Micah Gaugh Trio – The Blue Fairy Mermaid Princess (Africantape, 2012)

 Jazz, free, songwriting… non vi basta? Bello, bello, bello. Potrei chiudere qui e dirvi di andare a recuperare questo disco, ma forse è il caso quantomeno di presentarvi questo lavoro di un trio costituito da personaggi ben noti nel campo della musica di avanguardia, ricerca, free-jazz di New York e affini. Micah Gaugh alla voce, al piano e al sassofono, Kevin Shea alla batteria e Daniel Bodwell al contrabbasso. È tutta farina del sacco di Micah, che scrive i testi e la musica, e le parti improvvisate ruotano sempre in modo stretto alla struttura dei pezzi.

Micah incontra Daniel durante gli studi al Carnegie Mellon Music conservatorio. Julien Fernandez, capoccia della Africantape incontra nell’ottobre 2011 il suo amico Kevin Shea che gli racconta di avere tra le mani quattrodici ore di registrazione di questo trio. Ne estrae così i dodici brani proposti in questo disco. Il primo nome della band era 40 Stories (basato su un libro di brevi racconti di Donald P. Bartheleme) e includeva il chitarrista Oliver Kollar. Il trio inizia a suonare a Pittsburgh fino a quando Micah lascia la città per affiancare Cecil Taylor a New York nel 1994 e Daniel vola in Irlanda per suonare con Sinead O’Connor. Nel frattempo Kevin Shea entra negli Storm & Stress (band fondata da Ian Williams, già membro dei Don Caballero). Il tutto fino alla realizzazione di queste nuove dodici tracce. E’ forse l’anima che è veicolata dalla voce di Micah il punto di forza di tutto questo lavoro in bilico tra songwriting, jazz improvvisato e blues. Canzoni che rimangono in testa subito al secondo ascolto, costruite su melodie semplici, ma ben congegnate. Echi di Billie Holiday, ma con meno strazio, e più ironia. Si parla d’amore, di donne e delle avventure di Micah in giro per il mondo, ma con divertimento e riflessione (non a caso nel CD sono presenti anche i testi) . Spontaneità, cuore, anima… è forse quello che cercavo da tempo e che ho ritrovato in questo disco di diciassette anni fa, visto che le registrazioni risalgono al ’96/’97. Brani alle volte sotto forma anche di brevi frammenti (due/tre minuti la media dei brani) di lunghe improvvisazioni e tagliate con un fade out, ma che messe assieme regalano una piccola perla in un mare di inutili uscite. Due sessioni di registrazione recuperate saggiamente da Julien Fernandez e della sua interessantissima Africantape, che annovera nel suo catalogo anche gli italici Aucan e Three Second Kiss.

 

 

 

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gli Altri - Fondamenta, Strutture, Argini (Taxi Driver, 2013)

Crossover nel senso più nobile della parola sempre se oggi ha ancora una ragione utilizzarla. Il quintetto savonese ricorda…

26 Apr 2013 Reviews

Read more

Re-Count - Egocollective (Minuta, 2008)

"Egocollective - recita la cartella stampa - è un progetto corale: è un insieme di brani che Omar E. Bernasconi…

08 Sep 2009 Reviews

Read more

Jesse Krakow - World Without Nachos (Eh?, 2008)

Non so se vi ricordate della Eh?, ad ogni modo si tratta di una costola di quella che un volta…

10 Sep 2009 Reviews

Read more

Autocancrena – Homo Sacer (Diazepam, 2012)

Altra oscura uscita per la Diazepam: stavolta è il turno degli Autocancrena (il romano Lorenzo Chiarofonte) con un CD 3"…

03 May 2013 Reviews

Read more

Zolle - Porkestra (Bloody Sound Fucktory, 2015)

Essenziali e diretti. Essenziali perchè è così che si definiscono: chitarra e batteria, semplici nella costruzione, naturali con il senso…

12 May 2015 Reviews

Read more

David Grubbs & Taku Unami - Failed Celestial Creatures (Empty…

Prima collaborazione tra i due chitarristi David Grubbs e Taku Unami, entrambi dediti alla sperimentazione sulla sei corde e anche…

15 May 2018 Reviews

Read more

Sarram – Silenzio (Autoprodotto, 2020)

Per una volta il famigerato “disco nato nel periodo del lockdown" non è una vergognosa pippa autoreferenziale (lo stesso, inutile…

04 Jan 2021 Reviews

Read more

Bobby Soul - Draghi Rossi & Buchi Neri (Autoprodotto, 2007)

Strana compilation questa, nel senso che di solito i remix seguono gli album veri e propri, ma raramente, come in…

21 Feb 2008 Reviews

Read more

James Irwin - Unreal (Autoprodotto, 2015)

Dopo l'esordio indieacustico Western Transport arriva al secondo disco James Irwin: invece di replicarsi, nella sua seconda autoproduzione il canadese…

20 Jan 2016 Reviews

Read more

Caso - La Linea Che Sta Al Centro (To Lose…

E ancora con la menata che a me i cantautori, soprattutto se cantano in italiano, non fanno impazzire. E ancora…

29 May 2013 Reviews

Read more

Pale Sister – Embeddead (Sincope, 2014)

L’oscuro progetto Pale Sister ritorna a far sentire la propria lancinante voce su Sincope, sempre disponibile a fare da cassa…

17 Dec 2014 Reviews

Read more

Johnny Mox - Lord Only Knows How Many Times I…

The other side of Johnny Mox è sorprendente solo per chi ha conosciuto il musicista di recente: gli altri ricorderanno,…

06 Dec 2012 Reviews

Read more

Deison - Quiet Rooms (Aagoo, 2012)

A questo giro ritorna Cristiano Deison, che vanta una carriera solista di tutto rispetto divisa fra dischi in proprio e…

27 Nov 2012 Reviews

Read more

Jacuzzi Boys - S/T (Hardly Art, 2013)

Bene, se l'abito facesse sempre il monaco, a guardar la copertina del nuovo album dei Jacuzzi Boys, dove campeggia una…

02 Oct 2013 Reviews

Read more

Jung Deejay – Java Script (Arte Tetra, 2020)

Lo strano giro del mondo (ma sarebbe forse più corretto parlare di “giro di uno strano mondo”) che sempre ci…

20 Nov 2020 Reviews

Read more

Crap - S/T (Megablomb, 2006)

Registrato ormai dieci anni fa, nel 1998, e rimasto nel cassetto fino al 2006, anno in cui è stato pubblicato…

21 Apr 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top