Meteor – Magic Pandemonio (Wallace/Villainferno, 2017)

Era un disco cruciale questo per il duo chitarra/batteria dei Meteor: dopo un 7” e un 12” entrambi one side che tutto sommato giustificavano, per il poco spazio a disposizione, l’esistenza di pezzi convulsi e brevissimi e un certo modo di fare scanzonato che faceva simpatia, era doveroso attendersi un passo avanti. Di più, era vitale perché ormai l’effetto sorpresa è scemato, i pezzi sparati a mille all’ora rischiano di assomigliarsi un po’ tutti e il fare i cazzoni, se non supportati dalle idee, rischia di diventare un’aggravante. Quindi ben venga un CD da riempire per un’etichetta di nome come la Wallace, tutte cose che hanno responsabilizzato i due bresciani se è vero che dentro troviamo… pezzi sparati a mille all’ora di massimo un minuto e 57″ e un totale di 13 minuti di musica, con tanti saluti all’ecologia e allo spreco di plastica. Eppure, al di là dei freddi dati numerici, qualcosa è cambiato: stavolta i due suonano canzoni, canzoni vere, costruite non come una semplice giustapposizione di parti ma con una successione logica di momenti significativi e qualche giro che torna nello stesso brano potrebbe fare addirittura pensare a un ritornello. Certo, tutto è tirato allo spasimo perché bisogna stare nei tempi e i brani, pur con le loro strutture ben leggibili, sono come liofilizzati, ma basterebbe poco a renderli…normali. Ciò non accade ovviamente mai ed è un bene: i Meteor stanno all’hardcore (o a qualsiasi altro genere troviate in questa camera di compressione) come certe cose (non tutte!) di John Zorn stanno al jazz, portano all’estremo il discorso senza renderlo inutilmente incomprensibile. Insomma, ad ascoltarli rischierete una crisi epilettica proprio come prima ma stavolta potrete godere anche di una scrittura che fa sì che i pezzi non siano semplici canovacci che trovano dal vivo il loro pieno compimento: Rojko è power violence che ingloba un duetto con dei veci di provincia che giocano a morra che è pura poesia, Páratartalom una cavalcata epica in modalità avanti veloce, Pnèvma l’apoteosi del tupa-tupa, Glida quella della svisata, Stereomix è metal (quasi cantato!) che può causare danni permanenti alla cervicale dell’incauto headbanger. Con Magic Pandemonio i Meteor escono da quello che rischiava di essere un vicolo cieco restando fedeli ma non uguali a sé stessi e non è cosa da poco. Touché.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Testing Vault – Threnody For The Suicidals (Anedonia) (Ho.Gravi.Malattie,…

Dei vari progetti musicali di Daniele Santagiuliana avevamo finora trascurato Testing Vault, fra tutti quello maggiormente longevo e prolifico, nonché,…

14 Mar 2019 Reviews

Read more

Downset - Universal (Hawino, 2004)

A me sono sempre stati simpatici, soprattutto fisicamente. Un po’ come Poison Idea del resto che, seppur musicalmente distanti dai…

16 Aug 2006 Reviews

Read more

Body Bag Redemption – The Exclusive Fun Of Fishing In…

Cosa si potrà dire di un EP di circa 9 minuti? Nulla, se non che è il seguito di altre…

17 Oct 2021 Reviews

Read more

Rock And The City - L'Anno Che Venne E Se…

Siamo tutti qui - non è il Braccobaldo Show, ma poco ci manca - alle prese col consueto rito, sempre…

03 Jan 2007 Articles

Read more

Glorytellers + Guapo - 26/09/08 Interzona (Verona)

L'abbinamento era parso anomalo fin dall'inizio: i paladini della nuova ondata prog coi reduci della più fertile stagione dell'indie, l'elettricità…

27 Sep 2008 Live

Read more

The Swans + Xiu Xiu – 23/03/13 Interzona (Verona)

E venne il giorno, anzi, la notte degli Swans, inevitabilmente fredda e piovosa nonostante la primavera già ufficialmente iniziata da…

29 Mar 2013 Live

Read more

Midnight Faces - Fornication (Autoprodotto, 2013)

Dicono di loro di sentirsi come Tom Petty che incontra i Cure. Mi fanno sempre sorridere questi tipi di affermazioni:…

25 Oct 2013 Reviews

Read more

HYSM?Duo – All Impossible Worlds (Neon Paralleli, Wallace, HYSM?, Lemming…

Il duo Spataro/Fiore si rifà vivo con quello che è loro quarto album, certamente il loro più accessibile: dato un…

19 Feb 2015 Reviews

Read more

NG + Camerata Mediolanense + Khem + (r) – 21/06/2014…

Si festeggia il solstizio d’estate nei sotterranei del Ligera, un evento per  pochi intimi caratterizzato da un’atmosfera rilassata e familiare.…

11 Jul 2014 Live

Read more

Olyvetty - Nothing To Eat 10” (A Dear Girl Called…

Quinta produzione e quinto tipo di supporto testato (dopo il 7", il CD-R, l'LP one side e la cassetta) per…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Guazzaloca/Marraffa/Guerri/Brzytwa - From The Tale Of Pigling Bland (Setola Di…

Se masticate un po' di improvvisazione non penso di dover aggiungere nulla, se non che qui si tratta dell'impro che…

19 Jul 2010 Reviews

Read more

Juarez - Revontulet (Sabbatical, 2008)

Cari amici vicini e lontani, il nostro gran capo in persona si è spinto nelle lande australiane in cerca di…

26 Feb 2009 Reviews

Read more

Putiferio: no fun no core no mosh no trend!

In un mondo ideale non dovrebbe essere necessario spiegare chi sono i Putiferio. In un mondo ideale chi scrive, inoltre,…

05 Jul 2010 Interviews

Read more

René Basca And The Biscuits - Definizione Di EP (Bordugo…

E bravi René Basca And The Biscuits. Questo, purtroppo breve, EP è davvero una bella sorpresa. Immaginate uno strano ibrido…

03 Feb 2012 Reviews

Read more

Paolo Ippoliti – Vanishing point (Nighthawks Tapes, 2008)

Paolo Ippoliti per inaugurare l'etichetta erede della Kosmik Elk Mind e della S'agita, punta su se stesso e così assembla…

28 Nov 2008 Reviews

Read more

Heroin In Tahiti - Sun and Violence (Boring Machines, 2015)

Se con Death Surf c'era chiaro riferimento allo spaghetti western, qui, per mole e durata, già si parla di kolossal,…

30 Mar 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top