Katharina Klement – Jalousie (Chmafu Nocords, 2012)

Katharina Klement è una compositrice austriaca che nella sua lunga e corposa carriera si è dedicata sia all’improvvisazione che alla scrittura, spaziando principalmente tra la musica contemporanea e l’elettronica; in questo Jalousie sono raccolti sei lavori composti tra il 2009 e il 2012, con piccoli ensemble o in solo: con le idee e i temi trattati qui, altri musicisti avrebbero portato avanti non un disco, ma una intera carriera. Ogni brano è suonato e registrato con un livello qualitativo eccelso e le composizioni vivono di vita propria senza che se ne conosca il procedimento o la natura che le ha generate, ma alla luce di quanto puntalmente scritto sul libretto tutto acquisisce una nuova luce e ammanta ulteriormente di fascino questo disco eccellente. I sessanta diversi suoni di piano mescolati tra di loro nell’immaginifico drone di Solo 2 sono un ottimo inizio, tra Thomas Koner e Ligeti; questo è l’unico pezzo solamente elettronico del disco che per il resto vive tutto della commistione tra il digitale e gli strumenti: piano (lo strumento di Katharina), clarinetti, violoncelli e sassofoni. Il tema del ritratto fa sì che in Portrait ogni strumento giochi ad interpretare l’altro in un rimando portentoso; il rumore come parte stessa del processo musicale durante la ritrasmissione del suono è il tema di Noise: S Onie, dove il violoncello descrive a meraviglia il concetto. La nicchia vuota presente in ogni tempio islamico ricorda la presenza del profeta: su questo vuoto che rammenta un pieno si basa Mihrab, con clarinetti ed elettroniche a descrivere attraverso la dualità monofonico/polifonico (richiamando così anche la dualità oriente/occidente) e questo ossimoro ha come risultato un brano molto “mistico”. HOPE è composto da frasi di piano replicate da due trasduttori che usano la cassa dello stesso strumento, in un gioco di echi affascinante. Registrare a diverse ore del giorno e della notte il suono della strada attraverso le persiane chiuse (Jalousie in austriaco, molto simile al genovese Giöxîa) e poi trasformarlo, anzi ricomporlo in una partitura per un quartetto di sassofoni ha del meraviglioso: il suono della pioggia e delle auto fatto musica è bellissimo.
Più descrivo più mi accorgo che Jalousie è più musica che parole, e quindi il consiglio vivissimo è quello di ascoltare questo disco, vedrete che non vi deluderà.


http://www.youtube.com/watch?v=bAjpsVQLQYk

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Protected By The Local Mafia - S/T (Autoprodotto, 2008)

Nel variegato e spietato panorama genovese fa piacere vedere emergere, tra gli altri, anche questi ragazzi (con un nome da…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Dad They Broke Me – Rot (We Empty Rooms, 2010)

Fine della corsa per uno dei gruppi preferiti dal nostro amabile Radu Kakarath: il batterista va a vivere in Giappone…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

L'Inverno Della Civetta - S/T (DreaminGorilla/Greenfog/Taxi Driver, 2014)

L'Inverno Della Civetta è il primo documento che testimonia la collaborazione tra tutti quegli artisti che da anni orbitano intorno…

28 Apr 2014 Reviews

Read more

Drink To Me: ovvero, piccolo manuale della sobrietà

Arrivati da poco al secondo disco, Brazil, recensito qualche tempo fa qui sulle pagine virtuali di Sodapop, i piemontesi…

08 May 2010 Interviews

Read more

Valentina Magaletti & Marlene Ribeiro – Due Matte (Commando Vanessa,…

Nel mettere su nastro un lavoro creato per una residenza artistica tenutasi a Porto nel 2019, Valentina Magaletti (Tomaga, Vanishing…

04 Jun 2020 Reviews

Read more

Vibraphonic – Space Frogs (Floating Forest, 2014)

Ancora un disco Floating Forest, ancora Davide Merlino, ancora in duo, ma stavolta accompagnato da Pasquale Murra, anch’egli vibrafonista. Si…

18 Mar 2016 Reviews

Read more

AA.VV. - Clouds From The Earth (neuroprison.blogspot.com, 2009)

Promossa da dal forum italiano dei Neurosis, Clouds From The Earth è un esaustivo documento sullo stato dell'arte della scena…

09 Sep 2009 Reviews

Read more

Vuur - Vuurviolence (Shove, 2007)

Mi spiace che qualcuno conoscendomi possa pensare che io sia scarsamente obiettivo nel parlare di Shove per causa della conoscenza…

25 Jul 2007 Reviews

Read more

Lleroy - Soma (Blinde Proteus/Bloody Sound Fucktory et al., …

Beh. Per farla breve: uno degli Io Monade Stanca mi contatta per sapere se si può parlare dell'ultimo disco dei…

17 Jun 2013 Reviews

Read more

Orval Carlos Sibelius – Super Forma (Clapping Music, 2013)

Si dice che dei dischi non bisognerebbe mai parlarne in forma personale, ma quando in qualche modo si rimane coinvolti,…

14 Apr 2014 Reviews

Read more

Bruital Orgasme - S/T (Sincope, 2012)

I Bruital Orgasme sono un duo belga formato dal videoartista Philippe Cavaleri assieme alla moglie Nath con all'attivo una discreta…

19 Feb 2013 Reviews

Read more

Newdress - Newdress (Kandinsky, 2010)

Quando si infila nel lettore un cd che si presenta così ben confezionato (illustrazioni di Mirko Pellizzoli, packaging e grafica…

19 Jan 2011 Reviews

Read more

Elisabeth Schimana - Sternenstaub (Chmafu Nocords, 2013)

Chamfu Nocords pubblica il primo lavoro completamente in solitaria per Elisabeth Schimana, tutto dedicato alla creazione dell'universo, tema di sicuro…

02 May 2014 Reviews

Read more

AA.VV. - Rumori Sacri (End Of Kali-Yuga, 2011)

A fronte degli ormai numerosi testi e documentari che si preoccupano di storicizzare l'epopea dell'hardcore italiano degli anni ‘80 e…

29 May 2012 Reviews

Read more

Dead Elephant - Lowest Shared Descent (Donna Bavosa/Robotradio, 2008)

Nuovo disco per i Dead Elephant (solo di recente ho scoperto che devono aver fatto degli EP autoprodotti) e come…

16 Jan 2008 Reviews

Read more

Empire! Empire! (I Was A Lonely Estate) - You Will…

Che un disco di mero revival possa accendere l'interesse degli ascoltatori è una questione a lungo dibattuta. A maggior ragione…

11 Oct 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top