Marta De Pascalis – Anzar (Tapeworm, 2016)

Il secondo lavoro della musicista italo-berlinese, stavolta pubblicato su nastro dall’inglese Tapeworm, è racchiuso in una copertina in bianco e nero opera anni ’70 del padre dell’artista: una creatura chimerica, esotica e forse minacciosa che ben si addice a fare da guardiana alla musica contenuta. La ricerca di Marta De Pascalis continua all’insegna dell’improvvisazione con sintetizzatori, echi a nastro ed effetti dal sapore e talvolta dalla forma retrò (chiari i riferimento al suono germanico degli anni d’oro e a certa ripetitività minimaliste) ma che sa talvolta aprirsi verso altri orizzonti. Anzar è un flusso di coscienza in due movimenti che evocano ciascuno atmosfere e sensazioni diverse. Sul primo lato il brano eponimo induce al trasporto con ripetitive linee melodiche che si avvinghiano a spirale e reminiscenze classiche anche se di tanto in tanto, specie verso la fine, qualche suono ruvido denuncia senza timidezza la natura elettronico-analogica degli strumenti utilizzati e l’attitudine orgogliosamente artigianale della De Pascalis: un viaggio coinvolgente senza troppo discostarsi dai modelli di riferimento. Emerso, sulla faccia opposta, è più ostico ma anche maggiormente intrigante: ci si perde meno ma si segue con maggior interesse perché le soluzioni adottate sono spesso poco convenzionali; dopo un illusorio intro alla Popol Vuh assistiamo a un succedersi di scenari che mutano – non senza spigoli – spinti da synth pulsanti che incrociano disturbi quasi glitch, suoni giustapposti capaci di mettere in crisi l’equilibrio, costruzioni che occhieggiano alla free form. Rispetto al precedente Quitratue questo Anzar sembra imboccare un percorso più coraggioso che sviluppa le felici intuizioni che avevamo apprezzato sulla compilation Burnt Circuits KeptUnder My Bed all’insegna di un suono denso ed elaborato, krauto ma senza scordare un certo calore latino. La strada ci sembra quella giusta.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gameface - Come On Down 7" (Equal Vision, 2013)

Graditissimo ritorno quello dei californiani Gameface, attivi dai primi anni Novanta ed esponenti del più classico suono melodico applicato alla…

19 Feb 2014 Reviews

Read more

Kleistwahr - Music For Zeitgeist Fighters (Nashazphone, 2017)

Questo è il quarto disco dal ritorno sulle scene di Gary "Ramleh" Mundy con uscite a nome Kleistwahr e devo…

15 Sep 2017 Reviews

Read more

Joan Jordi Oliver - Transit (EndTitles, 2022)

Come onestamente confessato, per Joan Jordi Oliver ed il suo Enlaire ho avuto un vero e proprio colpo di fulmine.…

30 Jun 2022 Reviews

Read more

Noise Cluster And Stigmate – Extreme Sleepwalking (Grubenwehr, 2022)

Quale possa essere il suono dell’oggi è una domanda inevitabilmente destinata a rimanere senza risposta: troppi sono gli “oggi” che…

19 Jun 2022 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 5 (06/11/14)

Quinta puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con l'ospite speciale Vasco Viviani di…

10 Nov 2014 Podcasts

Read more

Haymaker - Let Them Rot 7" (A389, 2014)

Tornano a registrare gli Haymaker, dopo anni di silenzio: i componenti nel frattempo sono/erano impegnati nelle loro altre band (tra…

30 Jan 2014 Reviews

Read more

The Use - What's the use (Alrealon Musique, 2014)

Eh sì, è passato un po' di tempo dall'uscita del disco, così come è trascorso molto tempo senza sentir parlare…

07 Aug 2016 Reviews

Read more

Andrea Senatore - Vulkan (Minus Habens, 2014)

Avevamo lasciato il talentuoso compositore oltre un anno fa all'interno della preziosa collaborazione con Giovanni Sollima (sempre su Minus Habens).…

08 Jul 2014 Reviews

Read more

Le Scimmie - Colostrum (Red Sound/Metaversus, 2016)

Trio che arriva da Vasto e senza indugio alcuno si lancia nella scrittura dell'inenarrabile. Doom dallo spazio profondo denso di…

16 Nov 2016 Reviews

Read more

L'Enfance Rouge: oltre la fortezza europea

L'Enfance Rouge è un terzetto franco-italiano composto da François R. Cambuzat (voce, chitarra), Chiara Locardi (voce, basso) e Jacopo Andreini…

15 Sep 2008 Interviews

Read more

Daniele Brusaschetto – Flyng Stag (Wallace/Bandageman/Bosco/Solchi Sperimentali, 2019)

Non c’è traccia di nostalgia nel ritorno metallaro di Daniele Brusaschetto. D’altra parte, perché averne? Lui il genere l’ha sempre…

05 Nov 2019 Reviews

Read more

Ubik - Circadian Rythms, Sleep Disorder (Farmacia901, 2012)

E' sorprendente che quando meno te lo aspetti esca sempre qualche disco capace di sorprenderti per gusto, qualità e fatto…

04 Oct 2012 Reviews

Read more

Germanotta Youth – The Harvesting Of Souls (Wallace, 2011)

Si contano ormai sulle dita di cento mani i progetti a cui Massimo Pupillo degli Zu collabora in maniera più…

02 Feb 2011 Reviews

Read more

Arashi – Jikan (PNL, 2019)

Dopo la recente collaborazione del guru della scena free giapponese Akira Sakata (sassofono, clarinetto basso e voce) al progetto New…

20 Jun 2019 Reviews

Read more

L’Esperimento Del Dr. K - S/T (Flamingo, 2019)

Horror garage punk  senza compromessi e con il ciuffo di Glenn Danzig. Punto di forza del quartetto genovese è sicuramente…

30 Mar 2020 Reviews

Read more

Rangda – Formerly Extinct (Drag City, 2012)

Il trio Rangda comprende membri di Six Organs Of Admittance, Comets On Fire (Ben Chasny), Sir Richard Bishop dei Sun…

19 Sep 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top