Meerkat – Kapnos (Afe/Grey Sparkle/Nighthawks/Ctr+Alt+Canc, 2009)

Idealmente parte integrante di una quadrilogia sugli elementi, Kapnos, che in lingua greca significa "fumo", è il terzo della serie e segue i cd Nefelodhis, di Sparkle In Grey e Maurizio Bianchi, ed Erimos, a nome MB, Hue e Fhievel. Meerkat è sostanzialmente un collettivo di musicisti formato da Adriano Zanni, Matteo Uggeri, Luca Sigurtà, Luca Bergero, Davide Valecchi, Andrea Ferraris, Fabio Selvafiorita, Paolo Ippoliti, Laura Lovreglio e Andrea Marutti (che oltre a rivestire il ruolo di musicista si occupa anche del mastering del disco). Maurizio Bianchi stavolta non è del giro, ma sue sono comunque le note di copertina, vero e proprio manifesto programmatico del contenuto del cd. I sette brani presenti in Kapnos, concettualmente molto simili ed omogenei, sono sostanzialmente delle concise suite ambientali della lunghezza standardizzata di poco più di sei minuti, costruite su sovrapposizioni di drone, field recordings e manipolazioni elettroniche. A dispetto delle premesse devo dire che la fruizione del disco non si presenta affatto pesante, anzi, le melodie, benché lunghe, dilatate e minimali, sono spesso ben presenti. La scelta dei suoni da parte dei musicisti pare infatti prediligere frequenze calde e non invadenti, suoni granulari e rotondi, talvolta carichi di solennità, e raramente si sconfina verso qualcosa di più pesante, come nel caso di Six, di Andrea Marutti e Hue, brano vicino per attitudine a certo dark ambient, forse il passaggio più inquietante e oscuro del progetto. Non avendo avuto modo di sentire Nefelodhis ed Erimos, i capitoli precedenti della quadrilogia, non posso sbilanciarmi in confronti, anche se immagino che la sostanza sia la stessa, e neppure giudicare l’opera nel suo complesso, essendo stata pensata come una quadrilogia. Quello che posso dire è che di per sé Kapnos è un disco ambient particolarmente riuscito, capace di provocare un misto di sensazioni nella testa di chi ascolta, dalla narcosi, all’inquietudine, al rilassamento più completo. E se non per questi, per quali altri motivi si dovrebbe ascoltare ambient?

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Midnight Faces - Fornication (Autoprodotto, 2013)

Dicono di loro di sentirsi come Tom Petty che incontra i Cure. Mi fanno sempre sorridere questi tipi di affermazioni:…

25 Oct 2013 Reviews

Read more

The Eagle Twin Ascend the Iceburn: intervista a Gentry Densley

Dopo aver ripercorso la carriera di Gentry Densley dagli esordi (Iceburn) ai nostri giorni (Ascend e Eagle Twin) nell'articolo monografico,…

07 Mar 2012 Interviews

Read more

Speedy Peones – Karel Thole (Shyrec, 2010)

Finalmente un dischetto estivo come si deve, di quelli capaci di ricordarti che, aldilà di afa e lavoro, ci sono…

17 Jun 2010 Reviews

Read more

7 Training Days – Finale/Forward EP (Autoprodotto, 2012)

Merita almeno una segnalazione questo breve EP dei frusinati 7 Training Days, di cui già avevamo avuto modo di parlare…

10 Dec 2012 Reviews

Read more

Tindersticks - Ypres (Lucky Dog/City Slang, 2014)

Non sorprende affatto vedere i Tindersticks, rinomata band inglese di "pop orchestrale da cameretta", alle prese con un lavoro musicale…

05 Dec 2014 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 25 (16/04/15)

Puntata numero venticinque della terza stagione di The Sodapop Fizz, questa volta l'ospite di Emiliano e Stefano è Gianluca Becuzzi che porta…

20 Apr 2015 Podcasts

Read more

16 Barre / Watch The Dog - Li Ho Visti…

Il problema principale di un certo di tipo di hip hop è la più completa e totale autoreferenzialità, benché…

11 Dec 2009 Reviews

Read more

Massimo De Mattia - Mikiri+3 (Setola Di Maiale, 2011)

Si tratta di un disco decisamente anomalo per il catalogo della Setola Di Maiale, non tanto per la grande fruibilità…

23 Sep 2011 Reviews

Read more

AA.VV. - Guitars, An Anthology Of Experimental Solo Guitar Music…

Qualcuno dei più attempati la fuori ricorda quella mitica compilation intitolata Guitarrorists? Beh... si trattava di un doppio lp e…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

Punk 'n' Rai (prima parte)

Il punk? Musica paranoide e sgradevole. I punk? Una rimasticatura di James Dean e dei Teddy Boys. Così la Televisione…

21 Apr 2013 Articles

Read more

Giulio Aldinucci - Tarsia (Nomadic Kids Republic, 2012)

Il nuovo lavoro di Giulio Aldinucci esce per una etichetta giapponese e questo mi conferma l'idea che mi ero fatto…

13 Nov 2012 Reviews

Read more

Riul Doamnei - Apocryphal (Dead Sun, 2007)

Ci sono alcune caratteristiche nella musica di oggi assolutamente sorprendenti. Perché fino all’inizio degli anni novanta le band italiane di…

01 Jun 2007 Reviews

Read more

Makhno – Silo Thinking (Wallace/Neon Paralleli/Hysm?/Brigadisco, 2012)

Makhno (nome di un anarchico ucraino già usato per una collaborazione fra Nicola Guazzaloca e Francesco Guerri) è il moniker…

12 Oct 2012 Reviews

Read more

Kajsa Lindgren – WOMB (Hyperdelia, 2018)

Seconda uscita per l’etichetta berlinese Hyperdelia, WOMB, lavoro della sound artist Kajsa Lindgren, che partendo da una base di field…

01 Aug 2018 Reviews

Read more

Edible Woman - The Scum Album (Ame/Psychotica, 2007)

Come già detto per altri dischi anche per gli Edible Woman capacità degli strumentisti ed una buona produzione annullano completamente…

26 Apr 2007 Reviews

Read more

Drink To Me - Don’t Panic, Go Organic (Midfinger, 2008)

Esordio ufficiale per i canavesani Drink To Me, dopo una serie di cd-r per la personale etichetta Stuprobrucio. Meno naif…

27 Apr 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top