Mattia Coletti – The Land (Bloody Sound Fucktory/Town Tone/Wallace, 2011)

Verso l’opera di Mattia Coletti nutro sentimenti contrastanti: ho amato incondizionatamente ogni suo lavoro in duo, dai Polvere (con Xabier Iriondo) a Christa Pfangen (con Andrea Belfi), da 61 Winters Hat (con Fabio Magistrali) a Falling Birds (con Above The Tree), mentre le cose in gruppo (Sedia e Leg Leg) mi hanno sempre colpito poco. Dei lavori solisti ho molto apprezzato il primo, Zeno, meno il troppo lineare seguito, Pantagruele. Questo The Land segna una decisa ripresa.
Realizzato in totale solitudine, fatto salvo l’intervento di Alberto Morelli in una canzone, The Land mette in fila otto brani dalla struttura simile: il suono cristallino dell’acustica costruisce giri ripetitivi che si sviluppano con minime variazioni dall’inizio alla fine, e dallo sfondo emergono suoni estranei che ne increspano la superficie. È un gioco raffinato in cui la melodia portante sembra a volte meno significativa delle “intrusioni” dell’elettronica e dei battiti sintetici, in una continua confusione fra il primo piano e lo sfondo che dona vivacità ai brani. In effetti The Land è un album fruibile su più livelli, in accordo con le stratificazioni con cui sono state costruite le canzoni. In superficie è un disco di piacevole musica strumentale, che rischia anche una certa monotonia; a un livello approfondito rivela una quantità di dettagli che lo valorizzano, modificandone la percezione. Ne esce un album solo apparentemente facile, che ha i momenti migliori nella seconda metà, con la minimale e toccante Red Eye, l’allegramente confusa Ghost West e la conclusiva A Time Full Of Boxes, col suo finale quasi drone. È infatti nella seconda frazione che il disco si affranca da una certa ripetitività per mettere in mostra come Coletti, dopo aver affrontato di petto la tradizione folk blues nell’album d’esordio, stia ora cercando di evolverla dall’interno con una maggior maturità e cognizione di causa, arrivando già a cogliere i primi frutti.

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

AA.VV. - Sampler (Velak, 2010)

Questa compilation della Velak records mette assieme una serie di tracce elettroacustiche di musicisti che non avevo mai sentito prima,…

01 Aug 2011 Reviews

Read more

Il Wedding Kollektiv - Brodo (Neontoaster, 2021)

Bizzarro progetto nato sull'asse Berlino-Roma a metà strada tra il collettivo estemporaneo e certo art pop elettronico (Subsonica, Matia Bazar…

12 Sep 2021 Reviews

Read more

Fabio Orsi - The New Year Is Over (Silentes, 2012)

Mastodontica uscita per Fabio Orsi, infatti questo The New Year Is Over è addirittura un triplo: genericamente sono molto scettico…

09 Jul 2012 Reviews

Read more

Lucifer Big Band – Ugo (Autoprodotto, 2013)

Nonostante l'opera d'esordio, col titolo Atto I, desse ad intendere una volontà di proseguire, mi ero fatto l'idea della Lucifer…

30 Jul 2013 Reviews

Read more

Endless Inertia - Oktiabr'/Novembre (Grabthestars, 2006)

Pensare che i Finley suonano ad Mtv e sono prodotti da Cecchetto, mentre i Nofx nel tour di Ribbed (e…

17 Oct 2006 Reviews

Read more

My Violent Ego - One Day You’ll Laugh At The…

Paolo Miceli e Christy Brewster, romano lui, scozzese lei, dopo dieci anni di contatti prevalentemente, se non quasi esclusivamente, in…

09 May 2011 Reviews

Read more

Liars - Liars (Mute, 2007)

Liquidare questo quarto album dei Liars come il loro album più pop sarebbe fin troppo facile, però essendo questo…

17 Sep 2007 Reviews

Read more

Ka Mate Ka Ora - Thick As The Summer Stars…

"We are a slowcore – shoegaze band!" Ci pensa già il gruppo di Pistoia a scrivere il succo della storia…

01 Oct 2009 Reviews

Read more

Caligula031/Le Cose Bianche – Final Muzik CD-Singles Club 06 (Final…

Mancava ancora, al novero dei generi presi in esame dal single club della Final Muzik, la virulenza del power electronics;…

13 Oct 2014 Reviews

Read more

Satan Is My Brother - A Forest Dark (Boring Machines,…

Seconda uscita per i milanesi Satan Is My Brother, progetto che trascende i generi e si presta fluidamente all'interazione tra…

03 Apr 2011 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Habemus Baco (Wallace/Tannen/La Tempesta, 2015)

Abbiamo il Baco, e sono già dieci anni, due lustri che Giovanni Succi e Bruno Dorella calpestano la terra, ben…

20 May 2015 Reviews

Read more

Tying Tiffany – Peoples Temple (Trisol, 2010)

Se esistono l'heavy metal e l'hard rock, perché non possono esserci anche l'heavy o l'hard plastic? Ecco, hard plastic mi…

15 May 2010 Reviews

Read more

BIP - The Autumn EP (Tafuzzy, 2009)

Mini album di esordio a nome BIP, collettivo non ben definito prima noto col nome Bancali In Pietra, all'insegna di…

13 Mar 2010 Reviews

Read more

Billy Torello – Il Passato Ha Gli Zoccoli (Fumaio/Il Verso…

Avevo considerato Ultime Notizie Dalla Tartaruga, il precedente lavoro di Billy Torello (al secolo Angelo Bignamini di The Great Saunites…

20 Mar 2014 Reviews

Read more

The Great Nostalgic – Hope We Live Like We Promised…

Derivativi certo lo sono, ma direi che il nome è già una dichiarazione di intenti, quindi da parte mia nessun…

02 Jun 2011 Reviews

Read more

Artifact Shore - Fun Is Near (Interference Shift, 2007)

In questo mini cd della durata di venti minuti circa, gli Artifact Shore dimostrano che alla facciazza di quelli che…

04 Apr 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top