Micah Gaugh Trio – The Blue Fairy Mermaid Princess (Africantape, 2012)

 Jazz, free, songwriting… non vi basta? Bello, bello, bello. Potrei chiudere qui e dirvi di andare a recuperare questo disco, ma forse è il caso quantomeno di presentarvi questo lavoro di un trio costituito da personaggi ben noti nel campo della musica di avanguardia, ricerca, free-jazz di New York e affini. Micah Gaugh alla voce, al piano e al sassofono, Kevin Shea alla batteria e Daniel Bodwell al contrabbasso. È tutta farina del sacco di Micah, che scrive i testi e la musica, e le parti improvvisate ruotano sempre in modo stretto alla struttura dei pezzi.

Micah incontra Daniel durante gli studi al Carnegie Mellon Music conservatorio. Julien Fernandez, capoccia della Africantape incontra nell’ottobre 2011 il suo amico Kevin Shea che gli racconta di avere tra le mani quattrodici ore di registrazione di questo trio. Ne estrae così i dodici brani proposti in questo disco. Il primo nome della band era 40 Stories (basato su un libro di brevi racconti di Donald P. Bartheleme) e includeva il chitarrista Oliver Kollar. Il trio inizia a suonare a Pittsburgh fino a quando Micah lascia la città per affiancare Cecil Taylor a New York nel 1994 e Daniel vola in Irlanda per suonare con Sinead O’Connor. Nel frattempo Kevin Shea entra negli Storm & Stress (band fondata da Ian Williams, già membro dei Don Caballero). Il tutto fino alla realizzazione di queste nuove dodici tracce. E’ forse l’anima che è veicolata dalla voce di Micah il punto di forza di tutto questo lavoro in bilico tra songwriting, jazz improvvisato e blues. Canzoni che rimangono in testa subito al secondo ascolto, costruite su melodie semplici, ma ben congegnate. Echi di Billie Holiday, ma con meno strazio, e più ironia. Si parla d’amore, di donne e delle avventure di Micah in giro per il mondo, ma con divertimento e riflessione (non a caso nel CD sono presenti anche i testi) . Spontaneità, cuore, anima… è forse quello che cercavo da tempo e che ho ritrovato in questo disco di diciassette anni fa, visto che le registrazioni risalgono al ’96/’97. Brani alle volte sotto forma anche di brevi frammenti (due/tre minuti la media dei brani) di lunghe improvvisazioni e tagliate con un fade out, ma che messe assieme regalano una piccola perla in un mare di inutili uscite. Due sessioni di registrazione recuperate saggiamente da Julien Fernandez e della sua interessantissima Africantape, che annovera nel suo catalogo anche gli italici Aucan e Three Second Kiss.

 

 

 

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

AA. VV. - 391 Vol.5 Liguria (Spittle, 2017)

Dopo oltre trent'anni riprende il progetto 391 iniziato agli albori degli anni ottanta per mano di Pierpaolo De Iulis e…

13 Dec 2017 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi / Fabio Orsi - Soundpostcards (Cold Current, 2008)

L'altro giorno ho fatto un discorso con il buon Ferraris sulla qualità di certa musica elettronica italiana rispetto a quella…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Sergio Messina & the Four Twenties – Sensual Musicology (Hell…

Conobbi Sergio Messina grazie a due dischi, La vendetta del Mulino Bianco e Inaudito, acquistati ad un live dei 99 Posse al Villaggio Globale…

28 Mar 2022 Reviews

Read more

Paul Beauchamp - Grey Mornings (Boring Machines, 2017)

Temperatura controllata sui 25° per accompagnare il sonno indotto di un viaggio nello spazio. Anni luce sicuramente. Il delicato album…

03 Jul 2017 Reviews

Read more

ElectroAcousticSilence - Flatime (Amirani/Grim, 2010)

Ieri sera mentre facevo zapping, mi trovo di fronte a questa formazione che ad Umbria Jazz esegue Imagine come pezzo…

30 Jun 2010 Reviews

Read more

The Star Pillow - The Beautiful Questions (Setola Di Maiale/Taverna,…

Torna il duo degli The Star Pillow e si accasa per l'occasione su Setola Di Maiale, che come sempre ha…

16 Apr 2014 Reviews

Read more

L'Ultimo Disco Dei Mohicani, intervista a Maurizio Blatto

Una varia umanità che spazza via qualsiasi noiosa "pippa" da appassionati di musica. La negazione assoluta di qualsiasi nozionismo musicale fatto apposta…

22 Feb 2011 Interviews

Read more

Weltraum – Sy (Toxo, 2009)

A volte basta che uno recensisca due dischi o che suoni che dopo un viaggio ti ritrovi pieno di materiale…

29 Nov 2009 Reviews

Read more

Golden Gurls - Typo Magic (Damnably, 2013)

Non saprei dire se il nome è una storpiatura di una vecchia serie televisiva statunitense ma certo è che il…

08 Jul 2013 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi AKA Kinetix: Out Of The Limbo

Anche Gianluca Becuzzi/Kinetix, come altri di cui abbiamo parlato in precedenza, muovendosi spesso senza il supporto delle riviste specializzate (soprattutto…

13 Aug 2007 Interviews

Read more

Clara Clara - AA (SK, 2008)

A parte una evidente e malcelata passione per la lettera A, allitterata e ripetuta all'eccesso tra nome del gruppo e…

14 Sep 2008 Reviews

Read more

Teatro Satanico – XX (Nedac, 2013)

Vent'anni che ci inquietano, i Teatro Satanico: il tempo vola, quando ci si diverte. Quattro lustri intensi, che vengono doverosamente…

23 Jul 2013 Reviews

Read more

16 Barre / Watch The Dog - Li Ho Visti…

Il problema principale di un certo di tipo di hip hop è la più completa e totale autoreferenzialità, benché…

11 Dec 2009 Reviews

Read more

gRAEFENBERg - Ishikozume (Autoprodotto, 2013)

Ritornano con un nuovo disco i gRAEFENBERg, sempre divisi tra Casale Monferrato e Roma e sempre dediti al rumore, decisamente…

17 Sep 2014 Reviews

Read more

Daughter – 10/07/13 Teatro Arena Conchiglia (Sestri Levante – GE)

Bella sorpresa il cartellone del Mojotic quest'estate, con una programmazione che punta a nomi di richiamo, come una cittadina turistica…

19 Jul 2013 Live

Read more

Artifact Shore - Fun Is Near (Interference Shift, 2007)

In questo mini cd della durata di venti minuti circa, gli Artifact Shore dimostrano che alla facciazza di quelli che…

04 Apr 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top