Lule Kaine – Radiations From Futurist Furniture (Chew-Z, 2008)

Ricordavo di aver già sentito qualcosa di questi Lule Kaine anche se non ricordo esattamente cosa e dove, ma questo solo perché giorno dopo giorno divento sempre più rincoglionito… ad ogni modo avevo un buon ricordo di quello che avevo sentito, ma ricordavo che fossero decisamente più virati verso il post-rock. Qualcuno mi aveva già parlato un gran bene di questa nuova uscita su Chew-Z ed effettivamente non è male, anche se post-rock o simile, lo è ma senso molto ampio. Partenza freak-tronica che mi ricorda parecchio i mai troppo osannati Salaryman, (qualcuno li ricordava come uno degli esempi migliori di "krautronica") in un ambito molto diverso anche alcune delle tracce successive si addentrano in questi territori dato che la titletrack sembra un incrocio fra i sopraccitati ed i primi Kreidler. Il pezzo è sempre legato ad una batteria molto regolare e ad un basso corposo che si ripete quasi a loop, tutta la sezione ritmica affonda in tappeti di synth e di arrangiamenti mediamente eterei e molto dilatati. Il gusto è molto tedesco nel senso più nobile del termine, ciò non toglie che il taglio cinematografico del lavoro porti altrove, infatti parlerei senza troppe riserve di musica figlia di un bombardamento conscio o inconscio a base di musica da film. Qualche scoria più tipicamente post-rock resta in tracce come Atonal e Klaus o in Not On, Not Hot, Or Doct Not Toc Toc dove la chitarra si fa più presente e gli arpeggi passano in primo piano, ma tranquilli, niente Mogwai, al più parlerei di materiale Constellation rinchiuso in un'ipotetico triagolo fra DoMakeSayThink, Fly Pan Am e Godspeed o varie emanazioni. Inutile dire che preferisco il gruppo quando rimane su dinamiche più lineari come nei primi pezzi, ma anche quando si lascia a strutture più tipicamente post-rock lo fa molto bene, ottimo gusto e buona registrazione anche se non ancora esplosiva come quella di molti dei gruppi fin qui citati. Per quanto diversi, se gli String Of Consciousness e i Kammerflimmer Kollectief vi erano piaciuti, anche i Lule Kaine potrebbero fare al caso vostro.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Hell Demonio - Discography (Wallace/Robotradio, 2008)

Discography, secondo album degli Hell Demonio, anche questa volta coprodotto da Wallace e Robotradio, conferma quanto di positivo si era…

12 Jun 2008 Reviews

Read more

Albireon - A Mirror For Ashen Ghosts Part Two (Toten…

“Raccontami una fiaba, in cui nessuno muore e mentimi se vuoi ma fallo con il cuore raccontami un dolore di vetro scheggiato giocattoli…

03 May 2022 Reviews

Read more

Icydawn - Rituals Of Obsession (Luce Sia, 2020)

Ancora una ristampa, ancora un recupero per Luce Sia: questa volta l'artefice è il mentore stesso dell'etichetta (Sacha Rovelli) che,…

01 Jun 2020 Reviews

Read more

Wailing Of The Winds - II (Paradigms, 2013)

Torna Mauro Sciaccaluga con il suo progetto solista Wailing Of The Winds e, dopo che la bella cassetta omonima era…

12 Dec 2013 Reviews

Read more

Gabriele Gasparotti - Istantanee Vol.1 (Diodrone, 2019)

Il presupposto fondamentale con cui avvicinarsi a queste istantanee non è immediato benchè sia incastonato nella copertina medesima, autentica dichiarazione…

21 Apr 2020 Reviews

Read more

Ocean Music

O del perdersi e ritrovarsi quando passano le glaciazioni e le ere si consumano come noccioline al circo. Era il…

13 Jun 2010 Articles

Read more

Stefano Giorgianni, Christian Falch, Fredrik Horn Akseslen – Blackherts (Tsunami,…

Dei documentari sul black metal, norvegese ma non solo, ormai credo si sia perso il conto: il genere attira -…

15 Aug 2019 Reviews

Read more

Gil Hockman - Dolorous (Self Released, 2015)

A volte la semplicità paga, come nel caso di questo disco fatto di niente, nato quasi per caso attraverso un…

28 Oct 2015 Reviews

Read more

Muviments Festival – 28-29/12/11 Itri (LT)

C’era bisogno, per chiudere decentemente un 2011 non propriamente esaltante sul fronte dei concerti, di un festival come si deve…

13 Jan 2012 Live

Read more

Holy Palms – Jungle Judge (Arte Tetra, 2016)

Che Pavel Eremeev sia un matto tamarro o un geniale alchimista è difficile da stabilire e certo non basteranno le…

08 Feb 2017 Reviews

Read more

X Congresso Post Industriale – 31/10/2015 Kindergarten (Bologna)

Non si poteva mancare quest’anno Al Congresso Post Industriale che la Old Europa Cafè organizza per al decima volta e…

11 Nov 2015 Live

Read more

Weeping The Black - Meanings In Lacrima (Autoprodotto, 2007)

Ancora metal. Ovviamente. Anche perché: "Heavy Metal will never die!" diceva un caro amico metalmeccanico di Spinetta Marengo. E se…

20 Aug 2007 Reviews

Read more

Laura Loriga - Vever (Ears&Eye 2022)

Di Laura Loriga avevo un bellissimo ricordo. La Maison Verte, datato 2016, mi sembrava l’unione quasi perfetta tra i tratti…

28 Apr 2022 Reviews

Read more

Koji Asano: il long distance runner della composizione giapponese

Quando qualche anno fa iniziai a ricevere suoi dischi, Koji Asano si trovava in una delle sue fasi più prolifiche:…

17 Mar 2012 Interviews

Read more

Hermetic Brotherhood Of Lux-Or – Anacalypsis (Boring Machines, 2016)

Grazie a Boring Machines trovano ospitalità fuori dalla Sardegna gli Hermetic Brotherhood Of Lux-Or, fra gli esponenti di spicco della…

05 Dec 2016 Reviews

Read more

Uncodified – Behaviour Traits Of Stalkers (Diazepam, 2013)

Con un titolo del genere, con un Black Death Synth che spicca fra la strumentazione, con Marco Deplano (Wertham) che…

24 Feb 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top