Kick – Light Figures (Anomic/Dischi Sotterranei/Sour Grapes, 2022)

Eleganza, buon gusto, stile, voce femminile, occhiali neri.

Il secondo disco dei Kick, duo con batterista aggiunto (così si evince dalle foto promozionali) formato da Amalia Bernardini e Nicola Mora, con Giovanni Caniato dietro le pelli, si potrebbe descrivere così. Magari aggiungiamoci i riferimenti giusti, dai Sonic Youth più dritti e minimali (Becuz?) a certo Desert Rock, come se da una landa desolata spuntassero improvvisamente squarci di verde. In realtà oltre a questi ci sono aculei e graffi che arrivano poco dopo nelle carni, con i beats dei migliori Death In Vegas mandati a memoria, un fare minimale ed asciutto che evita orpelli inutili e lascia il segno. La particolarità del canto di Amalia è che appare distaccato ma penetrante, in alcuni frangenti sembra quasi staccarsi dalla lingua che utilizza (soprattutto nei momenti più reiterati) per farsi “logo” d’altri tempi. L’essermi perso il debutto (oltre a non giocare a mio favore, ma recupererò di sicuro) non mi permette di presumere evoluzioni o spostamenti, ma di sicuro posso sbilanciarmi, fotografando un dischetto che, nella corretta lunghezza (9 brani per 31 minuti e rotti), ci offre diversi spunti: i sussurri di Rubberlove, i rimandi ai folletti bostoniani di Sirens Never Sleep, l’intimità di Eleven. L’ospitata di Scott Reeder dei Kyuss ingrassa Setting Tina mantenendo intatta l’eleganza di Amalia e trasportandosi in quella dimensione relativa al duo già composto da Richard Fearless e Tim Holmes, sintomo quindi di personalità e carattere. Sparks è bifronte, eletronica e chitarristica, offrendo luci ed ombre che sono quelle che ogni progetto deve avere per rendersi carne. 24 – Hour Delivery Club alterna screzi, scatti e stasi prendendosi il il giusto tempo, rimanendo meccanica ed ordinata, quasi una Kathleen Hanna con la tigre sotto sedativi. Viole passa all’italiano ed ai paesaggi bucolici, quasi una pausa ed un sospiro d’altri tempi, ad introdurre Benvegnuda, serrata e caleidoscopica tra lingue ed ambienti differenti,  mentre Atlantide abbassa i ritmi a chiosa di tutto.

Che dire? Dopo questa carrellata il disco ha polpa e merita. Sinuoso, elegante e ben studiato, la mano di Marco Fasolo in produzione è stata più che felice e la rappresentazione che ci resta in mano è quella di suono ed eleganza, buon gusto, farfalle, stile.

Bravura diafana in occhiali neri.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Full Effect - Reconcilement - At The Present, A Sweet…

Il disco dei Full Effect, non privo di qualche dissonanza qua e là, prende il via dall'emo-core più fisico, quello…

25 Jul 2007 Reviews

Read more

AA.VV. – Metallo Liquido, L’Heavy Metal Come Forgia (L’Arca E…

Sarà un segno dei tempi che stiamo attraversando, ma sempre più spesso mi trovo  a pronunciare il termine “metal”, un…

11 Dec 2015 Reviews

Read more

Iron - Lovefreakmutant (Spina Bifida/Fucking Clinica, 2010)

A proposito di freak e di delirio, se Mennella si butta nei lavori in solo ed in coppia anche l'altra…

29 Aug 2010 Reviews

Read more

Marc Urselli ovvero il fonico di John Zorn, Laurie Anderson,…

Negli ultimi anni è apparso con sempre maggiore evidenza quanto sia importane il ruolo del fonico per la riuscita di…

28 Mar 2009 Interviews

Read more

Luigi Milani - Rockstar (Lulu, 2006)

Prendiamo la storia di una veejay disgustata dal suo lavoro su Mtv, il cantante di un gruppo grunge morto tragicamente…

16 Jun 2007 Reviews

Read more

VacuaMœnia - Borgo Schirò Churchscape (Galaverna, 2014)

L’uscita autunnale di Galaverna (sì lo so, siamo indietro di una stagione…) mette in relazione l’etichetta veneto/barese col collettivo siciliano…

13 Jan 2015 Reviews

Read more

Trent'anni di Sigillum S: solo una tappa verso l'infinito

Ci sembra parimenti difficile e inutile presentarvi i Sigillum S: difficile perché, in poche righe, è impossibile tratteggiare una carriera…

11 Apr 2016 Interviews

Read more

Koji Asano - Travel Coupons (Solstice, 2012)

Il compositore Koji Asano pubblica Travel Coupons, il suo primo disco dell'anno 2012, come sempre rigorosamente autoprodotto sulla sua etichetta…

28 Dec 2012 Reviews

Read more

Adamennon – MMXII (Autoprodotto, 2012)

C'erano ancora margini di sviluppo nel discorso musicale di Adamennon dopo l'album Nero, che pur avevamo identificato come punto di…

19 Dec 2012 Reviews

Read more

Submental Orchestra- Castello Di Sangue (Casetta, 2019)

Servono un po’ di ascolti e una certa attenzione per venire a capo di Castello Di Sangue, seconda opera in…

20 Aug 2019 Reviews

Read more

Gli Altri - Fondamenta, Strutture, Argini (Taxi Driver, 2013)

Crossover nel senso più nobile della parola sempre se oggi ha ancora una ragione utilizzarla. Il quintetto savonese ricorda…

26 Apr 2013 Reviews

Read more

Massimo Volume/Bachi Da Pietra – Split EP (La Tempesta, 2011)

Uno split fra due dei gruppi della penisola che più curano la parola, integrandola in contesti poco definibili ma certo…

19 May 2011 Reviews

Read more

All My Sins – Pra Sila–Vukov Totem (Saturnal, 2018)

Se il black metal slavo gode da qualche anno di ottima salute sull’asse Polonia-Russia, cominciano ora ad emergere realtà interessanti…

11 Jan 2019 Reviews

Read more

Ben Frost’s Music For Six Guitars – 15/09/12 Stazione Centrale…

Il festival MiTo regala sempre qualche ragione per spingersi verso Milano, cosa che altrimenti faccio malvolentieri. Stavolta l’occasione è rappresentata…

21 Sep 2012 Live

Read more

AA.VV. - Quit Having Fun (Boring Machines, 2009)

Prima compilation per Boring Machines, e anche se non sono assolutamente un fan della raccolte in genere (per non parlare…

06 Nov 2009 Reviews

Read more

Fabiano Cristofaro - Tante Sigarette (Demo, 2004)

Dimmeli tutti i dispregiativi, quelli che iniziano con la I. Sputali fuori con quanta forza hai dentro, voglio vederti ancora…

13 Sep 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top