Luca Sigurtà/Panicsville – Split (Fratto9 Under The Sky, 2013)

Nella dilagante moda dei dischi one side (che a me continua a sembrare uno spreco di materiale), la Fratto 9 porta il discorso ancora un po’ più in là, stampando uno split in cui i due musicisti si dividono un lato, mentre l’altro è occupato da una serigrafia, piuttosto inquietate, di Sanair.
Parte Luca Sigurtà con un brano che fissa su vinile l’interesse per le ritmiche che avevamo potuto apprezzare nelle sue ultime esibizioni. Ora, non dubito che allo stato attuale dell’arte del vulcanico musicista piemontese questa tendenza sia già stata abbandonata per esplorare nuovi e più intriganti lidi, nondimeno è un piacere poterne serbare testimonianza. Hookers sfoggia un inizio pacifico, presto deturpato da ritmi regolari e sporco, che sembrano sempre lì lì per sgranarsi e fondersi col drone di sottofondo. L’atmosfera è ai limiti dell’industrial, ma il gioco si fa più complesso quando, dopo un improvviso attimo di silenzio, irrompono melodie ambient che si insinuano fra i battiti e il rumore e sorprendentemente finiscono per prevalere, regalandoci un finale elegiaco che riporta a certe atmosfere di Bliss. Ottimo esempio di scrittura e dosaggio delle atmosfere, Hookers è a mio parere uno dei brani migliori scritti da Sigurtà. Di seguito tocca al veterano Panicsville, alle prese con una brano ispirato al film Paura Nella Città Dei Morti Viventi e opportunamente dedicato a Lucio Fulci. L’urlo di terrore con cui si apre il pezzo è adatto viatico a una lunga suite a base di organo, batteria, campionamenti ed elettronica analogica, in equilibrio fra rumore industrial, kraut e colonne sonore alla John Carpenter. Rispetto all’evocativa prova di Sigurtà questa è musica più descrittiva e fondamentali sono i campionamenti (passi, porte che scricchiolano, lamenti, ringhi bestiali) che poco lasciano all’immaginazione, fornendo un perfetto surrogato delle immagini. Per tutti gli undici minuti di durata le atmosfere cambiano continuamente: sottile tensione orchestrata con strumenti sintetici e batteria, campionamenti che descrivono la città deserta, cupezze doom/industrial, organi molto ’70 che si combinano con fredde batterie anni ’80. A discapito delle atmosfere inevitabilmente cupe è questo un esperimento divertente e riuscito: l’intero film ridotto a cortometraggio audio.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Malagnino Marino Josè - 16-11-2008 (Produzioni Pezzente, 2008)

Altro lavoro che coinvolge Marino Josè Malagnino, deus ex machina dei Psss Psss Psss e boss della Produzioni Pezzente: si…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Three Days Of Struggle - 22-24/04/11 Codalunga (Vittorio Veneto -…

Three Days Of Struggle, un nome che a qualcuno evocherà ricordi di gioventù: Two Days Of Struggle, Padova, il giro…

11 Apr 2011 Live

Read more

Luca Majer - Matita Emostatica (Volo Libero edizioni)

Questo libro più CD edito da Volo Libero e mandatomi dallo stesso Majer, non raccoglie solo alcune memorie dell'autore relative…

16 Nov 2011 Reviews

Read more

HMWWAWCIAWCCW? - S/T (Boring Machines/Avant!, 2012)

L'esordio sulla lunga distanza degli How Much Wood Would A Woodchuck Chuck If A Woodchuck Could Chuck Wood?, terzetto torinese…

14 Jan 2013 Reviews

Read more

Anthony Cedric Vuagniaux - Le Clan Des Guimauves (Plombage/Suisa, 2014)

Il compositore svizzero Anthony Cedric Vuagniaux arriva alla terza uscita sulla lunga distanza, sempre restando nel genere della colonna sonora,…

31 Mar 2015 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi: "...italian pioneer of noise music, originating from Milan"…

Maurizio Bianchi o molto più semplicemente MB, un nome che paradossalmente in Italia è meno conosciuto che all'estero. Ma fino…

25 Dec 2006 Interviews

Read more

The Haunting Green – Natural Extinctions (Hypnotic Dirge, 2019)

Al primo incontro con The Haunting Green, era l’epoca del single club della Final Muzik, il duo di Pordenone ci…

21 May 2019 Reviews

Read more

Fabio Fazzi - Shattered Worlds / Nunavut - Diurnal Course…

Due interessanti pubblicazioni targate 2020 dalla prolifica Asbestos Digit. La prima è quella di Fabio Fazzi, musicista di area elettronica sperimentale,…

16 Sep 2020 Reviews

Read more

Chemical Resistance - My Low Heart (Taxi Driver, 2019)

Scaglie metalliche alla deriva nello spazio. Una sorta di ambient torbido quanto una sigaretta abbandonata dalle volute di fumo gradevoli,…

23 Mar 2020 Reviews

Read more

Sincabeza - Edit Sur Passage Avant Fin Ou Montée D'Instrument…

La Distile continua a rigurgitare rock e post-rock a profusione ed i "senza testa" non sgarrano dalla linea editoriale della…

09 Mar 2007 Reviews

Read more

Chad VanGaalen – Soft Airplane, B-Sides (SubPop, 2009)

Non lo sentivo nominare dal carino, ma presto archiviato Skelliconnection nel lontano 2006: Chad VanGaalen, musicista canadese di Calgary, Alberta.…

02 Jun 2010 Reviews

Read more

Spiritus N - Age (Luce Sia, 2020)

Delicatissima dark-ambient minimale per Luce Sia che, incurante a crisi sanitarie e ambientali, continua a sfornare materiale di primissima qualità.…

14 Apr 2020 Reviews

Read more

Inutili - Unforgettable Lost And Unreleased (Aagoo, 2014)

Con non scusabile ritardo torno ad occuparmi degli Inutili dopo il 12" Music To Watch The Clouds On a Sunny…

30 Sep 2015 Reviews

Read more

Barbara De Dominicis: lady sings the blues, ma non solo

Ho conosciuto Barbara De Dominicis grazie ad Anti-Gone, il suo debutto in solo, un lavoro a-melodico ma al tempo stesso…

06 Oct 2012 Interviews

Read more

Slumberwood - Yawling Night Song (A Silent Place, 2009)

I gruppi che ti mandano un cd senza scritto un cazzo, anche un semplice: "oh, minchia... tipo, io ti mando…

03 May 2009 Reviews

Read more

The Tall Ships - Paint Lines On Your Glasses Look…

Mi ha incuriosito il fatto che l'esordio dal titolo chilometrico di questo terzetto di S. Diego sia uscito per un'etichetta…

01 Dec 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top