Liars – Liars (Mute, 2007)

Liquidare questo quarto album dei Liars come il loro album più pop sarebbe fin troppo facile, però essendo questo quarto album dei Liars il loro album più pop, dove pop sta per accessibile, accattivante, melodico, ruffiano, orecchiabile, direi che non c’è altra strada possibile. Quarto album, di cui il terzo per la Mute, e dei tre pubblicati per detta etichetta sicuramente il più Mute oriented di tutti: wave, decadente, accattivante, orecchiabile eccetera. Produzione ai livelli dei Tv On The Radio, con i quali qui e là condivide qualche similitudine, suoni ottimi, rotondi e pieni. Mi piace perché a tratti lo trovo quasi quasi geniale nel suo genere, che poi non so qual è il suo genere in effetti, ma tant'è.

 Prendere il riff di Plaster Casts of Everything. E’ il classico riff FA-MI-FA-FA che chiunque dopo due giorni che suona la chitarra elettrica tira fuori ma si vergogna a proporre agli altri del gruppo. Bhè i Liars non si vergognano e senti cosa ne fanno, anche se a fare la differenza è la seconda chitarra, quella che fa le note acute e poi ancora quello che combinano nel finale: scala di 4 note, cantato vagamente Stooges, hard rock futurista. Registrato a Berlino e si sente, Liars è un disco rock, inutile cercare altre definizioni, a tratti cupo, di quella cupezza che ad esempio si sente nel Nick Cave di Grinderman, cioè non eccessivamente maledetta, ma molto potente, a tratti più leggero, vedi ad esempio Houseclouds tra Beck, i synth più melodici dei Trans Am e il falsetto di Prince. Altre variazioni sul tema, l’ambientazione industriale di Leather Prowler: Dark Day e Ike Yard dietro l’angolo, per non dire banalmente Suicide. Sailing to Byzantium viaggia invece dalle parti dei Tv On The Radio. What Would They Know e Freak Out citano i Sonic Youth periodo Bad Moon Rising e/o EVOL. Cycle Time gioca la carta del riff hard rock di 3 note, che ci sta tutto tra l’altro. Pure Unevil potremmo non sbagliarci dicendo Jesus & Mary Chain. Clear Island altro riff netto, poche note ripetute, poteva stare sul loro primo album, i Liars che citano se stessi e lo fanno bene. The Dumb in The Rain rispolvera malinconiche atmosfere velvetiane in bassa fedeltà, caricandole di un qualcosa di inquietante, non è il brano migliore dell’album ma sa farsi apprezzare. Infine Protection, tappeti di tastiere e ritmo sintetico circense, è il balletto che conduce al finale, un gioco per arrivare al fondo in modo innocuo e vagamente malinconico. Niente da dire. Confronti con i primi 3 album? Evoluzione, involuzione o spostamento laterale? Un po’ tutte e tre le cose, fermo restando che forse le cose migliori erano probabilmente già state dette con They Threw Us All in a Trench and Stuck a Monument on Top, ciò non toglie che Liars sia di poco sotto quel gradino, compensando con una inevitabile sterzata verso il pop quanto perso in tendenza a sperimentare.

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Ocean Music

O del perdersi e ritrovarsi quando passano le glaciazioni e le ere si consumano come noccioline al circo. Era il…

13 Jun 2010 Articles

Read more

Loimann - Towards Higher Consciousness (One Voice, 2010)

A dispetto dell'artwork gotico e post-industriale, il combo torinese, ormai attivo da diversi anni, presenta una sorta di sludge/stoner che…

26 Oct 2010 Reviews

Read more

Key-Lectric - Blanking Generator (Stuprobrucio, 2009)

Ho avuto l’occasione di sentire in concerto Key-Lectric durante una loro lontana trasferta eporediese e di quella sera mi era…

23 Apr 2009 Reviews

Read more

Gastr Del Sol - Twenty Songs Less 7" (Minority, 2006)

Ebbene sì. Finalmente Jim O'Rourke ha capito che per lui non c'era davvero niente da fare di utile all'interno dei…

22 Jan 2007 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi/Luigi Turra - In Winter (Silentes, 2012)

Gianluca Becuzzi e Luigi Turra pubblicano per la prima volta un disco assieme, dopo aver collaborato sotto diverse forme per…

04 Dec 2012 Reviews

Read more

Squadra Omega - Le Nozze Chimiche (MacinaDischi, 2011)

Momento di felice iperattività per uno dei gruppi più psicotropi della penisola: da poco abbiamo tolto dal lettore l'ottimo disco…

14 May 2011 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 30 (21/05/15)

Puntata numero trenta della terza stagione di The Sodapop Fizz, ospite di Emiliano Giulio Aldinucci con le ultime novità sulla musica…

25 May 2015 Podcasts

Read more

Padna – Alku Toinen (Aagoo/Rev. Lab, 2015)

Nat Hawks, inglese, insegna alle scuole medie a New York. Chissà, forse il lavoro gli dà poca soddisfazione, fatto sta…

08 Feb 2016 Reviews

Read more

Artifact Shore/Linedotstar - Landscape Removal (Interferenceshift, 2006)

Split abbastanza interessante e che da una parte presenta Artifact Shore di cui abbiamo recensito altro materiale da pochissimo e…

21 Apr 2008 Reviews

Read more

John Tilbury / Keith Rowe / Kjell Bjørgeengen - Sissel…

Sissel è il resoconto di un concerto tenutosi nel 2016 al Moving Sound di Stavanger in Norvegia, un ex supermarket…

02 Jun 2018 Reviews

Read more

Astral Brew - Red Soil (Macina Dischi, 2018)

Navigatori di lungo corso intrecciano le trame di questa sorta di concept spaziale a metà strada tra l'impro jazz colto…

25 Oct 2018 Reviews

Read more

Plasma Expander - S/T (Wallace/Here I Stay, 2007)

L'ennesimo frutto del sottobosco che esordisce su Wallace? Degli esordienti?...direi che sì per la prima, visto tratta di un esordio,…

31 Jan 2007 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 25 (16/04/15)

Puntata numero venticinque della terza stagione di The Sodapop Fizz, questa volta l'ospite di Emiliano e Stefano è Gianluca Becuzzi che porta…

20 Apr 2015 Podcasts

Read more

Ooopopoiooo - 18/05/2014 Teatro Santissima Trinità (Verona)

Cambio di location per le serate dell'associazione Morse, un nomadismo utile a farci conoscere nuovi spazi e realtà: questa è…

30 May 2014 Live

Read more

Ufomammut & Lento - Supernaturals Record One (Supernaturalcat, 2007)

Ritornano carichi pesanti e carichi liquidi: una metafora da broker navale che ben sintetizza questo felicissimo connubio. E ancora una…

26 May 2007 Reviews

Read more

X-Mary - A Tavola Con Il Principe (FullBlast, 2006)

Potrebbero essere la risposta "rock-funk" ai Paolino Paperino, la dove "Fetta" era punk, gli X-Mary sono rock, anche se di…

06 Oct 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top