Johnny Mox – We = Trouble (Musica Per Organi Caldi, 2012)

Non assomiglia a nulla della roba che si sente in giro, il nuovo disco di Johnny Mox, che sembra affondare le radici nel substrato più creativo degli anni novanta, dove una salutare confusione faceva convivere hardcore, hip-hop e avanguardia industriale. Affinato il progetto attraverso un’attività live capillare, che ha finito per inglobare anche l’esperienza del defunto progetto Nurse! Nurse! Nurse! di cui era batterista e voce, Johnny si presenta all’appuntamento col secondo disco, capace finalmente di riprodurre l’intensità che abbiamo conosciuto dal vivo.
Vi ricordate dei Disposable Heroes Of Hiphoprisy? Il gruppo che Michael Franti aveva prima di diventare un’imbarazzante versione abbronzata del già di per sé imbarazzante Jovanotti potrebbe essere un paragone calzante, un po’ per stile (si tratta comunque di hip hop anomalo), ma soprattutto per attitudine. Qui il rap, inteso più come sound system che come stile vocale, è il terreno comune dove tutti gli altri generi si incontrano e combinano, dando vita a una musica trascinante come poche, che forse manca di un pubblico di riferimento (anche gli Uochi Toki sono troppo ordinari a confronto) ma che dovrebbe riuscire coinvolgere almeno gli ascoltatori più onnivori. Tra tutti, l’elemento più presente sembra essere il gospel; detto così è quanto di meno attraente possiate pensare, l’effetto è invece ottimo: gli spirituals si trasformano in sermoni su basi ritmiche che richiamano i Public Enemy, e in pochi minuti ripercorriamo la storia della musica nera dalle origini ai giorni nostri. Nel cammino la formula si arricchisce di altri elementi, passando attraverso intrecci vocali doo-wop e funk metallici (in For President ti aspetteresti da un momento all’altro l’irruzione dei Nomeansno), senza mai perdere ritmo e ascoltabilità, nella miglior tradizione black. We = Trouble è infatti musica nera per culi bianchi dalla mente particolarmente aperta. “Non siamo industriali, siamo industriosi”, diceva sempre Michael Franti ai bei tempi. A lui questa definizione non serve più, la ceda: a Johnny Mox calza a pennello.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Wagner Logic - Easiest To Grab (Wilderhood, 2007)

C'è ancora posto per un disco di rock indie melodico che si faccia ancora ascoltare senza cominciare a sbadigliare? Anche…

12 Jan 2008 Reviews

Read more

Aucan – Black Rainbow (La Tempesta, 2011)

Il passaggio degli Aucan a sonorità molto diverse tra loro rende per certi versi il gruppo un po' un mistero.…

24 Feb 2011 Reviews

Read more

Lucifer Big Band – Ugo (Autoprodotto, 2013)

Nonostante l'opera d'esordio, col titolo Atto I, desse ad intendere una volontà di proseguire, mi ero fatto l'idea della Lucifer…

30 Jul 2013 Reviews

Read more

The Chinese Stars - Listen To Your Left Brain (Three.One.G,…

Mi sa che questa volta, il cervello se lo sono bevuto del tutto, i nostri beneamati Chinese Stars. Consigliano, dunque,…

03 Feb 2008 Reviews

Read more

Gianni Mimmo/Harri Sjostrom - Live At Bauchhund, Berlin 2010 (Amirani,…

Ennesimo ritorno di Gianni Mimmo, non che se ne fosse mai andato, anzi, se ci fosse anche solo una qualità…

13 Sep 2011 Reviews

Read more

Aetnea – S/T (Autoprodotto, 2012)

Gli Aetnea arrivano dal comune di Trecastagni, provincia di Catania, ma non immaginate le "solite" cose in stile Uzeda o…

06 Jul 2012 Reviews

Read more

The Points - S/T (Mud Memory, 2008)

Roba da far sembrare gli Zeke progressive con l'ukulele e i Ramones troppo concettuali per essere punk-rock, The Points, trio/duo(?)…

23 Dec 2008 Reviews

Read more

Kleistwahr - Music For Zeitgeist Fighters (Nashazphone, 2017)

Questo è il quarto disco dal ritorno sulle scene di Gary "Ramleh" Mundy con uscite a nome Kleistwahr e devo…

15 Sep 2017 Reviews

Read more

Soft Black Star - La Mer, La Bataille, La Mort…

Ritorna un progetto molto home friendly e che mi era piaciuto qualche tempo fa con l'esordio Geneva In Neve, parliamo…

15 May 2012 Reviews

Read more

Fozzy - All That Remains (SPV/Steamhammer, 2005)

Finalmente una band programmaticamente perfetta: Fozzy! Un poco Fonzie e un poco Ozzy, la sintesi insomma della miglior tradizione americana:…

15 Aug 2006 Reviews

Read more

Peter Brötzmann & Jason Adasiewicz - Going All Fancy (Eremite,…

Ormai si sa, che più le release sono introvabili, più fanno gola; come in questo caso in cui mi trovo…

03 Jan 2013 Reviews

Read more

Lyke Wake - The Long Last Dream (Final Muzik, 2013)

Lyke Wake è un gruppo di Roma che negli anni ottanta ha fatto parte del circuito industrial/ambient, registrando negli anni…

09 Aug 2013 Reviews

Read more

Nymphea Mate - Endio (Hertz Brigade, 2011)

"Cambio rotta, cambio stile, scopro l'anno bisestile". Anno nuovo, vita nuova. A questo giro ho deciso di impegnarmi per sconfiggere…

06 Feb 2012 Reviews

Read more

Six Organs Of Admittance - Ascent (Drag City, 2012)

Avevamo già scritto di Ben Chasny, mente dei prolifici (anche troppo dalla quantità di album in uscita: 13, disco…

18 Sep 2012 Reviews

Read more

Dao De Noize - Ishtar Voice (Sincope, 2012)

Sincope pubblica il CD dell'ucraino Artem Pismenetskii aka Dao De Noize, progetto attivo solo da un paio di anni ma…

25 Jul 2012 Reviews

Read more

Strongly Imploded - Why Use A Proxy? (Ikuisus, 2009)

Per quanto non ci sia alcuna specifica all’interno del cd se non delle sigle, guardando sulla loro pagina myspace ho…

23 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top