Kajsa Lindgren – WOMB (Hyperdelia, 2018)

Seconda uscita per l’etichetta berlinese Hyperdelia, WOMB, lavoro della sound artist Kajsa Lindgren, che partendo da una base di field recordings, registrazioni concrete, voci e suoni corporei crea composizioni successivamente filtrate e riregistrate attraverso l’acqua di una piscina. La pratica, anche se non inedita, oltre ad attutire la materia, permea il disco di una patina morbida che da una pasta particolare al tutto, aggiungendo una componente introspettiva all’andamento complessivo. In effetti il racconto della Lindgren è completamente traslato e astratto, accenna alla memoria e al ricordo, ma come elementi estranei da ricomprendere al di fuori di una localizzazione spazio temporale precisa, e il peso del suono è spostato completamente a livello percettivo. Se inizialmente l’elemento liquido ha una sua riconoscibile presenza, accentuata da un’occasionale componente ritmica (Cocoon), tuttavia è un bagliore progressivamente sublimato in tensione statica, che porta con sé un senso di indefinita claustrofobia. Una graduale immersione e ottundimento percettivo dal sapore inquieto, un’osservare il mondo dal di sotto della superficie (In The Garden), a volte con riflessi di accenni melodici (The Inanimate World pt.1), fino a raggiugnere apici di consistente apprensione (All The Other Children, (Far) To Reach Me). Un suono cullante che sospinge verso la perdita di una normale rotta sensoriale, ed è nel momento in cui si è più vicini al fondo che il tutto acquista una prospettiva più completa. Se la chiusura con l’ambient drone acquatico di The Inanimate World pt2 è forse appena distratto e normalizzato da un’eccessiva armonicità, è la sospensione estraniante e scura di Forest che raggiunge le tensioni più affascinanti, una traccia dal climax esaltante, un bordone che degrada lentamente facendo emergere il contatto con il confine cangiante che separa immersione ed emersione, osservando le cose solo con gli occhi appena fuori dall’acqua; qui lo smussamento della fluidità aggiunge per contrasto ulteriore forza sonora.
Se tutto non è ancora compiuto, vuoi anche per un eccessivo astrattismo metodologico, è pregevole l’intelligenza compositiva evidente nelle singole tracce, che rende comunque WOMB un lavoro dalla sensibilità emozionale convincente, nel quale vale la pena immergersi per sondarne il linguaggio intrigante.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Forever Idle Forever Idol - Volume Two (Kosmik Elk Mind,…

Altra cassetta Kosmik Elk Mind, altro bel reperto ed anche in questo caso si tratta di un lavoro semplice, ruvido…

14 Jan 2009 Reviews

Read more

Rosàrio - And The Storm Surges (In The Bottle Records…

Drammatico stoner fanta-apocalittico quello dei veneti Rosàrio capace di evocare volumi liquidi e mutaforma come in una vecchia pellicola sci-fi.…

23 Jan 2017 Reviews

Read more

Talibam! + Mangia Margot - 19/05/09 Arci Kroen (Villaranca -…

Era certo uno dei nomi di punta del cartellone di questa fine stagione quello dei newyorkesi Talibam!, ridottisi a duo…

30 May 2009 Live

Read more

Adriano Orrù/Paulo Chagas/Silvia Corda/Mauro Sambo – Palimpsest (Pan Y Rosas,…

Un significato poco conosciuto della parola “palinsesto” (il Palimpsest del titolo) è quello di pagina manoscritta dalla quale  il testo…

10 Feb 2015 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti Ramon Moro - I Cormorani O.S.T. …

Interessantissima colonna sonora per un film che, indubbiamente per storia e location, non sarà facile scovare nei cinema, ma che…

27 Jan 2017 Reviews

Read more

Stefano Ferrian - Amphetamine (dE-NOIZE, 2011)

Un esordio? Non esattamente, visto che si tratta sì del primo disco solista di Stefano Ferrian, ma stiamo comunque parlando…

15 May 2011 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 16 (05/02/15)

Per la puntata numero sedici della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano ospitano in trasmissione Andrea Serrapiglio…

09 Feb 2015 Podcasts

Read more

Hermetic Brotherhood Of Lux-Or - Ethnographies Vol.II/Musèe De L'Homme Hermetique…

Devo dire che sono molto (forse troppo) pignolo anche sulla qualità estetica, oltre naturalmente a quella sonora di un prodotto,…

24 Jan 2013 Reviews

Read more

Revolution #9 - Standing In Your City (Autoprodotto, 2007)

Rock n' Roll. Una grandinata di riffs appassionati e caldi che si coniugano perfettamente con un gusto per la…

01 Jan 2008 Reviews

Read more

Mamuthones - Sator (Boring Machines, 2010)

Con colpevole ritardo mi appresto a recensire quest'ultima uscita Boring Machines, trattasi di uscita stampata con copertina digipack in rilievo,…

22 Mar 2010 Reviews

Read more

Reveille - Broken Machines (Clapping Music, 2014)

Broken Machines è il secondo album di questo duo francese, composto da François Virot, voce e chitarra, conosciuto…

05 Mar 2014 Reviews

Read more

Picastro - Become Secret (Block Recording Club/Monotreme, 2010)

La voce di Liz Hysen non si dimentica facilmente e anche se non ho seguito più i Picastro dal loro…

04 Mar 2010 Reviews

Read more

Arab On Radar – Sunshine For Shady People DVD (Three…

E’ con notevole ritardo, giusto quel paio di annetti, non me ne voglia il buon Grigis sempre fiducioso nei confronti…

03 Jun 2010 Reviews

Read more

Il Conte è tornato, intervista a Varg Vikernes

Ebbene sì, lui. Il vostro incubo peggiore, il Freddy Krueger dei microsolchi, Varg Vikernes, il celeberrimo one-man-band di Burzum è…

04 Mar 2011 Interviews

Read more

Neptune - Gong Lake (Table Of Elements, 2008)

Attivi addirittura dal 1994, i Neptune si dice stupiscano  per le loro performance dal vivo. Se, come me, non li…

20 Mar 2009 Reviews

Read more

Moving Mountains - Pneuma (Deep Elm, 2008)

Ci sono quelli che detestano mettere riferimenti di altri gruppi nelle recensioni e quelli che per forza di cose li…

27 Oct 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top