K-Branding – Facial (Humpty Dumpty, 2009)

Molto interessante, ecco finalmente un gruppo che ha dei riferimenti che oggi non sono così comuni, non dico necessariamente fuori moda, ma già solo per avermi ricordato gruppi ed atmosfere del giro sperimentale di fine Ottanta, inizio Novanta fa sì che li differenzi di parecchio dalla maggioranza delle tavanate pseudo-free, proto-jazz-core, krimson-pure-io che spesso mi è capitato di sentire di questi tempi.
I belgi K-Branding di Brussel vengono presentati come trio jazz-core, ma in un certo modo questo potrebbe anche essere riduttivo visto che sì, è vero, vanno di jazz-core e di free suonato a badilate stile Ruins o Zu più soft, ma non si riducono a quello, infatti spesso assomigliano molto di più a delle cose strambe che uscivano qualche tempo fa dal Giappone e non solo, se proprio serve fare dei nomi oltre a quelli già fatti aggiungerei gli Ultrabidè, i Godz of Kremur, Optical Eye e qualche cosa dei vecchi Boredoms (che per il sottoscritto rappresentano il primo gruppo jazz-deviant-core visto da adolescente… e che bel vedere che erano! ). Esatto, i K-Branding in un certo senso si riallacciano ad una tradizione di musica rock-deviante europea che le teste di cazzo che mi dicono che dischi comprare si sono dimenticati velocemente (perché "yankee go home… ma se sono americani saranno senz’altro meglio che gli svizzeri, o i francesi"). Quanto detto implica che le melodie siano mediamente cupe, acide e mezze storte, un trip andato a male e quel sano gusto per la decadenza tutto europeo che ha fatto sì che Kaspar Brotzmann (Dio bono ho detto Kaspar Brotzmann!!), Bastard (quelli francesi) abbiano segnato più a fondo il rock di quanto a volte lo si voglia ricordare e il noise transalpino il suo suono ce l’aveva, molto di più di quanto ce l’abbia il post-rock che arriva da quelle lande (i K-Branding sono Belgi, quindi rientrano in gioco di sponda). Facial non suona per nulla vecchio, infatti anche se prende il via da quelle atmosfere si sposta pian piano altrove, brancolando nel buio e cercando pian piano una sua dimensione.
"Americans are cool! Americans are cool! Americans are cool! Bullshit!" (Spermbirds)

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Shipwreck Bag Show - Kc (Wallace/Phonometak/Paint Vox/Brigadisco, 2010)

Credo che ci siano dischi e gruppi interessanti, lavori ben fatti e lavori che per quanto piacevoli finiscano per essere…

16 May 2010 Reviews

Read more

Gli Altri - Fondamenta, Strutture, Argini (Taxi Driver, 2013)

Crossover nel senso più nobile della parola sempre se oggi ha ancora una ragione utilizzarla. Il quintetto savonese ricorda…

26 Apr 2013 Reviews

Read more

Cannibal Movie – Avorio (Sound Of Cobra, 2011)

Continua a far proseliti, dalle nostre parti, un certo suono psichedelico e dilatato e forse mai come in…

20 Sep 2011 Reviews

Read more

Adamennon/Shiver – S/T (Diazepam, 2020)

Se, durante la successione di antichi e più recenti capodanni, dal 31 ottobre al 31 dicembre, la distanza fra i…

29 Dec 2020 Reviews

Read more

St.Ride - Tutto Va Bene (Niente, 2011)

Con Tutto Va Bene a nome St.Ride si chiude il trittico di dischi Niente del 2011, sempre ad opera del…

30 Jan 2012 Reviews

Read more

Illachime Quartet - I’m Normal, My Heart Still Works (Fratto9…

Credo che pochi di voi lo ricordino o l’abbiano mai sentito, ma un bel po’ di tempo fa questi ragazzi…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Magliocchi/Angeloni/Castanon/Lenoci - The Spell And The City (Setola Di Maiale,…

Credo che si tratti del più ostico dei tre cd che ho ascoltato e che coinvolgevano alle percussioni Marcello Magliocchi,…

07 Nov 2010 Reviews

Read more

U.S. Girls + Father Murphy - 07/01/09 Arci Kroen (Villafranca…

Portarsi sul posto in anticipo per poter gustare un buon pasto nella trattoria all'interno del Kroen è certo il modo…

22 Feb 2009 Live

Read more

Stefano Giorgianni, Christian Falch, Fredrik Horn Akseslen – Blackherts (Tsunami,…

Dei documentari sul black metal, norvegese ma non solo, ormai credo si sia perso il conto: il genere attira -…

15 Aug 2019 Reviews

Read more

AA.VV. - Niente Records Volume 1 (Niente, 2009)

Niente orpelli, o quasi: per scelta della neonata etichetta degli St.Ride non ci sono note né altre scritte tranne "Niente…

28 Sep 2009 Reviews

Read more

METTICI LA MUSICA! Alessandro Fiori e Topazio Perlini - 20.11.2021…

Di questi tempi i concerti...diciamo che si fa quel che si può. Costanza e fisico non sono più quelli di…

28 Nov 2021 Live

Read more

Orbe – Albedo (Samsara/Meltin Pop, 2011)

Direttamente da quel braccio del Lago Maggiore che volge a mezzogiorno, più precisamente da Arona, provengono gli Orbe, quartetto strumentale…

02 Feb 2012 Reviews

Read more

Davide Cedolin - Contemplations and other Instrumentals from the Valley…

Diciamocela tutta, basterebbe il titolo. Socchiudi gli occhi, un refolo di vento ed è tutto lì. Ma in realtà c’è molto…

09 May 2022 Reviews

Read more

Kamikaze Queens - Automatic Life (Sounds Of Subterrania, 2011)

Quintetto berlinese di un certo spessore che ama modestamente auto-definirsi Berlin Punk Cabaret. Cortese sintesi per esprimere che contengono qualsiasi…

15 Feb 2012 Reviews

Read more

Orla Wren - Soil Steps (Oak, 2014)

Orla Wren è il progetto dello scozzese Tui, che per lunghi periodi vive in un furgone andando in giro per…

12 Jun 2014 Reviews

Read more

Hesus Attor - Sonic Gastronomy Volume 1 (Moonlee, 2008)

Quartetto di squilibrati croato che, giustamente, la attivissima Moonlee non tarda a far entrare nel proprio pollaio. Le coordinate sono…

22 Nov 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top