Jeffrey Roden – Seeds Of Happiness Part 1 (The Big Tree, 2007)

Il cognome non vi risulta nuovo? …ma sarà parente di quel Roden? …esatto! Le sapete davvero tutte ed infatti Jeffrey Roden è lo zio del più conosciuto Steve, che trattandosi di “cosa loro” gli ha prodotto il lavoro. Ma con un parente più giovane così ingombrante il vecchio zietto si è tenuto alla larga dai campi più ostici del nipotino, quindi non proprio un progetto stile reunion famigliare come gli Arc di Aidan BakerSeeds Of Happiness Part 1 è un disco per solo basso e per di più volutamente semplice e sobrio, ripeto, lo zio Jeffrey sembra non pensare neppure con l’anticamera del cervello alla sperimentazione, anzi, direi che per quanto non proprio easy listening si tratti di un disco molto melodico. La natura stessa del disco mi ha chiaramente fatto pensare a quelli che spesso ci si dimentica esser stati fra gli ispiratori dei Tortoise (insieme agli Ex, a Steve Reich e ad una vagonata di altra gente) ovvero i Dos. Se il duo di bassi formato dagli allora coniugi Mike Watt (Minutemen) e da Kira (Black Flag) era molto più solare e diciamo “blues”, il signor Roden suona molto più lento, più notturno e anche più classico, a riconferma di ciò la parte seconda di questo lavoro è uscita nientepopodimeno che per la New Albion. Giusto per rimanere in casa della “Nuova Albione”, se conoscete il disco che stampo per questi ex-A Minor Forest, potremmo dire che velocità di esecuzione e gusto per la melodia sono simili, anche alcune delle atmosfere. Proprio in merito alle atmosfere parlerei di una forte influenza di musica classica per chitarra o per strumenti a corde in genere e per quanto ciò voglia dire tutto e nulla non si tratta né di musica barocca né di musica medievale, parlerei semmai di flamenco ma di quello più lento, quindi non velocità da capogiro stile Paco De Lucia. Il pizzicato (anche se credo che il termine in questo caso sia un altro) è morbido, le corde vengono fatte risuonare e Roden presta moltissima attenzione alla melodia e quando funziona riesce a salvarsi da un disco che potrebbe risultare un po’ piatto. Alcuni pezzi sono molto ispirati, mentre altri suonano bene ma finiscono per non essere incisivi, si tratta di un lavoro di “arte povera” più per scelta che per esigenza, se non ci fosserto alcune considerevoli differenze parlerei di un Mazzacane Connors del basso elettrico. Ad ogni modo a tratti risulta un disco molto piacevole.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Chris Pitsiokos - un nuovo nome da tenere a mente

Chris Pitsiokos è una personalità molto interessante del nuovo sottobosco avant jazz new yorkese, approfondisce le possibilità del sassofono alto praticando…

09 Aug 2018 Articles

Read more

The Star Pillow - Fattore Ambientale (Autoprodotto, 2012)

The Star Pillow è il duo formato da Paolo Monti e Federico Gerini a base di suggestioni cinematiche e sognanti…

18 Dec 2012 Reviews

Read more

Bass Tone Trap - Trapping (Music A La Coque, 2007)

Prima di entrare nel vivo della recensione mi sembra il minimo far notare che questo CD esce per quella Music…

15 Jun 2007 Reviews

Read more

HMWWAWCIAWCCW? - S/T (Boring Machines/Avant!, 2012)

L'esordio sulla lunga distanza degli How Much Wood Would A Woodchuck Chuck If A Woodchuck Could Chuck Wood?, terzetto torinese…

14 Jan 2013 Reviews

Read more

Tetuan - Tela (Brigadisco/I Dischi Del Minollo/Onlyfuckingnoise et al. 2011)

Tela è il disco d'esordio del trio marchigiano Tetuan, ripescato dal cesto a inzio 2013. In realtà l'album era…

14 Mar 2013 Reviews

Read more

Shrinebuilder – S/T (Neurot, 2009)

Non credo che ormai ci sia fra noi qualcuno di così ingenuo da aspettarsi da un supergruppo qualcosa più della…

19 Dec 2009 Reviews

Read more

Secret Shame - Dark Synthetics (Taxi Driver, 2020)

Ottimo goth revival per questi giovani statunitensi della North Carolina. Sembra di aprire le polverose pagine di un Rockerilla del…

24 Nov 2020 Reviews

Read more

Primal Scream - Beautiful Future (B-Unique , 2008)

Arrivarci, a vedere il futuro rosa! E forse qualcuno la personale quadratura del presente l'ha trovata, tanto da cantarla a…

25 Sep 2008 Reviews

Read more

Gretel E Hansel - Follow The Porcupine (Madcap, 2008)

Niente strega cattiva, niente casetta di marzapane, niente di tutto ciò: l'unica favola che troviamo nell'album di Gretel E Hansel…

06 Jun 2008 Reviews

Read more

Passo Uno - Il Passato Riemerso (Trazeroeuno, 2006)

Essendo uno che non ha nulla di meglio da fare, qualche tempo fa mentre curiosavo fra le pagine del sito…

05 Dec 2006 Reviews

Read more

Black Rainbows - Holy Moon (Heavy Psych Sounds, 2013)

Ancora una volta musica circolare: tanti infiniti vortici che rimpiccioliscono progressivamente senza mai riuscire ad annullarsi. Con i Black Rainbows…

18 Jun 2014 Reviews

Read more

Body/Head – The Switch (Matador, 2018)

Il primo disco dei Body/Head ha riportato allo scoperto tutto lo spleen di una scena d’altri tempi, di quando a…

04 Sep 2018 Reviews

Read more

MDF - Horvs (Farmacia901/MidiD'unFaune, 2010)

Insieme alla splendida uscita di Kaeba, Farmacia901 insieme a MidiD'unFaune licenzia questo disco degli MDF che esce con grafica corredata di blocchetto…

16 Jan 2011 Reviews

Read more

Cigno - Morte E Pianto Rituale ( Autoprodotto, 2022)

L’attacco da subito il tono all’ambiente. Diego Cignitti suona veemente un pianoforte là, in fondo alla sala, annebbiato da quella…

10 Apr 2022 Reviews

Read more

Vonneumann - Il De’ Metallo (Ebria, 2009)

Chiude i battenti, ahinoi, la Ebria Records e lo fa lasciando in eredità un disco che, ce ne fosse…

08 May 2009 Reviews

Read more

Limbo - Unholy Rituals (Radical Matters, 2010)

Gianluca Becuzzi rispolvera il nome Limbo in un periodo per lui molto denso in termini di uscite discografiche, ma del…

12 Apr 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top