Lorenzo Senni + Von Tesla – 12/01/2014 Chiesa Di Santa Maria In Chiavica (Verona)

Esordisce questa sera l’associazione veronese Morse, recentemente costituitasi e che si dedicherà, come appare evidente dal programma finora annunciato, alle musiche meno convenzionali , suoni che poco concedono ai gusti della maggioranza del pubblico trovando, forse anche per questo, poco spazio, non solo nella città scaligera. Maestri di cerimonia sono Lorenzo Senni, boss della Presto!? Records e con l’ultimo album licenziato dalla prestigiosa Edition Mego e Von Tesla, fresco d’esordio su Boring Machines dopo aver messo in pausa il precedente alias Be Invisible Now!: si annuncia una serata di elettronica totalmente laptop free.
A rivelare lo stile con cui la neonata associazione intende portare avanti le proprie iniziative è la scelta della location, su cui è indispensabile spendere alcune parole. Santa Maria In Chiavica è una graziosa chiesa del XV secolo perfettamente inserita nel tessuto urbano del centro storico di Verona:senni_von_tesla__morse varcato il portale sobrio, a due passi dalle arche scaligere, ci appare un piccolo gioiello di architettura rinascimentale a tre navate, con volta a botte e affreschi a temi geometrici e floreali restaurati di recente e dotato di un’acustica più che buona. Restituire a luoghi simili una funzione, renderli visitabili, animarli nel contrasto fra antico e contemporaneo è già di per sé cosa meritoria e una possibilità troppo poco sfruttata nel nostro paese, senza trascurare il fatto che assistere a uno spettacolo in un luogo ricco di storia e di cultura, pensato con una funzione differente ma comunque orientata all’ascolto, ben dispone verso lo stesso. Il sovralzo su cui è posto l’altare fa da palco naturale, mentre nella navata sono sistemate le sedie, un centinaio, su cui prende posto un pubblico vario e attento, evidentemente qui per la musica. Con non più di una decina di minuti di ritardo sull’orario annunciato  parte Von Tesla, nascosto dietro ai santa-mari-achiavica-tesla-sennimacchinari analogici e immerso in una luce blu che dissimula una clamorosa camicia stile Seattle ‘91. In linea con quanto sentito sul recente Raised From Clear Acid propone un set molto vario, che procede a ritmo lento fra cupezze ambientali e ritmiche quasi dub, alternando sfondi melodici e crescendo rumoristi e tagliando il tutto con suoni lancinanti che potrebbero ricordare l’audio chirurgia di del duo Brasini/Maggiore, guarda caso anche quello uscito per Boring Machines. Mezz’ora di ascolto non pacificato ma assai piacevole per gli amanti di queste sonorità. C’è un quarto d’ora di pausa fra la prima e la seconda esibizione, il tempo per una boccata d’aria, una sigaretta o per gustare un bicchiere di vino ed è il momento di Lorenzo Senni. Il suo approccio è ancora più radicale di quello di Von Tesla: musica sospesa fra techno astratta e IDM, suonata live con perizia davvero notevole. Nelle partiture intricatissime sembra di ascoltare echi di una formazione classica, ma rivista attraverso i modi e gli schemi di un’elettronica analogica che trasfigura tutto, come nel primo brano, un’ipotesi di techno cameristica perfettamente riuscita. Poi si procede fra melodie arpeggiate, sequenze di suono Lorenzo_Senni__morsereiterate e beat sintetici mai troppo chiassosi, che disegnano una specie di dance music bloccata, impossibile da ballare, nonostante le mosse del musicista, posseduto dalla sua stessa musica, sembrino suggerire il contrario. Per chi non è troppo avvezzo al genere (mi conto anch’io) la parte centrale dell’esibizione è piuttosto impegnativa, tanto che qualcuno si alza per prendersi una pausa, ma si è ampiamente ripagati da una chiusura in crescendo, con una melodia non scontata eppure accattivante che riempie l’ambiente e sembra risuonare ancora a lungo dopo la fine del concerto. Un gran finale che suggella una serata davvero riuscita, all’insegna della; che sia di buon auspicio per i prossimi appuntamenti: l’enfant prodige Furtherset, l’affermato  Theo Teardo e il fantomatico  Mai Mai Mai.

