Massimo Olla – Structures (Azoth, 2017)

Le strutture che Massimo Olla costruisce col suono in questo disco sono esattamente come quelle che vedete sulla copertina (che immagino siano un rendering digitale, ma potrebbero benissimo essere un’opera di Edoardo Tresoldi): esili ma solide e con un che di spettrale. Structure 1 ne è fin da subito un buon esempio: pochi strumenti, quasi tutti anticonvenzionali (metalli incurvati e baloon sax accompagnati da una loop station), e un incedere lento, quasi doom, che si dipana in forma libera come un corteo in una fosca New Orleans. Assunto il post-industrial come filosofia, Structures sa guardarsi intorno per prendere dalla realtà quanto gli serve da riutilizzare nei propri schemi, sia esso il trombettismo mesmerizzto di certo jazz di frontiera (Structure 2) o il concretismo rivisto in chiave ritualistica che sembra chiamare in causa i Phurpa  di Structure 3, o ancora le atmosfere liturgiche, a cui contribuisce Simon Balestrazzi, di Structure 5. Sono tutte influenze che, insieme ad altre, diversificano e colorano (a tinte invero sempre fosche) il lavoro, ma che non gli fanno perdere personalità o coerenza: le strutture sono salde e il disegno che sottintende a tutta l’operazione rimane chiaramente leggibile nel corso dell’intero disco. Un disco che, è giusto precisarlo, non è dei più immediati ma richiede tempo e voglia di immergervisi per sfuggire all’impressione superficiale che si tratti del solito lavoro di rumore strascicato e informe. Le possibili interpretazioni e suggestioni, sotto l’apparente freddezza delle tracce contraddistinte da numeri ordinali, sono molteplici e non secondario è il fatto che in Structures quasi nulla è ciò che appare ( o meglio, si ode): ascoltate un suono che battezzate come una tromba o un sax o un timpano, poi leggete nel libretto ed è altro, il più delle volte uno strumento autocostruito, perché il disco è anche un banco di prova per molte creazioni dello stesso Olla, in veste dunque non solo di musicista, ma anche di novello Efesto, forgiatore di insoliti strumenti metallici. È questo un disco che riserva parecchie sorprese, sta a voi dargli la possibilità di farvele scoprire.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Montauk - S/T (Autoprodotto, 2013)

Con un nome che richiama l'oltreoceano (vi basterà cercarlo su google per scoprire come ho fatto io le tante cose…

14 Jun 2013 Reviews

Read more

Aedi - Ha Ta Ka Pa (Gusstaff, 2013)

Secondo lavoro fresco di stampa per i connazionali Aedi (forse plurale di Aedo? sapete...i cantanti-compositori greci...). Maceratesi di origine, con…

13 Mar 2013 Reviews

Read more

Ludmilla Spleen - Gennariello (Artista Anch'Io/Villa Inferno/Neon Paralleli, 2020)

Mi rendo conto siamo ad inizio anno e di cose ne potremo  ascoltare molte, ma ad oggi, senza indugio alcuno…

18 Feb 2020 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu - Altered Realities (New Albion, 2006)

Anche se temo che molti su questa webzine non conoscano la New Albion, non è per nulla sconosciuta anzi, trattasi…

08 Jun 2007 Reviews

Read more

Bogong In Action - And That If Piggod! (HysM/Lemmings, 2011)

Questo EP di otto minuti, seconda prova dei Bogong In Action dopo un limitatissimo split tape, inizia con una chitarra…

10 Jan 2012 Reviews

Read more

Johnny Grieco - Affanno D’Artista (Snaps, 2009)

Il leader e indiscusso frontman dei Dirty Action torna con un lavoro che fin dalla cover è una dichiarazione…

15 Mar 2010 Reviews

Read more

Zu - Terminalia Amazonia (House Of Mythology/Archaeological, 2019)

Ricordo, in una delle primissime versioni del sito zuism.com, forse ai tempi di Igneo, una sezione con link riguardanti lo…

14 Jan 2020 Reviews

Read more

Zerogroove /Alessandro Bocci -The Urban Tape (Kaczynski, 2019)

Uno split, per essere davvero buono, dovrebbe mettere insieme due metà non troppo simili da rendere monotono l’ascolto, ma nemmeno…

07 Jan 2020 Reviews

Read more

Alessandro Fiori - Mi sono perso nel bosco ( 42,…

Perdersi nel bosco può essere una cosa tremenda oppure bellissima. Scatenare il panico oppure aprire porte inaspettate. Alessandro Fiori mi…

12 May 2022 Reviews

Read more

Father Murphy – Croce (Fenser, 2015)

Secondo René Guénon la croce simboleggia, nella maggior parte delle dottrine tradizionali, la realizzazione dell’Uomo Universale: l’asse orizzontale rappresenta un…

14 May 2015 Reviews

Read more

Laghima (Gian Luigi Diana, Frederika Krier) – S/T (Setola Di…

Laghima, in antico sanscrito, significa "levitazione", il diventare più leggeri di una piuma, andare oltre il proprio corpo. A tale…

12 Dec 2012 Reviews

Read more

Equus - Eutheria (Get A Life, 2008)

Entusiasmante debutto per l'elvetico terzetto che, believe it or not, raggiunge a pieno titolo la palma di band Cinematica…

30 Apr 2008 Reviews

Read more

James Irwin - Unreal (Autoprodotto, 2015)

Dopo l'esordio indieacustico Western Transport arriva al secondo disco James Irwin: invece di replicarsi, nella sua seconda autoproduzione il canadese…

20 Jan 2016 Reviews

Read more

Body Bag Redemption – The Exclusive Fun Of Fishing In…

Cosa si potrà dire di un EP di circa 9 minuti? Nulla, se non che è il seguito di altre…

17 Oct 2021 Reviews

Read more

Smallgang - San (Damnably, 2014)

Alla seconda prova il trio londinese Smallgang, formato dai fratelli Kobayashi e dal batterista Matt Atkins, colpisce per semplicità nel…

10 Jul 2014 Reviews

Read more

Toilet Door n.5 - Black Music For White People

Se non riconoscete più le vostre radici, se non riuscite più a far germogliare le piantine sul terrazzo, se…

16 Apr 2011 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top