Mike Patton / Ictus Ensemble – Laborintus II (Ipecac, 2012)

Anche al più scostante degli ascoltatori il binomio Mike Patton-musica italiana fa venire in mente qualcosa. E in effetti il progetto Mondo Cane, che ha portato l’ex Faith No More (e altri mille gruppi) a rivedere alcuni classici della canzone del Belpaese in un fortunato disco uscito nel 2010, aveva già permesso di apprezzare la voce di Patton alle prese con il mondo della nostra “canzone”. Il risultato, come per gli altri progetti del cantante, aveva diviso tanti ascoltatori, ma era, a mio parere, un degno disco dove molti brani, alcune già in origine splendidi, venivano rivisitati e vitalizzati da arrangiamenti orchestrali di ottima fattura. Melodie pop splendidamente tirate a lucido, nulla di trascendentale, ma di terribilmente godibile, questo si. Ora che ci siamo capiti, abbiamo inteso cosa fosse Mondo Cane, cancelliamo tutto. Questo secondo approccio del caro Patton con la nostra musica si muove su coordinate decisamente meno digeribili e assimilabili. Più pretenziose e ostiche, anzi. La volontà del poliedrico cantante è stata quella di cimentarsi con uno dei più innovativi compositori del secolo scorso, l’imperiese Luciano Berio, e reinterpretarne il lavoro Laborintus II grazie alla complicità dell’ orchestra belga Ictus Ensemble. Un lavoro ambizioso che veniva concepito dal musicista nel 1965, in occasione del settecentesimo anniversario della nascita di Dante Alighieri. Utilizzando testi da Laborintus di Edoardo Sanguineti: poeta che aveva inteso sviluppare alcuni temi della Vita nova, del Convivio e della Divina Commedia di Dante e combinarli con testi biblici e con scritti di T. S. Eliot, Ezra Pound e sue composizioni autografe. Da queste premesse non poteva che nascere un lavoro, quello di Patton, che predilige la riscoperta filologica alla immediatezza pop, la cerebralità orchestrale e il recitato, alla calda e immediata resa di un arrangiamento radiofonico. Tre pezzi per trentatrè minuti di musica che spesso fanno venire voglia di spegnere lo stereo: la riscoperta, sia di Berio sia di Sanguineti, avrebbe potuto nascere da una intervista in cui Patton li citava. Non era necessario un disco su Ipecac. E visto che ormai siamo nella stagione adatta, no, non si tratta del disco dell’estate.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bhopal - Where Morality Fails (Demo, 2006)

Esaltante tecno crust di matrice Tragedy per questo quintetto alessandrino. Drammatici passaggi velati di malinconia che rendono i tre pezzi…

21 Sep 2006 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.4

Ultima puntata dell’anno. Anche dalle parti di Kitchen Door, laggiù nella pianura, tira aria di buonismo natalizio, che si traduce…

30 Nov 2009 Podcasts

Read more

Current 93 - Aleph At The Hallucinatory Mountain (Durtro, 2009)

Riprende il largo la nave dei folli di David Tibet e dopo aver veleggiato, col precedente Black Ships Ate The…

22 Jun 2009 Reviews

Read more

Default Jamerson - Stable Government And Adequate Sanitation (Sabbatical, 2008)

Sabbatical è una etichetta di musica sperimentale portata avanti da Leith, Mark, autore di quasi tutte le grafiche e Marcus,…

07 Nov 2009 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto – Flyng Stag (Wallace/Bandageman/Bosco/Solchi Sperimentali, 2019)

Non c’è traccia di nostalgia nel ritorno metallaro di Daniele Brusaschetto. D’altra parte, perché averne? Lui il genere l’ha sempre…

05 Nov 2019 Reviews

Read more

L'Inverno Della Civetta - S/T (DreaminGorilla/Greenfog/Taxi Driver, 2014)

L'Inverno Della Civetta è il primo documento che testimonia la collaborazione tra tutti quegli artisti che da anni orbitano intorno…

28 Apr 2014 Reviews

Read more

The Way Of Purity - Crosscore (Aural Music, 2010)

A dispetto della puerile presentazione da cospiratori e sovvertitori dell'ordine mondiale, alla fin fine, questi The Way Of Purity…

11 Jul 2010 Reviews

Read more

Leg Leg - Manta (Wallace, 2009)

"Ma l'amor mio non muore" e così la Wallace pur sfornando dischi diversi a ripetizione mantiene un suo profilo o…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

ElectroAcousticSilence - Flatime (Amirani/Grim, 2010)

Ieri sera mentre facevo zapping, mi trovo di fronte a questa formazione che ad Umbria Jazz esegue Imagine come pezzo…

30 Jun 2010 Reviews

Read more

Arkadia - Polvere Ep (Autoprodotto, 2007)

Non inganni la copertina alla Overkill, i bergamaschi Arkadia flirtano con la melodia quanto i vecchi Newyorkesi lo facevano…

30 Mar 2008 Reviews

Read more

K-Branding - Facial (Humpty Dumpty, 2009)

Molto interessante, ecco finalmente un gruppo che ha dei riferimenti che oggi non sono così comuni, non dico necessariamente fuori…

08 Apr 2009 Reviews

Read more

Deison & Mingle – Everything Collapse(d) (Aagoo/Rev Laboratories, 2014)

Pochi mesi fa un interessante articolo di Antonio Ciarletta su Blow Up, intitolato New Millenarism, prendeva in esame alcuni album…

12 May 2014 Reviews

Read more

Luminance Ratio / Steve Roden - Split 7" EP (Fratto9…

Mini in coproduzione tra la Fratto9 Under The Sky di Gianmaria Aprile e la Kinky Gabber di Luca Sigurtà (qui…

17 May 2012 Reviews

Read more

Roberto Bertacchini – Cotraddizioni (Phonometak, 2011)

Roberto Bertacchini è purtroppo uno dei segreti meglio celati della musica di casa nostra. Se negli anni '70 un personaggio…

08 Feb 2012 Reviews

Read more

Mudhoney – Under a billion sun (Sub Pop, 2006)

Sarà qualcosa nell’aria (spero di no) o semplicemente il fatto che chi ha suonato con passione la propria musica, difficilmente…

22 Jul 2006 Reviews

Read more

Mathians / Dot (.) - Split 7" (Dufresne, 2006)

In periodi di “downtuning, doom, sludge” e rallentamenti vari, nel mentre della quasi beatificazione di O'Malley (Sunno))), Khanate, etc.) in…

15 Oct 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top