Foto: Collettivo C<

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Bowerbirds - Hymns For A Dark Horse (Dead Oceans,…

Che, da qualche parte, la quadratura del cerchio dovesse arrivare, era ovvio. Pacifico era che, per qualche folkster impazzito che…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Noise Of Trouble – Distopia (Brigadisco, 2012)

La recensione dell'ultimo album dei Mombu sul fondamentale blog Il Teatrino Degli Errori, recitava "Fra le tante, citiamo tre piaghe…

31 Jan 2013 Reviews

Read more

Aetnea – S/T (Autoprodotto, 2012)

Gli Aetnea arrivano dal comune di Trecastagni, provincia di Catania, ma non immaginate le "solite" cose in stile Uzeda o…

06 Jul 2012 Reviews

Read more

Bemydelay – Hazy Lights (Boring Machines, 2013)

Dopo le atmosfere eteree e la chitarra in loop di To The Other Side, torna Marcella Riccardi (già in Franklin…

17 Apr 2013 Reviews

Read more

Grails - Doomsdayer’s Holiday (Temporary Residence, 2008)

Imperturbabili retro futuristi, i Grails continuano il proprio percorso evo/involutivo iniziato all'inizio di questa decade su Neurot Records. Dopo…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Le-Li - My Life On A Pear Tree (Unhip/Garrincha, 2010)

Parlavamo tempo fa di pop pandistelle, ed eccolo qua il regalo perfetto per Emiliano Zanotti, il debutto di Le-Li: qui…

24 Mar 2010 Reviews

Read more

Giuda - Racey Roller (White Zoo, 2011)

Disco dell' anno senza dubbio. Frizzante ed effervescente rock'n' roll che sta a Slade e The Ruts tanto quanto…

13 Oct 2011 Reviews

Read more

Di Domenico/Henriksen/Yamamoto - Clinamen (Off/Rat, 2011)

Ecco un gran bel disco alla faccia del jazz che non si muove, di quello che resta statico e legato…

08 Jun 2011 Reviews

Read more

Gabriele Gasparotti - Istantanee Vol.1 (Diodrone, 2019)

Il presupposto fondamentale con cui avvicinarsi a queste istantanee non è immediato benchè sia incastonato nella copertina medesima, autentica dichiarazione…

21 Apr 2020 Reviews

Read more

Psychocandy - Le Canzoni Dei Folli (Autoprodotto, 2006)

Buon prodotto di stampo tipicamente americano per questi quattro metallari del mezzogiorno che porano in giro il nome Psychocandy. Benché…

18 Aug 2007 Reviews

Read more

Pepper And Bones - _one (Nonine, 2009)

Per la serie meglio tardi che mai, eccomi qui a recensire altro materiale su Nonine e non posso che suggerirvi…

02 Oct 2009 Reviews

Read more

Scosse Elettriche - Rock Cut (MC Non Piangere, 2022)

Registrato nel corso del 2020 da Davide Zolli e Riccardo Sinigaglia. Batteria e percussioni il primo, piano, tastiere, sintetizzatori e…

17 May 2022 Reviews

Read more

The Great Saunites – Green (Hypershape/Toten Schwan, 2016)

Il duo The Great Saunites è simile a un elettrone che orbita intorno al nucleo che rappresenta la loro idea…

09 Jan 2017 Reviews

Read more

Catlong - My Cocaine (Autoprodotto, 2008)

Tornano i cinque fantasy rockers lombardi Catlong. Questa volta con una ballad sbilenca e ubriaca, ma come al solito…

03 Apr 2008 Reviews

Read more

T.A.C. - Chaosphere (Old Europa Café, 2013)

Rispolverato fuori dal cassetto di Simon Balestrazzi, esce a quindici anni di distanza questo Chaosphere, registrato infatti nel 1997/1998 ma…

01 Jul 2013 Reviews

Read more

Los Fancy Free - Nevergreens Vol. 1 (SiliconCarne, 2008)

Fuori da qualsiasi moda, fuori dal tempo ed inevitabilmente (ed autenticamente) fuori di testa, questo bizzarro quartetto scandinavo/messicano (!!!)…

26 Nov 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top