Meerkat – Kapnos (Afe/Grey Sparkle/Nighthawks/Ctr+Alt+Canc, 2009)

Idealmente parte integrante di una quadrilogia sugli elementi, Kapnos, che in lingua greca significa "fumo", è il terzo della serie e segue i cd Nefelodhis, di Sparkle In Grey e Maurizio Bianchi, ed Erimos, a nome MB, Hue e Fhievel. Meerkat è sostanzialmente un collettivo di musicisti formato da Adriano Zanni, Matteo Uggeri, Luca Sigurtà, Luca Bergero, Davide Valecchi, Andrea Ferraris, Fabio Selvafiorita, Paolo Ippoliti, Laura Lovreglio e Andrea Marutti (che oltre a rivestire il ruolo di musicista si occupa anche del mastering del disco). Maurizio Bianchi stavolta non è del giro, ma sue sono comunque le note di copertina, vero e proprio manifesto programmatico del contenuto del cd. I sette brani presenti in Kapnos, concettualmente molto simili ed omogenei, sono sostanzialmente delle concise suite ambientali della lunghezza standardizzata di poco più di sei minuti, costruite su sovrapposizioni di drone, field recordings e manipolazioni elettroniche. A dispetto delle premesse devo dire che la fruizione del disco non si presenta affatto pesante, anzi, le melodie, benché lunghe, dilatate e minimali, sono spesso ben presenti. La scelta dei suoni da parte dei musicisti pare infatti prediligere frequenze calde e non invadenti, suoni granulari e rotondi, talvolta carichi di solennità, e raramente si sconfina verso qualcosa di più pesante, come nel caso di Six, di Andrea Marutti e Hue, brano vicino per attitudine a certo dark ambient, forse il passaggio più inquietante e oscuro del progetto. Non avendo avuto modo di sentire Nefelodhis ed Erimos, i capitoli precedenti della quadrilogia, non posso sbilanciarmi in confronti, anche se immagino che la sostanza sia la stessa, e neppure giudicare l’opera nel suo complesso, essendo stata pensata come una quadrilogia. Quello che posso dire è che di per sé Kapnos è un disco ambient particolarmente riuscito, capace di provocare un misto di sensazioni nella testa di chi ascolta, dalla narcosi, all’inquietudine, al rilassamento più completo. E se non per questi, per quali altri motivi si dovrebbe ascoltare ambient?

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Eagle Twin - The Thundering Heard (Songs Of Hoof And…

È un vero peccato (mi verrebbe da dire un crimine) che gli Eagle Twin, che della linea evolutiva che parte…

03 Apr 2018 Reviews

Read more

Cardosanto – Pneuma (Wallace/DreaminGorilla/Rude, 2014)

Torna, grazie alla ristampa ad opera di Wallace, DreaminGorilla e Rude Records, una delle pietre miliari, o più probabilmente la…

19 Jun 2014 Reviews

Read more

Ivan Iusco - Transients (Minus Habens, 2015)

Per l'ennesima volta collidiamo con i mille mondi del magmatico maitre della Minus Habens che, nuovamente, ci investe di visioni…

09 Dec 2015 Reviews

Read more

Life Without Buildings - Live At The Annandale Hotel (Gargle…

Non credo di scomodare dio quasi mai quando ascolto musica. Ma ogni tanto da quel suo fantastico trono tra i…

08 Jan 2008 Reviews

Read more

Albert Mudrian – Choosing Death (Tsunami, 2009)

Lentamente anche da noi le case editrici vanno colmando le lacune in materia di musica estrema, o comunque non legata…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Loobiecore, ovvero dell'essere un perdente di successo.

Mi sono sempre concentrato, forse un po' morbosamente, su Lou Barlow. Non fraintendiamo, non sono ai livelli di D. Chapman…

23 May 2015 Articles

Read more

Von Tesla - Raised By Clear Acid (Boring Machines,…

Von Tesla ovvero il nuovo progetto di Marco Giotto (già col moniker mondano e festaiolo di Be Invisible Now!), con…

21 Jan 2014 Reviews

Read more

Ben Frost’s Music For Six Guitars – 15/09/12 Stazione Centrale…

Il festival MiTo regala sempre qualche ragione per spingersi verso Milano, cosa che altrimenti faccio malvolentieri. Stavolta l’occasione è rappresentata…

21 Sep 2012 Live

Read more

Paul Beauchamp - Sala B: Intervention (Chew-Z, 2010)

Doppia uscita della Chew-Z in bilico fra la capitale sabauda ed un contesto internazionale, infatti se Tommasini si accompagnava a…

04 Feb 2011 Reviews

Read more

Punk 'n' Rai (prima parte)

Il punk? Musica paranoide e sgradevole. I punk? Una rimasticatura di James Dean e dei Teddy Boys. Così la Televisione…

21 Apr 2013 Articles

Read more

Adamennon + Maximilian Bloch + Dielle Green – Le Sette…

Avete presente quei film dell’orrore, dei quali Rosemary’s Baby è l’esponente più nobile (ma potremmo citare anche sceneggiati d’autore come…

25 Aug 2020 Reviews

Read more

Caso - La Linea Che Sta Al Centro (To Lose…

E ancora con la menata che a me i cantautori, soprattutto se cantano in italiano, non fanno impazzire. E ancora…

29 May 2013 Reviews

Read more

Hellcowboys - Mondo Bastardo (Hellbones, 2019)

Pesantissimo thrash'n'roll per questi cowboys dell'inferno che, rimandandoci ai mai dimenticarti Pantera, ci fanno assaporare un genere che con ogni…

27 Sep 2020 Reviews

Read more

Fuh - Extinct (Autoprodotto, 2007)

Due anni fa i Fuh uscivano con un EP dal titolo Int/Ext. Questo Exinct mi è parso per giorni il…

08 Sep 2008 Reviews

Read more

The Star Pillow Meet Bruno Romani – Via Del Chiasso…

Chissà se siano i musicisti, influenzati dall’aria di casa Setola Di Maiale, a produrre musica così fresca e intrigante o…

26 Jun 2014 Reviews

Read more

Live Footage – Plays Jay Dee (Autoprodotto, 2012)

I Live Footage sono Mike Ties, batteria e tastiere, e Topu Lyo, violoncello. E il Jay Dee del titolo è…

05 Jul 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top