Mingle – Static (Kvitnu, 2015)

Viaggia solo stavolta Andrea Gastaldello, in arte Mingle, dopo le ottime uscite in compagnia di Andrea Faccioli e Deison (ben tre dischi nel giro di un anno, tutti di gran livello) e dopo le uscite per Aagoo si accasa alla Kvitnu, etichetta Ucraina transfuga a Vienna a causa della guerra, con all’attivo uscite, fra gli altri, di Plaster e Pan Sonic. Un cambio di scenario che non poteva non riflettersi in modo importante anche sul suono.
Static non è un disco facile da decifrare. Non è evocativo come Everithing Collapse(d) o Weak Life ma batte una strada diversa, che a tratti sembra avvicinarlo a certe produzione degli anni ’90 (evidente in  Conditions e in misura minore in Sevi Lwa) dove l’elettronica preconizzava l’avvento di un mondo nuovo, capace di cavalcare la tigre della tecnologia, ipotesi mai pienamente realizzatasi. Eppure non è nemmeno tutto qui, perché a Static il termine “elettronica” va stretto, dato che l’estrema cura dei suoni confonde l’orizzonte fra analogico e digitale e spesso nemmeno la scrittura è proprie di questo genere: quello che troviamo nelle undici tracce è musica che ha qualcosa del DNA umano ma è evidentemente anche altro. Punti di contatto coi precedenti lavori, specie quelli con Deison, sono inevitabili, specie nei soundscape malinconici del brano d’apertura; ma il suo titolo è Final e una porta ci si chiude alle spalle; con la successiva Afterdark comincia a nascere qualcosa che ha le frequenze di un contatore Geiger, ma le pulsazioni di un cuore, qualcosa che cresce rapidamente e sembra quasi autogenerarsi: brulicante, obbiente a logiche proprie, indifferente al mondo esterno. Nei momenti migliori del disco (tanti. Citiamo almeno Dummies, la prima parte di Sevi Lwa, Too Late, il capolavoro ambient-ritmico di Slow) non troviamo contenuti o immaginari di riferimento; spesso, per lunghi tratti, sembra addirittura non accadere nulla, ma è proprio questa apparente staticità a dare la misura del tutto, di un suono che basta a sé stesso e in questo trova la sua piena realizzazione. È musica che non fa ballare, non trascina, non ci vuole parlare, né si preoccupa di interessarci: non comunica nulla se non la propria esistenza. Quello che possiamo fare, l’unica cosa, è ascoltarla con la stessa attenzione e curiosità con cui l’entomologo osserva gli insetti, creature familiari eppure anche incommensurabilmente aliene. Perchè alieno lo è un po’, Static, che dà forma un cosmo, nemmeno troppo micro, dal quale rimaniamo inesorabilmente fuori, senza che la cosa sia necessariamente un male: quella che ci viene offerta è un’esperienza di puro ascolto quanto mai appagante.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Hexn - YY (Zen Hex, 2018)

Onestamente le primo uscite di Hexn, al secolo Alberto Brunello, non avevano destato in me particolare interesse: si accodavano al…

08 May 2018 Reviews

Read more

Host Skull – Totally Fatalist (Antephonic, 2011)

Sconcertante è l'unico termine che può descrivere questo lavoro di una band, gli Host Skull, che sono in realtà due,…

12 Oct 2011 Reviews

Read more

Eternal Zio – Vibbria (Autoprodotto, 2011)

Questo CD-R si presenta in modo assai dimesso, una semplice busta dalla grafica incerta e bruttina, con solo l'indicazione del…

08 Aug 2011 Reviews

Read more

Pulseprogramming - Charade Is Gold (Audraglint, 2011)

Ci eravamo lasciati otto anni fa con i Pulseprogramming: e chi si sarebbe immaginato fossero mai tornati. Sodapop nel suo…

29 Sep 2011 Reviews

Read more

Nudist - See The Light Beyond The Spiral (Santavalvola/Taxi Driver/Shove/Deathcrush/Oniric/DioDrone,…

Nella più contemporanea tradizione sludge, il viatico dei nostrani Nudist fuoriesce istantaneamente dall'atmosfera come attacca l'apripista Horror Vacui. Immediatamente veniamo…

01 Apr 2015 Reviews

Read more

Le Singe Blanc + Ada-Nuki - 24/04/09 Arci Kroen (Villafranca…

Capitano certe volte clamorose botte di culo, fare una cosa con sufficienza, per noia o semplicemente perché non c'è nulla…

04 May 2009 Live

Read more

My Dear Killer – The Electric Dragon Of Venus (Boring…

Sorprende vedere come un'etichetta nota per la musica di ricerca come la Boring Machines stia, col tempo, accogliendo sotto la…

13 Mar 2013 Reviews

Read more

Mattia Coletti – The Land (Bloody Sound Fucktory/Town Tone/Wallace, 2011)

Verso l'opera di Mattia Coletti nutro sentimenti contrastanti: ho amato incondizionatamente ogni suo lavoro in duo, dai Polvere (con Xabier…

14 May 2012 Reviews

Read more

Kern/Batia Hasan – The Commercial Tape (Kaczynski, 2020)

Il secondo volume della serie Tape Session della Kaczynski conferma la felice idea di associare artisti in qualche modo complementari…

09 Jun 2020 Reviews

Read more

Julia Ensemble – S/T (Altrove, 2011)

Pianoforte, chitarra, batteria e contrabbasso, questo il nucleo sonoro centrale dei Julia Ensemble, a cui si aggiungono una pletora di…

11 May 2012 Reviews

Read more

St.Ride - Onde (Niente, 2009)

E così in un batter d'occhio la Niente è arrivata al Volume 4, spirito punk con grafiche ultra spartane (a…

11 Feb 2010 Reviews

Read more

Ovo – Creatura (Dio Drone, 2016)

Gli Ovo se ne escono dall’antro della Supernatural Cat lasciandosi alle spalle quel processo di relativa normalizzazione metal a cui…

11 Jan 2017 Reviews

Read more

White Hex - Heat (Avant!, 2012)

I White Hex sono un duo australiano composto da Tara Green e Jimi Kritzler, per un po' di tempo di…

11 Jan 2013 Reviews

Read more

Fabio Orsi - The New Year Is Over (Silentes, 2012)

Mastodontica uscita per Fabio Orsi, infatti questo The New Year Is Over è addirittura un triplo: genericamente sono molto scettico…

09 Jul 2012 Reviews

Read more

Tsigoti – The Imagination Liberation Front Thinks Again (Autoprodotto, 2012)

The Imagination Liberation Front Thinks Again è un disco dalla storia complessa. Uscito solo in digitale e attualmente reperibile su…

05 Dec 2012 Reviews

Read more

Scarnella/Fluorescent Pigs - Phonometak Series #8 (Phonometak/Wallace, 2010)

Nuovo vinile per la label di Iriondo coadiuvata dalla Wallace di Mirko Spino e ancora una volta si tratta di…

01 Oct 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top