Low + Pikelet + Ponzu Island – 21/10/10 The Forum (Melbourne)

L'ultima delle tre serate che dedichiamo al Melbourne festival è quella dei Low ed è per me quella con le maggiori aspettative, dato che ho un debole per i vecchi dischi della band americana; in più una delle due band di supporto sono i Pikelet, nome sempre più in auge non solo in Australia ma anche dalle nostre parti: memori dei problemi con gli orari del festival ci organizziamo per essere in orario e come sempre in questi casi arriviamo addirittura in anticipo rispetto all'inizio delle danze.
La prima band sul palco sfodera un organico a dir poco massiccio, con otto persone e un sacco di strumentazione: ben sei tra sintonizzatori e tastiere, batteria elettronica, flauto traverso, violino, contrabbasso, chitarra e l'immancabile Mac; a questo punto ci aspettiamo un suono pieno e partiture molto variate, anche dato l'aspetto "accademico" dei musicisti sul palco, ma invece siamo sorpresi da un suono a metà tra gli infami Enigma e il pop anni '80 "stiloso": ancora una volta ci troviamo davanti all'elefante che partorisce il topolino… I Pikelet sono il gruppo dove la batterista dei True Radical Miracle (indie band dal piglio rumoroso giustamente molto apprezzata da queste parti) si esprime in libertà, infatti è praticamente il suo progetto solista dove canta e suona tastiere, percussioni ed ammenicoli vari con risultati molto pop e melodici: il set non è male anche per me che ormai sono diventato schizzinoso con queste musiche, belle sonorità molto varie e mai banali, anche se i momenti più nello stile "africano" da vampiro del fine settimana non mi entusiasmano molto. lowliveforum2Dopo l'ultimo degli estenuanti cambi di palco del festival che ci tocca sorbire finalmente salgono sul palco i tre non più giovani musicisti americani, che già nei giorni scorsi avevano dichiarato alla stampa locale che non ci si sarebbe dovuti aspettare da loro un concerto da "greatest hits", ma bensì un rodaggio dal vivo dei pezzi del loro nuovo disco; anche se sono un fan dei primi dischi e considero il "nuovo corso" dei Low come il meno interessante rispetto a Secret Name o Things We Lost In The Fire, devo dire che ho avuto una piacevole sensazione dai nuovi brani, che anche se probabilmente non raggiungeranno le vette del passato, comunque hanno un loro valore: questa impressione è aiutata dalla ottima esibizione di stasera, con i tre davvero "in palla" che suonano uno slowcore a volte accelerato da passaggi più rock con ritmi più accesi e chitarre maggiormente in evidenza. Resta che i pezzi dall'incedere più lento e malinconico, con le due voci che si intrecciano tra le note in slow motion della chitarra sono il meglio della serata e mandano un brivido lungo la schiena: nei pochi brani dedicati al repertorio passato tutto il pubblico percepisce questa cosa ed è infatti pronto a spelarsi le mani in applausi; il concerto finisce forse appena in anticipo rispetto ai desideri di tutti in sala, ma alla fine tirando le somme le aspettative del concerto sono state raggiunte e almeno per una delle tre serate di questo festival possiamo tornare a casa davvero soddisfatti.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Golden Gurls - Typo Magic (Damnably, 2013)

Non saprei dire se il nome è una storpiatura di una vecchia serie televisiva statunitense ma certo è che il…

08 Jul 2013 Reviews

Read more

Mai Mai Mai – Theta (Boring Machines, 2013)

Tre anni fa, quando esplose la bomba, non mi impressionò praticamente nulla del giro della famigerata Borgata Boredom, né il…

08 Jan 2014 Reviews

Read more

R.U.N.I. - RrrrUuuuNnnnIiii (Wallace, 2010)

Per quanto, pur stimando enormemente l'etichetta e lo spirito rock-omnidirezionale di Mirko Spino, non sia impazzito per alcune delle ultime…

16 Jan 2010 Reviews

Read more

Putan Club – 10/04/10 Le Tits (Brescia)

A un solo giorno di distanza da Amaury Cambuzat coi suoi Ulan Bator anche il cugino Francois (già Gran Teatro…

08 Apr 2010 Live

Read more

Mob - Polygon (Quatermain, 2007)

Quando mi capita di immergermi in ben due dischi provenienti dallo stesso sottobosco, mi viene da domandarmi subito quale sia…

18 Nov 2007 Reviews

Read more

31Knots - Worried Well (Polyvinyl, 2008)

In questi anni sulle pagine di Sodapop abbiamo sempre seguito i 31Knots, all'inizio con i primi due dischi di math…

05 Oct 2008 Reviews

Read more

Anatre Supreme Vs Yokotobigeri - Split (Escape From Today, 2006)

Credo di aver già visto dal vivo entrambi i gruppi, di sicuro gli Yokotobigeri a Genova ma credo di aver…

05 Dec 2006 Reviews

Read more

Toilet Door n.7 - Siamo Uomini O Conigli?

Direttamente dal cortile di Sodapop ecco la compilation per allietare i vostri amichetti domestici: una manciata di pezzi per gli…

23 Jun 2012 Podcasts

Read more

Phoenix Bodies - Too Much Informations (Shove/Init, 2007)

Altro pezzo della tornata di uscite nuove della Shove con il botto, giusto per farmi ancora rodere il fegato di non…

05 Aug 2007 Reviews

Read more

Sneers - Tales For Violent Days (LP God Unknown, 2022)

Quinto disco in 9 anni per Maria Greta e Leo, ovvero gli Sneers. Una continuità che non dà adito a cedimenti,…

29 Mar 2022 Reviews

Read more

Stearica - Oltre (Homeopathic, 2008)

Credo che Oltre possa essere considerato a tutti gli effetti il debutto degli Stearica, nonostante una loro prima apparizione, risalente…

27 Jul 2009 Reviews

Read more

Three Second Kiss - Long Distance (Africantape, 2008)

Formazione nuova, vita nuova, ma pur sempre vecchi Three Second Kiss, sia nel bene che nel male. Il gruppo non…

16 Mar 2008 Reviews

Read more

Clock DVA – 18/10/2014 Interzona (Verona)

Dopo la data saltata all’ultimo momento la scorsa primavera, finalmente si concretizza la possibilità di vedere i Clock DVA all’Interzona,…

24 Oct 2014 Live

Read more

VV.AA. – Pulsioni Oblique (Kaczynski, 2018)

La nascita di una nuova etichetta è sempre una buona notizia, specie se, come in questo caso, si appresta ad…

28 Mar 2018 Reviews

Read more

Grails - Doomsdayer’s Holiday (Temporary Residence, 2008)

Imperturbabili retro futuristi, i Grails continuano il proprio percorso evo/involutivo iniziato all'inizio di questa decade su Neurot Records. Dopo…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Ultraviolet Makes Me Sick - Stuck In The Room Full…

In questo periodo tutto intorno a me parla di elezioni e divisioni varie tra buoni e cattivi, eppure io non…

15 Apr 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top