Micah P. Hinson – 16/07/10 Verona Folk Festival (Bovolone – VR)

Nel cartellone di quello che è certamente il festival peggio pubblicizzato della storia si poteva scorgere, fra i nomi della ahinoi rediviva Ginevra Di Marco e dell'insopportabile zingaro Goran Bregovich, quello di Micah P. Hinson, in programma nel parco della villa comunale di uno sperso paesone della media provincia veronese. Scopertolo in extremis, ci muoviamo senza indugio.
Preceduto da un terzetto siculo di cui ho prontamente e non casualmente scordato il nome, il giovane musicista originario del Tennessee si presenta privo dell'annunciata band, armato solo di una chitarra ascellare; il pantalone stretto e alla caviglia, le bretelle, gli occhiali da nerds, lo fanno assomigliare a una versione candeggiata dello Steve Urkel di Otto Sotto Un Tetto. Presentandosi, spiega la solitudine adducendo agli impegni familiari e ai problemi con la legge di alcuni membri dei Pioneer Saboteurs; sarà loquace per tutto il concerto, forse nel tentativo di superare un evidente nervosismo che all'inizio segna l'esibizione, fra canzoni abortite sul nascere a causa di tonalità sbagliate ed esecuzioni non propriamente da manuale. Poi, probabilmente anche grazie alle sigarette fumate alla frequenza di una ogni due canzoni, il concerto ingrana. Nello scarno arrangiamento per sola chitarra acustica e voce i pezzi perdono inevitabilmente l'atmosfera noir delle incisioni, ma se possibile si fanno ancor più dolenti, compensando con una maggior emotività micha_p._hinson_e_signora_bovolonel'assenza del supporto strumentale. Non sempre la solitudine è un male: impossibilitato a giocare coi modelli come capita nei dischi, emerge un Hinson più vicino a… sé stesso. Certo, i riferimenti alla tradizione si sprecano, dalla chitarra guthrieana alla cover di John Denver, ma la somiglianza più evidente, sottolineata sul finale anche da un duetto con la moglie, è quella col Johnny Cash maturo; se chiudiamo gli occhi parrebbe averlo lì e fa un po' specie vedersi di fronte un ragazzo di neanche trent'anni. Altro vantaggio che compensa l'assenza della band è che le canzoni sono inevitabilmente più corte, così nell'ora e mezza prevista (si deve tassativamente chiudere a mezzanotte) ne stanno stipate parecchie e dietro ogni angolo può nascondersi una perla, come nel caso di una scarna Seven Horses Seen la cui melodia non perde un oncia di bellezza, o di una Diggin' A Grave richiesta a gran voce dal pubblico e prontamente eseguita. Poi l'ora fatidica scatta e il concerto finisce; non si capisce perché l'house sparatissima del bar di cafoni che sorge poco lontano e che per un po' ha disturbato la serata, attirandosi l'ironia di Hinson, possa continuare, ma sono misteri che è meglio non indagare. Ce ne andiamo mentre il ragazzo di Memphis si intrattiene col pubblico a conversare e firmare autografi. Le prossime serate saranno appannaggio di Fiorella Mannoia, Davide Van De Sfross e dei due citati all'inizio. Noi non ci saremo, senza rimpianti.

(Foto di Elena Prati)

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Deerhoof - La Isla Bonita (Clapping, 2014)

Nel bene o nel male i Deerhoof li abbiamo amati un po' tutti. O meglio: tutti abbiamo passato un periodo…

12 Feb 2015 Reviews

Read more

Words And Actions – Life Of Farewell (Autoprodotto, 2011)

Se si escludono le produzioni di Larva o di Corpo Parassita era da tempo immemore che non recensivo un gruppo…

03 Nov 2011 Reviews

Read more

The Child Of A Creek – Find A Shelter Along…

Forse da qualche cima delle nostre montagne, si può scorgere la campagna inglese immerse nelle nebbie. È lì, fra Canerbury…

05 May 2010 Reviews

Read more

Koji Asano – Mileage Reimbursement (Solstice, 2012)

Non si ferma, ci preoccuperebbe il contrario, la prolifica produzione del giapponese Koji Asano e a pochi mesi da Travel…

05 Feb 2013 Reviews

Read more

Waines - A Controversial Earl Playing (Autoprodotto, 2007)

E’ uno skin and bones rock n’roll che si ostina a parlare a voce alta. Così va giustamene definito il…

04 Sep 2007 Reviews

Read more

The Comformist – Three Hundred (Africantape, 2010)

Quanto dista St. Louise, nel Missouri, da Louisville, nel Kentucky? In automobile poco più di 260 miglia; a sentire The…

11 Apr 2010 Reviews

Read more

Camilla Pisani - Frozen Archimia (Midira, 2020)

Camilla Pisani approda sulla tedesca Midira con un nuovo lavoro che esprime bene la consapevolezza della sua visione. I sei…

17 Mar 2020 Reviews

Read more

Paolo Cantù/Xabier Iriondo – Phonometak Series #10 (Phonometak/Wallace, 2012)

Decima uscita e capolinea per la serie in 10” di Wallace Records e Phonometak. Per il commiato le due anime…

21 Sep 2012 Reviews

Read more

Naim Snaps: The Spaghetti Dual Rail

Last birthday I received many beautiful gifts: one of them was a tiny little Naim Snaps power…

04 May 2007 Articles

Read more

Rosàrio - And The Storm Surges (In The Bottle Records…

Drammatico stoner fanta-apocalittico quello dei veneti Rosàrio capace di evocare volumi liquidi e mutaforma come in una vecchia pellicola sci-fi.…

23 Jan 2017 Reviews

Read more

Lucifer Big Band – Ugo (Autoprodotto, 2013)

Nonostante l'opera d'esordio, col titolo Atto I, desse ad intendere una volontà di proseguire, mi ero fatto l'idea della Lucifer…

30 Jul 2013 Reviews

Read more

The Brain Washing Machine - Seven Years Later (Go Down,…

Rieccoli qui i The Brain Washing Machine, per l'appunto sette anni dopo la recensione della loro prima autoproduzione. E con…

13 Jun 2014 Reviews

Read more

Child Bite - Vision Crimes (Joyful Noise, 2013)

I Child Bite sono considerati la miglior band live di Detroit. In otto anni di carriera hanno cambiato diverse formazioni…

13 May 2013 Reviews

Read more

Mulo Muto & Black/Lava – Worlds Corroding Under Xenomorphs’ Ejaculations…

Dal confine italo-svizzero - ideale punto d’incontro fra le due entità che collaborano in questo progetto – allo spazio profondo…

31 Mar 2022 Reviews

Read more

Neubau - Rymdmyr (Digital Nonine, 2008)

Nuova etichetta di elettronica da Berlino, per quanto di "elettronica" si tratti il termine tutto sommato va relativamente stretto alla…

08 Jun 2008 Reviews

Read more

Xiu Xiu + Three In One Gentleman Suit - …

Ci sono gruppi che, pur apparendo a fine corsa per quel che riguarda la qualità delle produzioni discografiche, vale sempre…

09 Nov 2012 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top