Maria Jikuuuuuuuuu – Level 7 (Spettro, 2012)

Dietro al nome d’arte di Maria Jikuuuuuuuuu si nasconde, chi l’avrebbe mai detto, Maria Jiku, ma il numero della vocale finale dev’essere variabile, se quando la vedemmo dal vivo si presentava semplicemente come Maria Jikuu. Evidentemente incurante delle questioni anagrafiche, la poliedrica musicista di Kyoto arriva, con Level 7, al suo terzo album, il primo per la Spettro Records dopo due autoproduzioni. Come si evince dal comunicato che lo accompagna e dal titolo (il 7 è i livello d’emergenza raggiunto durante l’incidente alla centrale di Fukujima), si tratta di un concept ispirato al recente incidente e che si allarga alla critica del nucleare in tutte le sue forme.
Sarà forse una suggestione, ma alla luce di ciò mi pare di poter leggere il disco come una narrazione: il panico delle voci che si sovrappongono fino al parossismo nella breve apertura di Inori, l’apocalisse di percussioni e venti elettronici che sommergono le voci salmodianti nella prima parte di Yamiyo 11, con quel sapore di industrial d’annata che ben si adatta a una situazione, quelle delle proteste della CND, che riporta agli anni ’80. Nella seconda parte dello stesso pezzo siamo pervasi da un senso di vuoto, nel lirismo di suoni generati da corde pizzicate e battiti metallici, in un’atmosfera affatto nipponica. Ci troviamo in un tempio buddista o in una città deserta? Poco importa: sia ha comunque l’impressione che qualcosa sia compiuto, ci si sia raggiunto un equilibrio, sebbene continui ad aleggiare un senso di dramma. Lungo queste coordinate prosegue la conclusiva Divinity 0, ancora più rilassata, con melodie riverberate che si stendono morbide per quasi mezz’ora (anche in questo caso divisa in due parti), senza tuttavia aggiungere nulla a quanto già detto, anzi risultando ridondante e facendo perdere un op’ di mordente al disco. Decisamente migliore, quindi, la prima parte, densa ed evocativa, più che sufficiente ad esaurire il tema, tra l’altro combinando modernità e tradizione, ma tenendo a distanza lo stereotipato nichilismo japan-noise. Una scelta che, dato il tema trattato, non appariva così scontata.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Makhno – The Third Season (Neon Paralleli/Wallace/Brigadisco/HYSM? e altri, 2015)

Dove eravamo rimasti? A Federico Ciappini che, su una base di chitarre distortissime, chiedeva due pistole, per “morire come il…

30 Jun 2015 Reviews

Read more

Larsen Lombriki - Free From Deceit Or Cunnings (Snowdonia, 2005)

Vivere nelle grotte, negli anfratti del terreno, in buie spelonche dove anche il più esile dei suoni viene amplificato. Il…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Matteo Uggeri/Luca Mauri/Francesco Giannico – Pagetos (Boring Machines/Grey Sparkle, 2012)

A concludere la quadrilogia iniziata nel 2007 da Maurizio Bianchi e Matteo Uggeri e dedicata ad alcuni aspetti della natura…

20 Jul 2012 Reviews

Read more

Action Beat + Nurse! Nurse! Nurse! – 06/11/09 Locanda di…

Un paese di campagna  che si chiama Campagna con una locanda che si chiama Locanda: stasera il suono dei tamburi…

19 Nov 2009 Live

Read more

Camillocromo - Rocambolesca (Autoprodotto, 2011)

Non credereste mai alla roba che ci viene mandata da recensire per questo sito: dalla musica italiana al punk rock…

28 Jul 2011 Reviews

Read more

David Grubbs & Taku Unami - Failed Celestial Creatures (Empty…

Prima collaborazione tra i due chitarristi David Grubbs e Taku Unami, entrambi dediti alla sperimentazione sulla sei corde e anche…

15 May 2018 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 22 (19/03/15)

Puntata numero ventidue della terza stagione di The Sodapop Fizz: Simon Balestrazzi è ospite di Emiliano: c'è tempo per parlare della…

23 Mar 2015 Podcasts

Read more

Uochi Toki + B-Unit - 07/03/09 RDA May Day (La…

Annata particolarmente gustosa questa del May Day di Spezia. Gli organizzatori hanno pensato bene di affiancare alcuni nomi piuttosto importanti…

12 Apr 2009 Live

Read more

Oracle – Going Up The River (Cynic Lab, 2009)

La carta dell'ironizzare sull'assetto strumentale basso-tastiere-batteria che fa tanto pèncfènc l'ho giocata nella recensione del party di compleanno del Megawolf, sono…

03 Mar 2010 Reviews

Read more

Sebadoh - Secret EP (Autoprodotto, 2012)

Anche se sono stati tra le mie band favorite in assoluto, consideravo i Sebadoh dopo 13 anni di ibernazione un…

04 Sep 2012 Reviews

Read more

Roberto Dani - Lontano (Stella Nera, 2010)

Di recente un amico ha commentato che Stella Nera in un certo senso è un'etichetta musicale anarchica di estrazione ma…

01 Sep 2011 Reviews

Read more

Child Bite - Vision Crimes (Joyful Noise, 2013)

I Child Bite sono considerati la miglior band live di Detroit. In otto anni di carriera hanno cambiato diverse formazioni…

13 May 2013 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu - Altered Realities (New Albion, 2006)

Anche se temo che molti su questa webzine non conoscano la New Albion, non è per nulla sconosciuta anzi, trattasi…

08 Jun 2007 Reviews

Read more

Rara Avis – Mutations/Multicellulars Mutations (dEN, 2013)

Prendete Stefano Ferrian al sax tenore e soprano, Simone Quatrana al piano, Luca Pissavini al contrabbasso e SEC_ ai nastri…

30 Apr 2013 Reviews

Read more

Darkthrone - Underground Resistance (Peaceville, 2013)

E' un bel traguardo per un artista non aver più nulla da dimostrare e, nel caso specifico del terribile duo,…

08 Mar 2013 Reviews

Read more

Il buio ai margini di Drive-In: il ritorno degli '80s…

"Siamo arrivati così ai tanto vituperati Eighties, per l'inevitabile "revival" dei quali bisognerà forse attendere il giro di boa del…

07 Aug 2006 Articles

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top