Kelvin/Speedy Peones – Split 10″ (MacinaDischi, 2010)

Metallo dal Nordest, almeno per quel che riguarda la confezione delle prime 300 copie di questo 10″ (45 rpm e registrazione analogica, così da sfruttare al massimo le potenzialità del supporto): una lastra di alluminio da un millimetro, serigrafata e numerata a punzone. Sarà la disperazione dei collezionisti; come se non bastasse il fatto che la tiratura totale è di 500 pezzi, per cui l’edizione con copertina cartonata è più rara di quella metallica, 266 copie di quest’ultima sono in vinile blu, le restanti 44 nero: ancora una volta la versione normale è più limitata di quella speciale. Ma parliamo un po’ di musica, che dite? Kelvin e Speedy Peones sono due gruppi che hanno in comune apparentemente solo la provienienza geografica, ma non sempre le cose sono come appaiono.
Iniziamo dal lato B (se leggete fino in fondo capirete perchè); gli Speedy Peones li conoscerete per aver letto la recensione del loro CD su queste pagine. Garage rock’n’roll normale (passatemi il termine), ma continuamente intersecato da chitarrine sferraglianti e suoni di synth scemi. L’effetto è piuttosto straniante, perchè se tali soluzioni sono solitamente utilizzate da gruppi pesanti e noiosi per darsi una patina di simpatica ironia pop (solitamente fallendo e guadagandosi anzi auguri di morte) quikelvin-speedy_peones_b vanno ad interrompere il fluire di ritornelli vincenti (Ephemera Drown) o di crescendo strumentali. Non proprio la mia cup of tea, ma un gruppo che fa intelligentemente sfoggio di idiozia non gratuita è merce rara e sempre apprezzabile. Il lato di Anna e Woolter, in arte Kelvin, è dedicato invece a un noise chitarra/batteria e voce filtrata che denuncia fortemente il passato hardcore dei componenti. Si apre con l’assalto a tratti disarticolato di Change Yor Feel che di accelerazione in accelerazione ci porta all’altrettanto sparata K-Way, roba da headbanging sloga-collo. La cover della Melvinsiana If I Had An Exorcism, le cui originali cadenza sludge sono felicemente riconvertite in un pezzo hardcore noise, chiude il loro turno. L’ultimo brano del lato è opera degli Spelvin Keones, temibile all star band che combina i membri di entrambi i gruppi. Il pezzo, che per quel che mi riguarda fa guadagnare a tutti loro il mio imperituro rispetto, è My Body Is A Jerk degli indimenticabili Men’s Recovery Project, trasformata in un travolgente inno da sing-along. Come direbbe il duca conte Catellani “questa è classe, coglionazzo”.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Laika Nello Spazio - Dalla Provincia (Overdub, 2019)

Rabbioso trio proveniente dall'hinterland milanese e attivo fin dal 2016. Salta subito all'orecchio la presenza di due bassi che inevitabilmente…

11 Oct 2019 Reviews

Read more

Cursive + Green Like July - 19/05/12 Twiggy Club…

'I sogni son desideri di felicitààà...' e con un maggio che pare - oggettivamente dal punto di vista meteo e…

08 Jun 2012 Live

Read more

L'Inverno Della Civetta - S/T (DreaminGorilla/Greenfog/Taxi Driver, 2014)

L'Inverno Della Civetta è il primo documento che testimonia la collaborazione tra tutti quegli artisti che da anni orbitano intorno…

28 Apr 2014 Reviews

Read more

Chaos Physique – The Science Of Chaotic Solutions (Jestrai, 2009)

Il nuovo progetto di Amaury Cambuzat, a suo tempo negli Ulan Bator, condiviso con Diego Vinciarelli e Pier Mecca, si…

21 Oct 2009 Reviews

Read more

Corrado Altieri – Less (Azoth, 2019)

Con Less Corrado Altieri dismette i panni brutali del terrorista sonoro celato sotto il nome di Uncodified per esplorare territori…

01 Oct 2019 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 17 (12/02/15)

Per la puntata numero diciassette della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano ospitano in trasmissione Stefano Santabarbara…

16 Feb 2015 Podcasts

Read more

RPWL - World Through My Eyes (SPV/InsideOut, 2005)

Pur continuando a turbinare nel girone progressivo scatologico, stavolta, ammetto di esser incappato in qualcosa di interessante ed anche prezioso.…

13 Sep 2006 Reviews

Read more

The Lavender Flu - Heavy Air (Holy Mountain, 2016)

Mentre i mitici Sic Alps ci hanno lasciato da un po' di tempo a bocca asciutta, a compensare la perdita…

08 Mar 2017 Reviews

Read more

Le Singe Blanc - Strak! (Magdalena/Keben, 2006)

In questo disco la scimmia bianca (questa la taduzione del mome Le Singe Blanc) sembra davvero "stracca", che esattamente come in…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

2010 - il disorientamento fagocita il mondo

2010, e il disorientamento fagocita il mondo. Tanto vale sguazzarci dentro. Cosa ho ascoltato quest'anno? Che cosa ho ascoltato più…

08 Nov 2010 Articles

Read more

Mondongo - Transparent Skin (Megaplomb, 2011)

Degna accoppiata di Megaplomb che assieme al ritorno dei Calomito fa uscire questi Mondongo, un gruppo nuovo solo nel nome…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

John Tilbury / Keith Rowe / Kjell Bjørgeengen - Sissel…

Sissel è il resoconto di un concerto tenutosi nel 2016 al Moving Sound di Stavanger in Norvegia, un ex supermarket…

02 Jun 2018 Reviews

Read more

Nytt Land – 14/09/2019 VII Midgard Viking Folk Fest (Viadana…

Sono insolite connessioni culturali quelle che portano, in questa notte di luna piena e rossa, i siberiani Nytt Land (quattro…

17 Sep 2019 Live

Read more

Hobocombo – Moondog Mask (Trovarobato/Tannen, 2013)

La maschera di Moondog si intitola la seconda fatica degli Hobocombo, ma quello che si sente nelle nove tracce di…

13 Nov 2013 Reviews

Read more

Psychofagist W/Napalmed – Songs Of Faint And Distortion (Fobofile, 2013)

Un occhio al cuore ed un occhio alla testa. I mangiatori di psiche non hanno mai perso di vista il…

29 Apr 2013 Reviews

Read more

Father Murphy - Orsanti They Call Them (Yerevan Tapes, 2013)

Per la gioia di tutti gli aficionados del loro personalissimo culto tornano i Father Murphy: dopo Anyway Your Children Will…

04 Jun 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top