Luca Sigurtà/Panicsville – Split (Fratto9 Under The Sky, 2013)

Nella dilagante moda dei dischi one side (che a me continua a sembrare uno spreco di materiale), la Fratto 9 porta il discorso ancora un po’ più in là, stampando uno split in cui i due musicisti si dividono un lato, mentre l’altro è occupato da una serigrafia, piuttosto inquietate, di Sanair.
Parte Luca Sigurtà con un brano che fissa su vinile l’interesse per le ritmiche che avevamo potuto apprezzare nelle sue ultime esibizioni. Ora, non dubito che allo stato attuale dell’arte del vulcanico musicista piemontese questa tendenza sia già stata abbandonata per esplorare nuovi e più intriganti lidi, nondimeno è un piacere poterne serbare testimonianza. Hookers sfoggia un inizio pacifico, presto deturpato da ritmi regolari e sporco, che sembrano sempre lì lì per sgranarsi e fondersi col drone di sottofondo. L’atmosfera è ai limiti dell’industrial, ma il gioco si fa più complesso quando, dopo un improvviso attimo di silenzio, irrompono melodie ambient che si insinuano fra i battiti e il rumore e sorprendentemente finiscono per prevalere, regalandoci un finale elegiaco che riporta a certe atmosfere di Bliss. Ottimo esempio di scrittura e dosaggio delle atmosfere, Hookers è a mio parere uno dei brani migliori scritti da Sigurtà. Di seguito tocca al veterano Panicsville, alle prese con una brano ispirato al film Paura Nella Città Dei Morti Viventi e opportunamente dedicato a Lucio Fulci. L’urlo di terrore con cui si apre il pezzo è adatto viatico a una lunga suite a base di organo, batteria, campionamenti ed elettronica analogica, in equilibrio fra rumore industrial, kraut e colonne sonore alla John Carpenter. Rispetto all’evocativa prova di Sigurtà questa è musica più descrittiva e fondamentali sono i campionamenti (passi, porte che scricchiolano, lamenti, ringhi bestiali) che poco lasciano all’immaginazione, fornendo un perfetto surrogato delle immagini. Per tutti gli undici minuti di durata le atmosfere cambiano continuamente: sottile tensione orchestrata con strumenti sintetici e batteria, campionamenti che descrivono la città deserta, cupezze doom/industrial, organi molto ’70 che si combinano con fredde batterie anni ’80. A discapito delle atmosfere inevitabilmente cupe è questo un esperimento divertente e riuscito: l’intero film ridotto a cortometraggio audio.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Micecars - I'm The Creature (Homesleep, 2006)

Gli elogi si sprecano per questa band romana, asso nella manica per Homesleep. Ne parlano un po' tutti, anche la…

06 Apr 2007 Reviews

Read more

Shonen Knife – Pop Tune (Damnably, 2012)

"Quando le vidi la prima volta dal vivo, mi trasformai in una isterica ragazzina ad un concerto dei Beatles". Queste…

12 Sep 2012 Reviews

Read more

Mai Mai Mai – 16/03/2014 Thimonnier (Verona)

Per ospitare la tappa veronese del piccolo tour l’associazione Morse si appoggia al Circolo Thimonnier, un ex tipografia riadattata a…

31 Mar 2014 Live

Read more

Murmur Mori – Radici (Casetta, 2017)

Fiabe E Leggende, brano che apre il nuovo disco dei Murmur Mori, è uno strumentale e dura giusto il tempo…

10 Mar 2017 Reviews

Read more

Roberto Fega - Echoes From The Planet (Setola di Maiale,…

Il difficile e nobile percorso creativo di Roberto Fega sboccia questa volta in un concept incentrato sul drammatico (e spesso…

03 Jan 2020 Reviews

Read more

Pablo Montagne/Giacomo Mongelli - Crudités (Setola Di Maiale, 2011)

Nuovo disco per Pablo Montagne e Giacomo Mongelli, nuovamente su Setola Di Maiale e nuovamente gran bel lavoro anche se…

28 May 2011 Reviews

Read more

Leather Parisi - Clockwise Mayhem (Industrial Coast, 2021)

Ormai l'entità che si cela dietro il sinistro logo sadomado da prima serata Rai è diventata artisticamnete inagguantabile. Ha sublimato…

02 May 2021 Reviews

Read more

Prosperina - Faith In Sleep (Maybe, 2012)

Musica abbastanza lisa e consunta quella dei Prosperina, ma per chi ama chitarrismi elefantiaci in un magma psichedelico potrebbe esserci…

12 Dec 2012 Reviews

Read more

Dead Boomers/Crow + Rushford/Talia + Hamann + Brennan/Butler - 24/10/10…

E' domenica sera ma la musica dal vivo non si ferma a Melbourne e la nostra scelta si orienta sul…

22 Sep 2010 Live

Read more

Ty Segall + JC Satan – 02/11/2014 Interzona (Verona)

Serata post Halloween all’Interzona, con qualche reduce della sera precedente che ancora si aggira nella sala e del quale renderemo…

07 Nov 2014 Live

Read more

AIDS Wolf - Cities Of Glass (Skin Graft, 2008)

Reduci da uno split con Athletic Automaton, con i quali spartiscono una incompromissoria propensione all’attacco sonoro, gli AIDS Wolf, da…

12 Nov 2008 Reviews

Read more

Toilet Door n.3 - Difensori Della Fede

Finalmente i nostri prodi affrontano Cthulhu a singolar tenzone e non si fanno sconti quando si guarda in faccia il…

18 Jul 2010 Podcasts

Read more

[mumble]³ - Blank (Brlog, 2011)

Tornano i torinesi Mumble Mumble Mumble, stabilizzatisi come terzetto dopo la prova in parziale duo dello scorso anno. Se allora…

18 Jan 2012 Reviews

Read more

Cigno - Morte E Pianto Rituale ( Autoprodotto, 2022)

L’attacco da subito il tono all’ambiente. Diego Cignitti suona veemente un pianoforte là, in fondo alla sala, annebbiato da quella…

10 Apr 2022 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto – Cielo Inchiostro (Bosco, 2012)

Daniele Brusaschetto è purtroppo uno dei segreti meglio custoditi della musica italiana. Non solo della musica underground, indie, indipendente o…

28 Jan 2013 Reviews

Read more

Powerdove - Do You Burn? (Africantape/Murailles, 2013)

Tutti sanno usare almeno un pochino Photoshop. Almeno da profani. Scriverei solo una similitudine per descrivere le sensazioni che Do…

24 Apr 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top