Larix – S/T (Pseudomagica, 2017)

Fonti ben informate, basandosi su uscite discografiche e cartelloni di concerti, mi dicono essere tornato in auge il jazz-core: rabbrividiamo. Potete quindi immaginare la mia reazione nel leggere questo nome nella cartella stampa che accompagna il 12”, anche se solo nel curriculum di uno dei membri: la mano corre subito alla fondina. Intendiamoci, non è per il genere in sé quanto per la forma estremamente statica e ripetitiva che ha assunto nel giro di pochissimo tempo. Il discorso non riguarda comunque i Larix, terzetto che schiera batteria, chitarra ed elettronica in sostituzione del “solito” sax: se un’idea di jazz mutante è certamente presente fra le tracce del vinile, così come l’attitudine a flirtare con suoni ruvidi e dall’elevato peso specifico, il campo d’azione non è facilmente circoscrivibile perché Giacomo Ancillotto (Sudoku Killer, Luz)alle sei corde, Franz Rosati a synth e sampler ed Emanuele Tomasi (Nohaybandatrio, Knup, Luca Aquino 4tet) alle pelli  gettano sul tavolo le proprie esperienze e le rimescolano senza preconcetti alla ricerca di un’intesa da trovare non a priori, sulla carta, ma sul campo, suonando. La batteria è la spina dorsale e l’anima del progetto: è lei a dare il tono ai brani ma non prevarica mai gli altri due strumenti che lavorano di concerto, in modo spesso indistinguibile l’uno dall’altro. Ne escono cinque tracce (sei nella versione digitale) che rifuggono l’arzigogolo e si esprimono con costruzioni lineari in continua mutazione attraverso l’addensarsi e rarefarsi del suono e dei ritmi; talvolta si ha quasi l’impressione che i pezzi vengano remixati in tempo reale. Il primo lato si apre con la veemenza e la brutalità quasi metal di Untitled 1 (James Plotkin, che cura il mastering, se la sarà goduta un sacco) per proseguire con una batteria in libera uscita su sfondi ambient che poi si lancia in una corsa lungo le corsie di un’acciaieria chilometrica (Untitiled 2) e con le lancinanti frequenze industriali che introducono una rullata tendente all’infinito ma che si conclude in un improvviso silenzio (Untitiled 3). Il secondo lato è meno brutale ospitando melodie ondivaghe che vanno man mano sporcandosi col serrarsi dei ritmi (Untitled 4) e mantra futuristici che mutano in danze tribal-robotiche (Untitled 5). La bonus track, più vicina a certo jazz di confine, si distacca abbastanza dall’atmosfera del disco ma è comunque un gustoso siparietto che inizialmente potrebbe ricordare degli Storm And Stress in salsa tecnologica ma poi precipita in un scatafascio di frequenze impazzite. Larix è una strana creatura elettroacustica, un’entità mutevole per la quale ricercare una nuova forma o una soluzione imprevedibile sembra questione di sopravvivenza: un’urgenza che ci regala un esordio davvero brillante.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Electric Electric - Discipline (Africantape/Herzfeld/Kythibong/Murailles Music, 2012)

Combo francese dedito ad un math rock sfrenato e contagioso questi Electric Electric, che con Discipline registrano un disco davvero…

07 Dec 2012 Reviews

Read more

Dejligt - Feed The Dog (Matteite, 2007)

Non credo alle combinazioni, però ho appena comperato Tower/Microphone (bello e interessante, tralaltro) di Teho Teardo e contemporaneamente ho scoperto…

11 Feb 2007 Reviews

Read more

Henrik Munkeby Norstebo/Daniel Lercher - TH_X (Chmafu Nocords, 2014)

Cinque brani per trombone ed elettronica: descritto così brevemente questo TH_X di Henrik Munkeby Norstebo e Daniel Lercher può fare…

20 Jun 2014 Reviews

Read more

Herba Mate - The Jellyfish Is Dead And The Hurricane…

La grafica e le note biografiche mi facevano ben sperare per questi Herba Mate. Le radici emiliane accompagnate da un…

28 Oct 2010 Reviews

Read more

Ocean - Pantheon Of The Lesser (Important, 2008)

Secondo album sull'eclettica etichetta Important per i doomster di Portland (da non confondere con gli Ocean tedeschi) e sempre meno…

15 Dec 2009 Reviews

Read more

Lucifer Big Band – Ugo (Autoprodotto, 2013)

Nonostante l'opera d'esordio, col titolo Atto I, desse ad intendere una volontà di proseguire, mi ero fatto l'idea della Lucifer…

30 Jul 2013 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 14 (22/01/15)

Per la puntata numero quattordici della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano dedicano uno speciale alla band…

26 Jan 2015 Podcasts

Read more

Saffronkeira - A New Life (Denovali, 2012)

Saffronkeira è un disco che lambisce diversi territori sonori con gusto e ottime doti tecniche: questo A New Life è…

30 Nov 2012 Reviews

Read more

Gay Beast - Second Wave (Skin Graft, 2009)

Partiamo dai Devo. La loro Timing X, da Duty Now For The Future, è ripresa per intero dai Gay Beast…

16 Oct 2009 Reviews

Read more

Miss Massive Snowflake - Queen's Headache (Northpole, 2008)

Proprio di recente ho avuto il grande piacere di ascoltarmi in anteprima l'ultimo Rollerball e per l'ennesima volta mi sono…

20 Mar 2008 Reviews

Read more

Jim Capaldi - Poor Boy Blue (SPV, 2004)

Con questo album Jim Capaldi (un nome che sembra uscito da "I Soprano" ma che in realtà negli USA è…

05 Sep 2006 Reviews

Read more

Deison & Uggeri - In The Other House (Final Muzik/Old…

Cristiano Deison e Matteo Uggeri sono due musicisti che spesso collaborano con altri e questo a mia memoria è il…

03 Aug 2015 Reviews

Read more

Iron Molar – Poi Piove (Solitude Beast, 2010)

Ancora gli Iron Molar, a pochi mesi dal loro precedente album e dalle prove soliste dei due membri, licenziate a…

11 Feb 2011 Reviews

Read more

Eagle Twin + Atomic Mold – 10/10/2018 Colorificio Kroen (Verona)

A me queste cose commuovono, c’è poco da fare. Vedere uno dei tuoi eroi di gioventù arrivare su un van…

17 Oct 2018 Live

Read more

Garaliya – Reforged (Morte, 2014)

Garaliya è un duo in cui uniscono le forze Lin dei Morkobot e il misterioso (e impronunciabile) Mzky. Generalmente dediti…

14 Oct 2014 Reviews

Read more

Child Abuse - S/T (Lovepump United, 2007)

Una copertina da togliere il sonno al vostro nipotino, nonostante il blasonato autore, e un disco da ascoltare a testa…

30 May 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top