Le Singe Blanc – BaïHo (Whosbrain/Bar La Muerte, 2008)

Prendo spunto dall’entusiastica recensione di un loro live in quel di Villafranca redatta dall’esimio collega Zanotti per tirare fuori dal mucchio questo cd che negligentemente ho tardato secoli a recensire, complice forse la difficoltà ad affrontare un gruppo che, cito qui il sempre esimio collega Zanotti, "trita senza pietà qualsiasi genere gli capiti sotto tiro: dal doom metal alla dance e tutto ciò che può stare fra questi due lontanissimi poli". Trio francese, basso-basso-batteria, di Metz, Le Singe Blanc arriva con BaïHo, se ho ben contato, all’album numero otto. Un numero che, pur tenendo conto del fatto che questi ceffi sono attivi ormai da quasi dieci anni, appare comunque considerevole. Questo per dire che i tre non sono propriamente di primo pelo, e si sente. Musicalmente Le Singe Blanc sembrano rifarsi, semplificandoli, a consolidati schemi jazz core, e a perseguire una via, effettivamente personale, irruente e incattivita dei ritmi punk funk, il tutto condito da massicce dosi di noise rock (e sottolineerei rock). Il suono mi ricorda talvolta i Ruins, pur essendo il gruppo francese molto più dritto del duo nipponico e decisamente meno prog: musica comunque allo stesso tempo pestona e deviata, ironica, eccessiva e caricaturale. Quantomai caratterizzanti, nel bene e nel male, sono poi le voci, spesso usate in modo demenziale, al limite dell’irritante, una via di mezzo tra un falsetto e una mossa di kung fu. E’ facile immaginare, e le entusiastiche parole spese dall’esimio collega Zanotti sembrerebbero confermalo, che la dimensione live sia la più congenita per apprezzare un gruppo simile, il cd, infatti, pur non presentando sbavature formali ed essendo ottimamente registrato (al banco di regia Rico degli Uochi Toki) lascia aperti alcuni interrogativi e a tratti appare un po’ limitante. In compenso, in coppia con il cd, c’è un dvd, testimonianza del tour in Cina tenuto da Le Singe Blanc un paio di anni fa, grazie al quale il "malato disegno del gruppo" (cit. rec. esimio collega Zanotti) appare in tutta la sua potenza, davanti a drappelli, ad onor del vero non sempre così numerosi, di punk cinesi osannanti.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Iron Molar – DIYCD (Fucking Clinica, 2010)

Non è facile stare al passo con tutte le uscite del duo Iron Molar: fra album, split e nastri, se…

19 Sep 2010 Reviews

Read more

La Batterie - He Ate A Lamp Now He's A…

"Una versione spongebob dei Sonic Youth", e stavolta chiunque abbia inventato questa definizione per il terzetto berlinese un po' c'ha…

17 Feb 2008 Reviews

Read more

Il Cotone di Fukushima – Scie (Autoprodotto, 2013)

Dalla fertile Sardegna, fertile almeno dal punto della musica meno convenzionale, ci arriva l'esordio autoprodotto de Il Cotone Di Fukushima.…

27 Nov 2013 Reviews

Read more

Twelve Thousand Days - Field’s End (Final Muzik, 2020)

Il sodalizio fra i Twelve Thousand Days di Martyn Bates (Eyeless In Gaza) e Alan Trench (Temple Music) e la…

27 Dec 2020 Reviews

Read more

Corpoparassita - Inesorabile (Final Muzik, 2007)

Le mille etichette con cui si elencano, suddividono e catalogano i dischi a volte lascia interdetti, soprattutto nel caso di…

01 Oct 2008 Reviews

Read more

Agatha – Goatness (Wallace/Basement City, 2011)

Evolutesi a power-duo dopo l'abbandono della chitarrista ormai a tempo pieno nei Verme, le Agatha si sono reinventate, allenandosi…

23 Feb 2011 Reviews

Read more

Luca Sigurtà - Bliss (Fratto9 Under The Sky, 2012)

Luca Sigurtà pubblica per la Fratto9 di Gianmaria Aprile il disco solista Bliss, che va ad aggiungersi ad una folta…

24 May 2012 Reviews

Read more

Massimo Volume - 08/11/08 Arci Tom (Mantova)

Impossibile non avere mai incrociato i Massimo Volume, almeno nella persona di Emidio Clementi, anche per chi, come me,…

14 Nov 2008 Live

Read more

Black Fluo - Billion Sands (Pulver Und Asche, 2014)

A scadenze temporali abbastanza regolari, sui 20 - 25 anni, ogni genere o sottogenere musicale viene ripreso, a volte attualizzato,…

27 Nov 2014 Reviews

Read more

Ovo – Creatura (Dio Drone, 2016)

Gli Ovo se ne escono dall’antro della Supernatural Cat lasciandosi alle spalle quel processo di relativa normalizzazione metal a cui…

11 Jan 2017 Reviews

Read more

Waines - A Controversial Earl Playing (Autoprodotto, 2007)

E’ uno skin and bones rock n’roll che si ostina a parlare a voce alta. Così va giustamene definito il…

04 Sep 2007 Reviews

Read more

Adriàn Juarez & Zenlu - Random Trip (Chew-Z, 2008)

Proprio di recente comprando un vecchio Nurse With Wound sono ritornato per la miliardesima volta a pensare quanto cazzo fosse…

24 Apr 2008 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi + Saverio Evangelista ‎- Micromal Sonorities (Silentes/13, 2015)

Interessante ristampa per Silentes, all'interno della serie audio/video 13: un booklet in formato A4 con belle foto di Stefano Gentile…

01 Jul 2015 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu & Per Boysen - Sub City 2064 (Bimm,…

Con mostruoso ritardo mi appresto a recensire questa collaborazione che mette assieme il compositore turco, che i più attenti di…

26 Jun 2010 Reviews

Read more

Gretel E Hansel - Follow The Porcupine (Madcap, 2008)

Niente strega cattiva, niente casetta di marzapane, niente di tutto ciò: l'unica favola che troviamo nell'album di Gretel E Hansel…

06 Jun 2008 Reviews

Read more

Danneggiato Delights Novembre 2011

Non mi piace il dubstep. E' il suono della conservazione, una gratificante e consolatoria esaltazione da potenza e superomismo onanistico.…

08 Feb 2011 Articles

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top