Maso Nero – News From Home (Taxi Driver, 2021)

Le persone per bene chiamano, al limite scrivono.
Maso Nero non è una persona per bene.
Per darci qualche nuova da casa incide dei brani su nastro, di un incidere macilento e sulfureo, che in effetti a parlare su questi toni dar di testa è un secondo, meglio ricevere questi messaggi e sorbirseli da soli. Jesu Crì inizia dando la tara al lavoro, frenando qualsiasi squillo o lampo, menando fendenti reuterati di corde su una batteria statica e stanca. Come ricoprirsi di sabbia e cemento, acquisendo peso. Poi iniziano a girare le immagini, con un omaggio ad un regista e musicista che di paesaggi e di statisticità ne sa parlare. È un po’ che ho abbandonato the man from Ohio ma directed by Jim Jarmusch pennella acquarelli grigi sotto un portico gonfio di salsedine. 
La semplicità è la chiave: capacità di veicolare immagini e messaggi senza costruirci sopra caterve di parafrasi e metafore.
Cemento, acqua, sale, legno. Veicoli. In autostrada come Autobahn, secca e dritta, cadenzata e sporca, senza mai esagerare. Accostato il veicolo si scava una fossa, ci si butta il cadavere di una Bad Moon Rising (Creedence Clearwater Revival) colma di grasso da motore fino a sfrangersi e si aspetta il crepuscolo, armati solo di una chitarra e di un rombo, che vanno ad unirsi nella title track di quello che sembra sempre più essere un viaggio secco ma ricco come un deserto. Due spazzole ed una goccia d’acqua ed eccoci al cospetto di una In the soup che oscilla come un serpente. I suoni si aprono a diverse incidenze in quella che potrebbe essere un ipotesi post-rockal suono del deserto, come se i Friends of Dean Martinez avessero rubato le droghe ai June of ’44.
D’onda si avanza, rarefatti, in trip pieno vuoto da deserto ed assolazione. L’acqua rappresenta fino al 60% del corpo di un uomo. Undisputed era è null’altro che la perdita di questo liquido a piedi sotto al solleone. Sabbia che prende vita e fiorisce, piccoli movimenti armonici che puntellano di colori e di aromi il sale, ritornano echi da Louisville che ampliano la palette di un lavoro che si apre, mantenendo una tensione di fondo che stuzzica i nervi.
Chiude una ripresa di Nino Rota del tema di Gelsomina, da La Strada di Fellini, ed è il ghigno sardonico di un Maso che la strada l’ha deliberatamente persa, senza riuscire a schiantarsi ma soltanto aprire gas e trombe e cavi aperti e scintille.
Non conosco Massimo Perasso personalmente, conosco però il suo operato, la sua visione e, forse, l’essere abbastanza distante dai suoi riferimenti culturali (Fellini mi annoia, Jarmusch l’ho abbandonato da anni, il suono desertico mi sembra stitico ed il doom boh, non mi è pervenuto) mi rende più tranchant nel definire queste News from Home delle dannate buone notizie, di cui forse non sentivo la necessità ma porca madonna, averne del genere. Schiette, sincere, in grado di rendere punti di forza idee ed immagini piccole e personali che crescono, si nutrono di noi e si stagliano come ombre, lati oscuri fascinosi ed irresistibili che ci blandiscono con le solite vecchie promesse.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Far - At Night We Live (Arctic Rodeo, 2010)

Ritornano i Far, per qualcuno degli illustri conosciuti ma resta che si tratta di un gruppo con parecchi dischi all'attivo…

23 Jun 2010 Reviews

Read more

Agnostic Front - Another Voice (Nuclear Blast, 2004)

Disco inconsistente e insapore come uno yogurt greco, ma senza fermenti lattici né carattere. Non ho mai avuto nulla in…

17 Jul 2006 Reviews

Read more

Kiwibalboa - Natale In Argentina (Overdub, 2019)

Da Genova un gradevole indie pop caramelloso per amanti dei dolciumi delle fiere stagionali. Leggero e disimpegnato, Natale In Argentina,…

11 Feb 2020 Reviews

Read more

Massimo Olla - Life In A Sonic Free Form Research…

Percussioni, suggestioni e striscianti fruscii introducono il raffinatissmo lavoro di Massimo Olla che, a onor del vero, sembra non abbia…

04 Oct 2020 Reviews

Read more

The Soul - Hardfunkinvasion (Autoprodotto, 2009)

Lo avevamo incontrato sulla doppia compilation di funk italiano assemblata sotto la supervisione di Bobby Soul ed ecco qui il…

01 Nov 2009 Reviews

Read more

Rinunci A Satana? - Blerum Blerum (Wallace/E Io Pago, 2018)

Un quid di Black Sabbath, uno di Fuzz Orchestra e il resto chiamiamolo semplicemente rock anni settanta. I Rinunci A…

30 Apr 2019 Reviews

Read more

Werner Kitzmüller - Evasion (Valeot, 2011)

La Valeot mi aveva abituato ad un altro tipo di uscite più indie-troniche e in catalogo annovera anche i nostrani…

02 Feb 2012 Reviews

Read more

Bulldozer - Unexpected Fate (Scarlet, 2009)

Era una vita che aspettavo il ritorno di Ac Wild ed Andy Panigada (Dove è finito Rob K Cabrini?!).…

13 Jul 2009 Reviews

Read more

Martial Canterel - You Today (Weird, 2011)

Sean Mc Bride è attivo da anni nella sua personale e devotissima riedizione del synth pop anni ottanta più minimale…

01 Feb 2011 Reviews

Read more

Julia Ensemble – S/T (Altrove, 2011)

Pianoforte, chitarra, batteria e contrabbasso, questo il nucleo sonoro centrale dei Julia Ensemble, a cui si aggiungono una pletora di…

11 May 2012 Reviews

Read more

The White Mega Giant - TWMG (Shyrec, 2014)

Tornano i The White Mega Giant dopo l'ottimo biglietto da visita di Antimacchina, una sorta di fotografia di ciò che…

22 Sep 2014 Reviews

Read more

Massimo Olla – Structures (Azoth, 2017)

Le strutture che Massimo Olla costruisce col suono in questo disco sono esattamente come quelle che vedete sulla copertina (che…

21 Feb 2018 Reviews

Read more

Montezuma – Di Nuovo Lontano (Dischi Dell'Apocalisse/Dicks And Decks/OnlyFuckingNoise/Mukkake, 2011)

Sarà sempre la solita questione anagrafica, ma immagino per un momento di tornare indietro un paio di lustri orsono  inneggiando…

17 Jan 2012 Reviews

Read more

Jemh Circs - (Untitled) Kingdom (Cellule, 2018)

Marc Richter torna con il progetto Jemh Circs e subito ripiombiamo nella sua visione musicale di plagiarismo: pop music presa…

20 Apr 2018 Reviews

Read more

Hyperwulff - Volume 1: Erion Speaks (Martire / Death Crush…

Implacabile bordata post-hardcore per l'iperlupo che, a dispetto dell' impatto frontale, rivela non poche gemme "insospettabili" all' interno dei propri…

27 Jul 2015 Reviews

Read more

Prospekt - S/T (Intellilab, 2006)

Dietro la sigla Prospekt ci sono tre ragazzi bresciani: Isacco Zanola (già dietro il progetto Voxeur) alle macchine, Marco Mor…

05 Aug 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top