K’An – Babel (Time Released Sound, 2016)

Qualche battito asettico come un contatore geiger, la presenza della chitarra (qui usata in modo piuttosto diverso) e una forma musicale ascrivibile all’infinito mondo dell’ambient è tutto quello che collega Anima, l’esordio di K’An, con questo nuovo lavoro: se non è un taglio netto poco ci manca perché Babel va a parare talmente lontano da quel disco da rendere inutile qualsiasi raffronto. Il titolo dell’album non è certamente scelto a caso e sembra alludere a una molteplicità di linguaggi che la scrittura organizza in complessi soundscape materici e stratificati: ci sono il pianoforte, talvolta malinconicamente notturno (Confusion In Tongues) più spesso austero e minimalista (Alphabet, Her Fractals),  i sintetizzatori che si stendono morbidi ma sanno anche vibrare inquieti fino alla frattura (Immure, Vessel, Phoneme), le chitarre acustiche capaci di convivere con elementi sintetici (Womb Is A Perfect Place To Conspire, Inversion Of Mouth II), voci e battiti della più varia natura (Inversion Of Mouth I, The Body); soprattutto c’è l’elettronica e tutta l’effettistica, presentissime ma mai invadenti, ora collaborative nel creare loop e riverberi, ora spigolose e disturbanti, pronte ad interferire attraverso rasoiate stridenti e rumori concreti e ribollenti fino a guadagnarsi la scena. I titoli fatti valgono solo come esempi ma in quasi tutte le tracce ogni elemento è compresente e in rapporto – per contrasto o analogia – con gli altri, tanto che è difficile – citando uno dei brani – parlare di confusione delle lingue. In quest’ottica viene da pensare che il riferimento all’episodio biblico possa essere dovuto non tanto al confondersi degli idiomi quanto alle capacità ingegneristiche necessarie per l’edificazione della mitica torre che nel bellissimo digipack, impreziosito da inserti a collage, appare come un complesso meccanismo. E questo è Babel, un progetto che incastrando melodie vibranti,  atmosfere soffuse e narcotiche e improvvise scosse ci conduce man mano fuori dal caos.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Toilet Door n.3 - Difensori Della Fede

Finalmente i nostri prodi affrontano Cthulhu a singolar tenzone e non si fanno sconti quando si guarda in faccia il…

18 Jul 2010 Podcasts

Read more

Adriano Zanni - Soundtrack For Falling Trees (Bronson, 2017)

Adriano Zanni è l'uomo delle sorprese. Non ci aspettavamo il suo ritorno sulle scene col 7" Falling Apart e ora…

07 Aug 2017 Reviews

Read more

Murmur Mori – 13/08/2017 Centro Visita Val Grande (Buttogno -…

Se qualcosa manca all’ambito della ricerca folklorica italiana – non inferiore per quantità e qualità di studi rispetto alle altre…

04 Sep 2017 Live

Read more

Deerhoof – Deerhoof Vs Evil (Polyvinyl, 2011)

Tornano i mattacchioni più vezzeggiati e riveriti della scena indie-pop statunitense. Ancora a metà strada tra Bis, Gorge Trio e…

25 Feb 2011 Reviews

Read more

The Child Of A Creek – Find A Shelter Along…

Forse da qualche cima delle nostre montagne, si può scorgere la campagna inglese immerse nelle nebbie. È lì, fra Canerbury…

05 May 2010 Reviews

Read more

Eternal Zio – Vibbria (Autoprodotto, 2011)

Questo CD-R si presenta in modo assai dimesso, una semplice busta dalla grafica incerta e bruttina, con solo l'indicazione del…

08 Aug 2011 Reviews

Read more

Sara Lunden & Andrey Kiritchenko - There Was No End…

Non so quanto spazio venga dato sulle riviste italiane ad Andrey Kiritchenko, ma per quel poco che posso fare vi consiglio…

11 Jan 2008 Reviews

Read more

Dyskinesia/Corpoparassita - S/T (Frohike, 2010)

Esteticamente il disco si presenta come uno di quei lavori che vi piacerebbe avere anche solo per la…

20 Jun 2010 Reviews

Read more

Erdem Helvacıoğlu, Şirin Pancaroğlu - Resonating Universes (Sargasso, 2011)

Nuovo capitolo per Erdem Helvacıoğlu, inarrestabile compositore turco che si muove fra musica colta e colonne sonore. Per chi di…

20 Jan 2012 Reviews

Read more

Solkyri - Sad Boys Club (Bird's Robe, 2015)

Non è bellissimo quando ti accorgi che non sapresti quale pezzo ti piace di più di un disco? Non capita…

10 Oct 2016 Reviews

Read more

Camion - A Serenade For Yokels (Autoprodotto, 2011)

Appena mi è capitato fra le mani il disco di questo terzetto romano non ho potuto non pensare che avessero…

27 May 2011 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi – Redshift (Azoth, 2018)

Si presenta con una grafica concettuale piuttosto interessante Redshift, il nuovo album di Simon Balestrazzi, efficace controparte visiva di un’uscita…

22 Feb 2019 Reviews

Read more

The Moo-Rays - S/T (Autoprodotto, 2015)

Garage rock 'n' roll completamente sardo. Se cercavate il fil rouge tra i mammuthones (le maschere tradizionali, non la band)…

12 Feb 2016 Reviews

Read more

Paul Beauchamp - Sala B: Rupture (Chew-Z, 2009)

Lo so, è stupido, ma da quando la Chew-Z oltre ad avere le netrelease in download gratuito sul sito rende…

18 Nov 2009 Reviews

Read more

Viridanse - Gallipoli 1915 E Le Altre Storie (Silentes, 2012)

Non suona affatto bizzarro il recupero della discografia completa dei Viridanse, in un'epoca in cui il suono new wave è…

10 Jan 2013 Reviews

Read more

BiG A little a - gAame (Gigantic Music, 2007)

I meglio informati mi dicono dalla regia che questi BiG A little a sono gente da tener d'occhio, perché sono "nuovaiorchesi",…

24 Jun 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top