La Furnasetta /Sara Ohm – Bat Kvinnor (Industrial Coast, 2020)

Il rapporto fra La Furnasetta e la Industrial Coast continua arricchendosi di un nuovo capitolo, condiviso stavolta con la svedese Sara Ohm. Le due si spartiscono la classica cassetta, con il progetto italiano che, pur in campo neutro, fa gli onori di casa aprendo le danze, come di consueto attorniato da una folta schiera di collaboratori. La prima metà della sua facciata è decisamente a fuoco, all’insegna di una musica andata (molto) a male, fra post-modernismo e post-industriale: sono forse i brani migliori mai ascoltati da La Furnasetta, sintesi e summa dello spirito del progetto che danno vita a canzoni più equilibrate ma al contempo belle storte. Le melodie vocali indolenti su basi elettroniche sporche di Italians Spread It Better, le voci sensuali di New Possibilities contrapposte a ritmiche industriali marce e danzerecce (per quanto spesso azzoppate) e i synth singhiozzanti su batterie geiger di Flowers Of The Loose tratteggiano un pop da dopo bomba che lascia il segno. Appena dopo la metà Trapped Under Ice, col cantato rappato e che sembra strizzare l’occhio alle ultime tendenze, stacca un po’ troppo e fa segnare il passo al lavoro che perde incisività: le rumorose schegge elettro-industriali che in passato erano utili a bilanciare le composizioni più sghembe qui, dove i brani contorti hanno comunque un loro baricentro, risultano un po’ accessorie. Il risultato lo si porta a casa tranquillamente, ma è un po’ come star vincendo una partita 4-0 e beccare due gol nel finale. Sull’altro lato Sara Ohm si presenta in splendida solitudine, con voce, chitarra e un bel po’ di effetti: ora noise rock, ora drone, ora powernoise, i cinque pezzi del suo lato hanno nella ripetitività (dei loop o delle urla da manifestazione di piazza) una costante che vorrebbe forse trasmettere ossessività, ma finisce per risultare spesso noiosa. L’impressione che di idee ce ne siano pochine, fra musiche che hanno da tempo perso il loro carattere eversivo e sloganismi che già ai tempi degli Atari Teenage Riot avevano poca ragione d’essere. Insomma, vince l’Italia: il biscotto del 2004 è vendicato.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Cobson - Like A Bike Without Brakes EP (Autoprodotto, 2007)

Gradevole e vezzoso rockettino profumatamente distorto per questo giovane trio di Montpellier. Una voce femminile inserita in un sound…

25 Jan 2008 Reviews

Read more

Manon-Liu Winter - Stones No. 2 (Chmafu Nocords, 2013)

L'etichetta austriaca Chmafu Nocords continua ad esplorare la viva e pulsante scena musicale contemporanea austriaca pubblicando il nuovo disco della…

24 Apr 2014 Reviews

Read more

Three In One Gentleman Suit - Some New Strategies (Black…

Dopo il superbo Ep Battlefields In An Autumn Scenario le attese per questo nuovo album del trio modenese erano spasmodiche.…

19 Jul 2006 Reviews

Read more

Andrea Senatore - Vulkan (Minus Habens, 2014)

Avevamo lasciato il talentuoso compositore oltre un anno fa all'interno della preziosa collaborazione con Giovanni Sollima (sempre su Minus Habens).…

08 Jul 2014 Reviews

Read more

Shonen Knife - Overdrive (Damnably, 2014)

Venti album in trentatrè anni: c'è poco da aggiungere al trio femminile, felicemente ribattezzato Osaka Ramones. Un ennesimo elementare inno…

10 Jun 2014 Reviews

Read more

Kiwibalboa - Natale In Argentina (Overdub, 2019)

Da Genova un gradevole indie pop caramelloso per amanti dei dolciumi delle fiere stagionali. Leggero e disimpegnato, Natale In Argentina,…

11 Feb 2020 Reviews

Read more

Gil Hockman - Dolorous (Self Released, 2015)

A volte la semplicità paga, come nel caso di questo disco fatto di niente, nato quasi per caso attraverso un…

28 Oct 2015 Reviews

Read more

Nihil Is Me - Nihilisme (8mm, 2008)

Partiamo subito dicendo che questo è un gran bel disco, ma è una sorpresa? Assolutamente no, Nihil Is Me al…

18 Feb 2008 Reviews

Read more

Luminance Ratio/Yannis Kyriakides – Split 7” (Fratto9 Under The Sky/Kinky…

Terzo episodio nella serie degli split che i nostri Luminance Ratio hanno deciso di dividere con musicisti stranieri di una…

02 Apr 2015 Reviews

Read more

Donato Epiro – Fiume Nero (Black Moss, 2014)

Era un po’ che Donato Epiro, impegnatissimo coi suoi Cannibal Movie, non si faceva vivo con un disco a suo…

22 May 2014 Reviews

Read more

Beasts of Bourbon - the low road (Red Eye/Polydor, 1991)

Le Bestie del Bourbon erano abituate a vedere canguri e koala che gli attraversavano la strada mentre vagavano in mezzo…

20 Jul 2006 Reviews

Read more

Paolo Cantù: soltanto io, da solo.

Paolo Cantù si è fatto le ossa in seminali gruppi dell'industrial italiano all'inizio degli anni '80, ha suonato la chitarra…

17 Nov 2012 Interviews

Read more

Candor Chasma - Rings (Old Europa Cafe, 2012)

Purtroppo credo che sia una delle prime, se non la prima uscita dell'Old Europa Cafe che viene recensita su questa…

10 May 2012 Reviews

Read more

Joy As A Toy – Dead As A Dodo (Cheap…

"Freely inspired by Dario Argento's movies" è quanto si apprende sfogliando il booklet del cd dei belgi Joy As A…

16 Jul 2012 Reviews

Read more

Spraydog - Karate Summer Camp (Ferric Mordant, 2007)

Nostalgici amanti dell'indierock anni '90 fatevi sotto... questo disco fa per voi. Gli Spraydog sono rimasti ancora quello che erano…

25 Dec 2007 Reviews

Read more

Om + Lichens – 30/01/10 Interzona (Verona)

E venne il giorno degli Om. La notte anzi, umida e fredda, ma almeno non nevosa, cosa rara di questi…

02 Feb 2010 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top