Reviews

Read more

Ubik - Anything You Don't See Will Come Back To…

Marco Bonini è un chitarrista jazz con esperienze in ambito improvvisativo (ad esempio lo potete ascoltare negli Acre o nei…

20 Sep 2017 Reviews

Read more

Protestant - Judgments (Shove, 2010)

I Protestant mi sono piaciuti a partire dal nome, ma sebbene l'abbiano preso in prestito da uno dei migliori album…

08 Apr 2011 Reviews

Read more

Bemydelay – To The Other Side (Boring Machines, 2011)

Ascoltando la prima volta il disco di Bemydelay (al secolo Marcella Riccardi, già Franklin Delano e Blake/E/E/E) mi sono trovato…

09 Apr 2011 Reviews

Read more

Silent Carnival - S/T (Old Bycicle/Viceversa, 2014)

Altro che gli immigrati, sono gli svizzeri a rubarci i lavoro! Nella fattispecie il lavoro del discografico, dato che l’esordio…

26 Feb 2015 Reviews

Read more

Rainbow Lorikeet - Fractures (Debacle, 2012)

Rainbow Lorikeet, monicker di Nicolò Tescari, esordisce pubblicando sull'americana Debacle di Seattle il disco Fractures. Anche se in un'epoca di…

26 Jul 2012 Reviews

Read more

Stefano Ferrian - Amphetamine (dE-NOIZE, 2011)

Un esordio? Non esattamente, visto che si tratta sì del primo disco solista di Stefano Ferrian, ma stiamo comunque parlando…

15 May 2011 Reviews

Read more

AA.VV. - L'Antologia Funk, Dagli Anni 70 Ad Oggi (Cramps,…

Ernesto de Pascale ed il prode Bobby Soul assemblano questa doppia raccolta su Cramps con trentatre tracce per altrettanti artisti:…

14 Jun 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top