Kaeba – Lanurek 5.0 x 100 (Farmacia 901/Bugdate/Kaeba, 2010)

Proprio l'altro giorno pensavo a quanto questo Paese di "vecchi" (sia chiaro: per forma mentis e non per età!) e di superficial-giovani (alla base della cui educazione, comunque, presiedono direttamente o indirettamente dei "vecchi del cazzo"), trovare del talento così smaccato come in questo disco sorprende ed esalta. Tanto da far tenere le dita incrociate perché questo poco-più-che-ventenne non si bruci e non scompaia nel vuoto. Si tratta di un disco di elettronica più o meno sperimentale, a suo modo quasi ambientale e che ricorda alcuni lavori su questo stile assemblati da gente uscita dal giro IDM e riciclata nella sound art più morbida.
Il fatto è proprio che al di là dei bellissimi suoni, dei giochi che dimostrano una perizia nell'uso dei loop e dei macchinari, quello che resta ben impresso del disco di Kaeba è la melodia ed il vostro Dio sia lodato perché finalmente rincomincia a venire fuori qualcuno che al di là delle strutture, dei suoni super ricercati, si ricorda che un pezzo può ancora essere melodico anche se in un contesto smaccatamente elettronico-sperimentale. Ciò non impedisce che questo ragazzo tagli in modo improvviso tappeti che altri trascinerebbero fino alla fine, li riporta in gioco, li sostituisce con melodie digitali o paesaggi da dopo Pan Sonic o roba da post-techno scandinava. Nonostante i giochi di suono quindi vengono ad alleggerire delle voci etere da Signore Degli Anelli (e ricordiamolo che coinvolta nell'operazione c'era anche Lisa Gerrard dei Dead Can Dance), dei synth e dei tappeti che riportano alle compilation del primo periodo Warp ed ai Seefeel, delle melodie aperte ma simili shoegaze e quindi fra estasi e viaggio psichedelico. I giochi melodici ed i tappeti digitali degni di alcune cose di Richard Chartier & Taylor Deupree comunque non smentiscono un'impressione che ho sempre avuto e cioè che l'elettronica europea mediamente è una spanna sopra quella americana (certo è una generalizzazione e lascia un po' il tempo che trova). Una delle cose belle di questo disco è che nonostante la ricerca del suono ed il piglio sperimentale è rimasta una forte impronta da Intelligent Dance Music degenerata; se sia voluta o un'influenza presa di seconda mano poco importa, quello che conta realmente è che regala una certa ascoltabilità ad un disco che altrimenti non sarebbe certo dei più semplici. Un tempo un lavoro del genere non sarebbe uscito su Warp, ma sarebbe sicuramente sbarcato su Sub Rosa, in un certo senso mi ha anche ricordato l'eclettismo elettronico e la capacità di fare dei minestroni particolari di certi giapponesi che operavano in questa strana terra di mezzo tecnologica. Se Retina/Resina, Martuscello, Teardo, Ielasi, Massimo (che molti non ricordano, ma che si sparò un disco su Mego ed uno su Staalplaat in tempi non sospetti) e gente del genere in passato hanno raccolto più consenso all'estero di qui in Italia (strano… non capita mai), c'è da sperare che il futuro, o meglio, il presente sia nelle mani di un ragazzo di poco più di vent'anni e non di un "vecchio del cazzo" come me e come te che stai storcendo il naso.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sleeping People - Growing (Temporary Residence, 2007)

Ricordate la Temporary Residence? L’etichettina americana post-rock melodico che fra le altre cose aveva stampato alcuni capolavori come Tarentel, Cerberus…

17 Oct 2007 Reviews

Read more

Lorenzo Abattoir's Noise Diary - West Coast 'N'More Tour 2014

Lorenzo Abattoir lo abbiamo conosciuto un paio di anni fa in un festival a Piacenza, nei panni di Nascitari (in…

12 Nov 2014 Articles

Read more

Kinetix - Absolute Grey (Koyuki, 2009)

Dopo aver recensito negli ultimi tempi una serie di dischi in cui Gianluca Becuzzi compare in collaborazioni con altri musicisti,…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

The Letter Yellow - Walking Down The Streets (Autoprodotto, 2013)

E' una bella cover dove campeggiano cerchi concentrici colorati come lo spettro della luce ad introdurmi nel mondo dei Letter…

30 Oct 2013 Reviews

Read more

Luca Collepiccolo: da Blast a Blow Up magazine, il Lester…

Non ho mai amato l'idea di critica musicale e nonostante lo menzioni nel titolo, Lester Bangs mi mette tristezza, la…

26 Nov 2011 Interviews

Read more

Chris Forsyth & Shawn Edward Hansen - Dirty Pool (Ultramarine,…

Di recente mi è capitato di guardare di sfuggita un articolo che riguardava esattamente questi due musicisti, ammetto di…

15 Nov 2009 Reviews

Read more

You Are Here - As When The Fall Leaves Trees…

Ispirato dai suoni di band a mente unica quali M83 e Apparat, il trio romano You Are Here cerca…

27 Mar 2012 Reviews

Read more

VacuaMœnia: suonare lo spirito dei luoghi

Nel fiorire di iniziative dedicate al file recording, molte delle quali prendono la forma di consorzi di artisti o di…

14 Feb 2015 Interviews

Read more

Radar Bros - Auditorium (Merge, 2008)

Dopo la mezza delusione di The Fallen Leaf Pages (che era tutt'altro che un disco brutto) torna un invecchiato Jim…

19 Jan 2008 Reviews

Read more

Talibam! / Matt Nelson / Ron Stabinsky - Hard Vibe…

Quello che si potrebbe definire il duo più funambolico a matto del mondo, ovvero i Talibam!, continua a stupire per…

29 Sep 2017 Reviews

Read more

2000 - 2010: non è successo niente?

Ultimamente imperversa l'irritante campagna mediatica che accompagna l'uscita dell'ultimo libercolo del signor Simon Reynolds. Un critico, che nella musica di…

08 Oct 2011 Articles

Read more

Low - Double Negative (Sub Pop, 2018)

Quest'estate si è iniziato a parlare di Double Negative, disco che porta i Low verso sonorità più elettroniche: l'uscita è…

08 Oct 2018 Reviews

Read more

Uzi & Ari - It Is Freezing Out (Own, 2006)

Il "non-plus-ultra" (pronunciato alla Colle Der Fomento) del pop eccolo qui racchiuso in questo Uzi & Ari, mi sembrava strano…

27 Dec 2006 Reviews

Read more

Eagle Twin - The Thundering Heard (Songs Of Hoof And…

È un vero peccato (mi verrebbe da dire un crimine) che gli Eagle Twin, che della linea evolutiva che parte…

03 Apr 2018 Reviews

Read more

Black Fluo - Billion Sands (Pulver Und Asche, 2014)

A scadenze temporali abbastanza regolari, sui 20 - 25 anni, ogni genere o sottogenere musicale viene ripreso, a volte attualizzato,…

27 Nov 2014 Reviews

Read more

Neptune - Gong Lake (Table Of Elements, 2008)

Attivi addirittura dal 1994, i Neptune si dice stupiscano  per le loro performance dal vivo. Se, come me, non li…

20 Mar 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top