La Piramide di Sangue – Tebe (Sound Of Cobra/Boring Machines, 2012)

Mi mancava ancora un disco per l’estate, uno di quelli buoni da ascoltare quando si scende a sud, che abbia i profumi del Mediterraneo ma che stia alla larga dall’etno-rock politicamente corretto buono solo per la Festa di Rifondazione. Mancava, ma adesso, grazie a La Piramide Di Sangue, c’è, anche se è meglio affrettarsi: tiratura di cinquecento copie in vinile, ovviamente rosso.
Il settetto torinese (gente di Movie Star Junkies, King Suffy Generator e Love Boat in formazione) l’avevo sentito al NOFest, senza riceverne una grande impressione; probabilmente l’ora tarda e la fatica dei tre giorni non erano buone compagne, fatto sta che questo disco ribalta completamente il giudizio e le coordinate. Lo spirito che aleggia fra i solchi di Tebe è abbastanza krauto e qualche paragone sarebbe possibile con gli altrettanto “egizi” Ash Ra Tempel e (primi) Popol Vuh, ma il vocabolario dei nostri è ampio e arriva a includere l’Egitto cosmico di Sun Ra, così come una quantità non indifferente di suono genuinamente nordafricano, che a Torino fa ormai parte dell’ambiente urbano. Proprio questo è il punto di forza della band, e come sempre, davanti a dischi nostrani che praticano il verbo dello psych etnicamente consapevole, mi chiedo se c’entrino qualcosa ascolti degli Aktuala e della concittadina Joel Orchestra. Comunque sia, lo avete capito, siamo lontani dall’etno-kitch di scuola Master Musicians Of Bukkake (salvo forse per la scelta del nome): il pulsare grasso dei due bassi e delle percussioni, il wah-wah strabordante delle chitarre e le melodie ondivaghe del clarino, danno vita a sette strumentali hard-freak di media lunghezza, da fruire in continuità, all’insegna di uno spirito europeo che guarda con curiosità e partecipazione al Medioriente. Musica al contempo trascinante e rilassata, che si può godere sia in concerto, ondeggiando al ritmo del deserto, sia a casa, seduti sul tappeto col narghilè d’ordinanza. Ma anche se siete straight edge non temete, il suono della Piramide è così avvolgente che, anche senza sostanze, vi troverete  a vagare fra dune, oasi e tende da cui escono forti aromi d’Oriente.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

June - Happy Boys Cry Loud (Here I Stay, 2007)

La Here I Stay è l'etichetta sarda che qualche tempo fa aveva fatto uscire i Plasma Expander in collaborazione con…

04 Aug 2007 Reviews

Read more

Faravelliratti - Lieu (Boring Machines/Coriolis Sound, 2010)

Collaborazione che mette assieme due nomi conosciuti da molti dei nostri lettori ovvero Attila Faravelli, alla cabina di regia di…

02 Sep 2010 Reviews

Read more

Child Abuse - S/T (Lovepump United, 2007)

Una copertina da togliere il sonno al vostro nipotino, nonostante il blasonato autore, e un disco da ascoltare a testa…

30 May 2007 Reviews

Read more

Hidden Reverse - Six Cases Of Sleep Disorder (Azoth, 2017)

Gli Hidden Reverse sono Simon Balestrazzi e Massimo Olla, che qui danno seguito alla notevole cassetta edita qualche anno fa…

18 Dec 2017 Reviews

Read more

Titor - Rock Is Back (Inri, 2012)

Tanto erano alte le aspettative per il nuovo Titor quanto gigantesca è stata la delusione nel notare che dei nove…

20 Jun 2012 Reviews

Read more

Arnoux - Cascades (Knifeville, 2008)

A celarsi dietro il nome di Arnoux è il friulano Fabio Arnosti, bassista di Ten Thousand Bees, qui al suo…

09 Sep 2008 Reviews

Read more

Various Artists - Albascura: A Descent Into The Blasco Lungs…

Quando ho saputo di Albascura della Asbestos, non ho di certo accolto con entusiasmo la notizia. Certo l’etichetta ci ha…

07 Oct 2019 Reviews

Read more

Laura Loriga - Vever (Ears&Eye 2022)

Di Laura Loriga avevo un bellissimo ricordo. La Maison Verte, datato 2016, mi sembrava l’unione quasi perfetta tra i tratti…

28 Apr 2022 Reviews

Read more

Nils Rostad – Ujamat/Harmony Hammond (Solar Ipse, 2013)

Più che una ristampa quella che ci propone la Solar Ipse è l’edizione CD dei due più recenti album di…

28 Feb 2014 Reviews

Read more

Dirty Trainload – Trashtown (Otium, 2011)

Duo di blues elettrico e grezzo, nei suoni, ma dalle soluzioni decisamente fini, questi Dirty Trainload, rimandano ai The Kills…

25 May 2011 Reviews

Read more

Maisie - Maledette Rockstar (Snowdonia/La Zona, 2018)

Tornano i Maisie per un'altro viaggio nel loro mondo, questa volta a base di pop Zappaiolo: i due sono accompagnati…

08 Jan 2018 Reviews

Read more

Cafeteria Dance Fever - Danceology (Hovercraft, 2012)

Garage quasi tipo Cramps. Suoni sporchissimi che in confronto il tradizionale Lo-fi è una roba passata sotto l'engineering di Brian…

14 Jun 2012 Reviews

Read more

Grey History - All Dead Stars (Radical Matters, 2010)

E' ritornato Gianluca Becuzzi e si vede, infatti nel giro di poco tempo il toscano si è sparato uno split…

15 Feb 2011 Reviews

Read more

Sleepmakeswaves - Love Of Cartography (Bird's Robe Records, 2014)

Un imperdonabile ritardo è quello che caratterizza principalmente queste recensione. Mi spiace. Ho fatto cose, visto gente, non ho ascoltato…

13 Mar 2015 Reviews

Read more

Meshuggah - ObZen (Nuclear Blast, 2008)

Attesissimo ritorno per la band scandinava che, contrariamente al loro stile, si ripropone in un lavoro lineare e, apparentemente,…

15 Apr 2008 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – It's Not Jazz, It’s Worse (Auand, 2016)

Se non apprezzassimo da tempo gli Swedish Mobilia – il trio composto da Andrea Bolzoni alla chitarra ed elettronica, Dario…

21 Mar 2017 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top