since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Kill Me Tomorrow / Dance Disaster Movement – Split CD (Art Fag, 2006)

Non credo di aver ben capito quello che sta succedendo. Il ballo spastico è diventato di moda? La presentazione mi dona un set completo di dubbi non da poco. Entrambi i gruppi hanno avuto grande successo underground sulle etichette Dim Mak e GSL". Hanno avuto, e ora? Ma questa cos'è l'anticamera allo sbarco su Major o cosa???
La maniera di pubblicizzare questo curioso split è abbastanza strana. Ci si domanda realmente se siamo di fronte al D-Day degli spastici o se sia solo il lancio via paracadutini di figure di cartone. Se qualcuno abbocca bene, altrimenti pedalare. I Kill Me Tomorrow hanno già da un po', tanto, rintuzzato il loro essere inascoltabili e le loro tinte fosche in favore di un rimasticato pastiche alla penultimi Liars. I Dance Disaster Movement alternano come sempre battute di cassa dritta a urli lancinanti e a violente svisate di synth. Il primo dei tre pezzi contenuto in questo mini li vede suonare tutti insieme su un tappetone di colpi di cassa quasi house. La voce dei KMT biascica in sottofondo e quella dei DDM si lascia andare agli ormai soliti urlazzamenti semi incomprensibili. La cover di European Son dei Velvet Underground è più vicina ad un pezzo di Beck di quelli di Midnite Vultures, anche il parlato lo ricorda molto da vicino. Abbastanza oscura e con una base composta da rumori più che da suoni veri e propri, fino a quando vi si sovrappone una batteria vera e suonata a contenere il pezzo, a dirla tutta abbastanza piatto, senza cambi e Suicide-oso… Il terzo brano è un remix dance del primo Beautiful Guns ad opera di Gold Chains, già con Sue Cie su Kitty Yo; niente più di una versione ancora più clubbara del pezzo, che potrebbe stare tranquillamente in un djset di Coccoluto dopo House Of Jealous Lovers dei Rapture. Dunque, tutto questo è o no un tentativo di attraversare qualche porta e girare ad un audience diversa quello che a noi era già stato offerto? Credo la risposta sia evidente dal terzo brano, forse l'elemento su cui sembra poggiare il cd e il relativo 12". Una collaborazione nata dal vivo con un tour di KMT e DDM insieme che sfocia in un tentativo di sdoganarli ad un pubblico decisamente diverso. Nell'attesa delle prossime uscite di questa Art Fag, utili a dirimere la questione, prendiamo atto e balliamo.

http://www.artfag.us/
http://www.dimmak.com/ddm/index.php
http://www.killmetomorrow.com/

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top