Lebenswelt – Metaphysics Of Entropy (Under My Bed, 2019)

C’è stato un tempo in cui “indie” non era una parolaccia che evoca canzonette inutilmente sghembe e cantanti fintamente arguti ma rappresentava un genere, forse anche uno spirito, che sapeva scavare nel profondo di chi ascoltava, forse perché i musicisti avevano prima compiuto la stessa operazione su sé stessi. Proprio questo è quello che fa Lebenswelt, progetto del Giampaolo Loffredo, qui in combutta con My Dear Killer alla chitarra elettrica, Luca Galuppini/ONQ alla sega sonora, Mauro Costagli alla batteria e Pier Giorgio Storti  a violoncello, clarinetto, balalaika e…campane di Parma (?). Ma se quanto detto finora potrebbe far pensare a musica che si rifà ad anni passati, ascoltando Metaphysics Of Entropy non si trova traccia di nostalgia perché ciò che viene evocato non ha tempo e trascende qualsiasi genere o moda. Potrei parlarvi di folk, non sarebbe fuori luogo, ma tutto è così rallentato, rarefatto e smagliato da sommessi feedback e archi rumorosi da sfocare nella nebbia quelli che sono i punti di partenza: l’idea rimane quella, molto tradizionale, di raccontare malinconici attimi di vita, ma il suono diventa altro, la colonna sonora di un autunno dell’anima. Non deve sorprende quindi se fra le note dolenti di Dance Dance Dance, nella lentezza catatonica di The Morning e nel poetico disordine di Distant Colours vi apparirà il fantasma di Jason Molina, così nitido da essere quasi tangibile, oppure sentirete (ce lo suggeriscono dalla regia) gli echi dei primissimi Smog. Ma in Metaphysics Of Entropy si trova anche altro, il neo folk dolente di Cold Swollen Hand, o lo slowcore di Illusion Hold, il brano più personale della raccolta, dove la voce lotta per prevalere sul suono ripetitivo della chitarra. Sono tutte canzoni che ti parlano come se le conoscessi da sempre, ma raccontandoti di continuo storie nuove; così, quando si arriva al brano eponimo che chiude la raccolta, non servono parole per capirsi e gli strumenti suonano liberi, accomiatandosi da noi. Quello che ci rimane è un senso di incompiuto e indefinito che rende il tutto profondamente vivo e umano, marchio di una musica profonda, composta e suonata con tocco leggero: musica fatta per durare.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Ubik - Circadian Rythms, Sleep Disorder (Farmacia901, 2012)

E' sorprendente che quando meno te lo aspetti esca sempre qualche disco capace di sorprenderti per gusto, qualità e fatto…

04 Oct 2012 Reviews

Read more

Great Lake Swimmers - Ongiara (Nettwerk, 2007)

Sempre in sordina, e non poteva essere altrimenti, i "nuotatori del grande lago" mi sono sempre piaciuti, sarà per il…

20 Jul 2007 Reviews

Read more

Limbo - Unholy Rituals (Radical Matters, 2010)

Gianluca Becuzzi rispolvera il nome Limbo in un periodo per lui molto denso in termini di uscite discografiche, ma del…

12 Apr 2011 Reviews

Read more

Black Mountain - Wilderness Heart (Jagjaguar, 2010)

Spinto da un grande sforzo pubblicitario arriva il terzo disco dei rcanadesi Black Mountain, ormai consolidati come uno dei più…

14 Oct 2010 Reviews

Read more

Sin Ropas – Holy Broken (Madcap, 2010)

I Sin Ropas sono forse il progetto minore ma che con maggiore continuità e linearità d'intenti prosegue l'eredità lasciataci dai…

11 Feb 2010 Reviews

Read more

Airportman / Fabio Angeli - Il Paese Non Dorme Mai…

Attivi da una quindicina di anni, i cuneesi Airportman iniziano ad avere una nutrita discografia, il tempo passa e la…

22 May 2020 Reviews

Read more

Black Era - ...Then... (Aquietbump, 2007)

Un buon disco trip hop quello dei Black Era con tanto di cantato melodico in idioma anglosassone, suoni curati atmosfere…

11 Jun 2007 Reviews

Read more

Lo Dev Alm - It Is Later Than You Think…

Era da un po' che non sentivo parlare di Pagliero e  poi in poco tempo mi capitato di vederlo impegnato…

26 Jun 2007 Reviews

Read more

Giardini Di Mirò + Mimes Of Wine - 7/12/12 Circolone…

Con un valido lavoro uscito la scorsa primavera e la ristampa del glorioso primo album Rise And Fall Of Academic…

14 Dec 2012 Live

Read more

Luciano Maggiore & Francesco “Fuzz” Brasini - Chàsm Achanés (Boring…

Con la benedizione di Santandreadegliamplificatori e del giro bolognese più sperimentale Luciano Maggiore e Francesco Brasini, assistiti da Mattia Dallara…

16 Feb 2011 Reviews

Read more

Dad They Broke Me – Rot (We Empty Rooms, 2010)

Fine della corsa per uno dei gruppi preferiti dal nostro amabile Radu Kakarath: il batterista va a vivere in Giappone…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

Psycho Kinder - Perì Phýseos (Fonetica Meccanica, 2021)

Psycho Kinder, entità mutevole ma dotata di un baricentro ben saldo, capace di trova ogni volta nuovi compagni che ne…

10 Mar 2021 Reviews

Read more

Monarch – Sabbath Noir (Heathen Skulls, 2010)

Fra le cose migliori del cospicuo bottino di dischi che il boss ha portata dall'Australia c'è questo vinile dei francesi…

03 Jan 2011 Reviews

Read more

AA.VV. - Ten Years Of Secret Mixtapes Kept Under My…

Dieci anni di Under My Bed... a parte i ricordi e un po' di malinconia data dal passare degli anni,…

26 Mar 2012 Reviews

Read more

Daedelus + Eliot Lipp - 14/07/06 Ortosonico (Giussago - PV)

Odio fare la figura del tonno. Ma con l'allegra furgonata mossasi da Genova per raggiungere le impervie interpoderali dell'oltrepò pavese…

16 Aug 2006 Live

Read more

AA.VV. - The Fall Will Probably Kill You (Bearsuit, 2010)

Ennesima raccolta della Bearsuit, etichetta inglese della quale ci siamo già occupati sia nel caso di altre raccolte che in…

07 Jan 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top