Lēvo – S/T (Zen Hex, 2019)

La nuova uscita su 7” dell’aretina Zen Hex è il battesimo musicale del concittadino Lorenzo Cardeti, unico titolare del progetto Lēvo, qui coadiuvato da Arturo Magnanensi  al basso-synth e da Lorenzo Nocentini alle percussioni. Se la precedente uscita vinilica dell’etichetta, YY di Hexn, si muoveva sull’asse Oriente-Occidente, qui scivoliamo invece lungo i meridiani, fra sonorità africane e algide spazialità nordiche: per questioni di genere i due nomi non sono avvicinabili – la forma per cui opta Lēvo è una sorta di dance music d’ascolto – ma il feeling e l’equilibro che si raggiunge nei due brani del disco potrebbe essere paragonabile a quello dei Talking Heads più neri. Mbombo, sul lato A, lavora con percussioni e voci femminili campionate che ci tirano verso l’Africa e orchestrazioni di synth che ci riportano oltre il Tropico del Cancro finché non perdiamo definitivamente di vista l’orizzonte, ed è davvero un bello smarrirsi. Sull’altra facciata Savanero si muove su coordinate simili, guadagnando in coesione fra le due anime e perdendo un briciolo di fascino, ma davvero poco. Il bello della musica di Lēvo, sembra un paradosso, è che la facilità d’ascolto, inducendo a far girare continuamente il disco sul piatto, fa scoprire, nella ripetizione, le sfumature inattese ed affascinanti di un suono dove la fisicità non è mai disgiunta dall’anima. A completare un disco che merita una possibilità anche se non siete avvezzi al genere, trovate accluso Zebulon, un breve racconto distopico di Johnny Mox, oggi fra i pochissimi capaci di parlare della questione immigratoria lontano dalle ciniche sparate dei cattivisti come dai meme piagnoni dei buonisti.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Persian Pelican - How To Prevent A Cold (Autoprodotto, 2012)

Placidamente pop. Indie pop. Elettroacusticamente indie pop. Questo giusto per tentare di riassumere in maniera funzionale il secondo lavoro, dopo…

23 Jan 2013 Reviews

Read more

Inferno - The Fall And Rise And Fall Of Inferno…

Ritornano per il canto del cigno i capitolini più simpatici degli ultimi anni. Da una parte è un vero peccato…

29 Jan 2013 Reviews

Read more

Pinback - Autumn Of The Seraphs (Touch & Go, 2007)

I Pinback potremmo tranquillamente definirli un "superduo" risultato dell'unione creativia di Rob Crow (ex Heavy Vegetable, Thingy, Optiganally Yours, collaboratore…

25 Aug 2008 Reviews

Read more

Anti You - Blank Stares (Agipunk, 2013)

Secondo disco sulla "lunga" distanza ed ennesima grande prova dei romani Anti You che, secondo i loro canoni, sfornano 16…

01 Apr 2014 Reviews

Read more

Ultravixen – Avorio Erotic Movie (Wallace, 2008)

No, amici niente tettone all'orizzonte, anzi, banane au go-go, ma non quelle che lucidate guardandovi film di Meyer, bensì quelle…

04 Dec 2008 Reviews

Read more

Vonneumann - Il De’ Metallo (Ebria, 2009)

Chiude i battenti, ahinoi, la Ebria Records e lo fa lasciando in eredità un disco che, ce ne fosse…

08 May 2009 Reviews

Read more

Sad Cambodia – First Metheoretical Bullettin (Sincope/Under My Bed, 2017)

La strana coppia: Massimo Onza, musicista nei panni di Wound e boss della Sincope insieme a Stefano Santabarbara, boss della…

04 Aug 2017 Reviews

Read more

Patton – Hellénique Chevaleresque Récital (Matamore/Prohibited, 2009)

Mi ricordavo dei belgi Patton dai tempi di JR For Jaune Rouge, del 2000, spigoloso disco noise decisamente interessante, per…

23 Oct 2009 Reviews

Read more

Father Murphy – 13/04/12 Agorà Del Polaresco (Bergamo)

Se avete letto la recensione del nuovo album dei Father Murphy, potrete capire che l'occasione di vederli dal vivo a…

27 Apr 2012 Live

Read more

All My Sins – Pra Sila–Vukov Totem (Saturnal, 2018)

Se il black metal slavo gode da qualche anno di ottima salute sull’asse Polonia-Russia, cominciano ora ad emergere realtà interessanti…

11 Jan 2019 Reviews

Read more

Current 93 - Aleph At The Hallucinatory Mountain (Durtro, 2009)

Riprende il largo la nave dei folli di David Tibet e dopo aver veleggiato, col precedente Black Ships Ate The…

22 Jun 2009 Reviews

Read more

Gerda - Black Queer (Wallace/Shove, 2018)

Come sempre imprevedibili i Gerda ci arrivano sotto la faccia con l'ennesimo lavoro slabbrato, zoppicante ma anche potente e disperato…

26 May 2018 Reviews

Read more

Mauve - Sweet Noise On The Sofa EP (Canebagnato, 2007)

Copertina che rimanda a quelle spartane di album indie o emo usciti negli anni novanta (primi Modest Mouse, Mineral, Karate,…

23 Sep 2007 Reviews

Read more

Talibam!/Jealousy Party - Phonometak Series #5 (Phonometak/Wallace, 2008)

Continua inesorabile la serie di vinili marcati Soundmetak/Wallace; la collana solitamente mette insieme nomi conosciuti esteri e nostrani, vecchie glorie…

18 Nov 2008 Reviews

Read more

The Go Find - Brand New Love (Morr Music, 2014)

Il belga Dieter Sermeus porta avanti i suoi The Go Find con un disco ogni tre/quattro anni, siamo arrivati al…

27 Mar 2014 Reviews

Read more

Radio Birdman - Zeno Beach (Crying Sun, 2006)

L’uomo uccello della radio (velo pietoso sulla traduzione italiana di un nome che in inglese è semplicemente fenomenale; e vi…

22 Jul 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top