Iron Molar – Sounds For An Awesome Suspension (The Fucking Clinica, 2008)

Dall’hardcore più o meno evoluto al noise più sfrigolante il passo non è certo breve, ma da tempo la strada è stata battuta da diverse realtà d’oltreoceano, Bastard Noise e Men Recovery Project in primis e si presenta ora discretamente asfaltata.
In Italia, terra che può vantare nel campo dell’industrial/noise artisti di valore assoluto (M.B su tutti), questo passaggio è invece storia recente e comunque, pare, scollegato da quella che è la tradizione elettronica nostrana, innestandosi piuttosto nel solco dei vari noiser di più o meno nuova generazione americana. A suo modo, l’ennesima dimostrazione di provincialismo o, quanto meno, di scarsa conoscenza storica.
Non sembra sfuggire alla regola il terzetto (recentemente ridottosi a duo) degli Iron Molar, radici nel glorioso HC dei ’90 e presente immerso in un noise che la grafica del CD denuncia come smaccatamente bastardnoisiano. Fortuna vuole che le apparenze ingannino e, non so se volontariamente o meno, il loro cammino batte strade abbastanza lontane dai rumorosi comizi e dai panorami rarefatti del progetto di Nelson / Rauf / Wood, per affrontare una via mediana non certo innovativa ma almeno slegata da troppo facili paragoni.
Nelle tracce di Sounds For An Awesome Suspension si incontra così la primitiva voce-suono che accompagna le oscillazioni del motore elettronico di Frequenza Erbivora e le ambientazioni riecheggianti i primi, più ispirati, Tribes Of Neurot in Turbe Nella Società Degli Uomini, dove ventate analogiche si dispiegano in paesaggi lividi e disabitati, fino alle dissonanze di Gli Umani Devono Sanguinare, frequenze che fluiscono con discontinuità e suoni che si spezzano, una buona idea che girà però un po’ a vuoto. Questo pezzo contiene tuttavia, sommerso dalle distorsioni, uno scambio di battute che da solo riassume tutta l’attitudine del gruppo “Oh, te lo diciamo noi quando devi registrare… sto provando dei suoni!” “Vabbè, ma magari vengono fuori delle robe lo stesso”.
Proprio questa volontà di sperimentare, ingenua e anarchica insieme, conferisce un certo interesse all’album che si contraddistingue per una profonda vena anti-intellettualistica che, sebbene col tempo possa rivelarsi un limite, ora è utile a marcare le distanze da certo art(harsh)noise di maniera, che qui va per la maggiore.
Aspettiamo di vedere cosa sapranno fare in futuro…

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

NOFest! 2010 - 18-20/06/10 Spazio 211 (Torino)

Se c'era un festival italiano che quest'anno, anche solo sulla carta, meritava di essere visto, era sicuramente la seconda edizione…

27 May 2010 Live

Read more

The Cepi Nomads + Hic - Cepi meets Hic (Torto,…

Questo lavoro nasce dall'improvvisazione tra due nutriti ensemble di professionisti. I Cep Nomads sono francesi e nascono dalla volontà di…

13 Jul 2020 Reviews

Read more

Black Elk - Always A Six Never A Nine…

Esterefatto. Credo che lo stupore totale sia quanto di più vero riesca a manifestare di fronte ad un disco…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Dirty Trainload – Trashtown (Otium, 2011)

Duo di blues elettrico e grezzo, nei suoni, ma dalle soluzioni decisamente fini, questi Dirty Trainload, rimandano ai The Kills…

25 May 2011 Reviews

Read more

The Enchanted Realm - Of The Pink Widower (Northpole, 2008)

Il giro della Northpole è in un certo senso fantastico, come quello dei Rollerball seppure i due non siano legati…

12 Sep 2008 Reviews

Read more

Sorrentino/Telandro/Sigurtà - Immersus Emergo (Setola Di Maiale, 2012)

Ci troviamo di fronte ad un trio a suo modo anomalo, poichè vediamo Luca Sigurtà affiancato a due musicisti provenienti…

13 Jun 2012 Reviews

Read more

Morose/Campofame – Cinque Pezzi Facili, Volume 4 (Under My Bed,…

Il penultimo capitolo della serie Cinque Pezzi Facili ospita due graditi ritorni: quello dei Morose, che dopo La Vedova Dell'Uomo…

18 Jan 2013 Reviews

Read more

Spring Sale! - Drown Yourself In Shoes and Sweaters (Betulla,…

Il 2006 è stato l'anno delle rivelazioni o presunte tali; dalle nostre parti si sono visti i veronesi Canadians nascere…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

St.ride - Microstorie (Torto Editions, 2021)

Sorprendente ritorno per i genovesi St.ride, arrivati a quello che potremmo definire l'album definitivo. Un disco accessibile (si fa per…

03 Jun 2021 Reviews

Read more

Acid Mothers Temple & Melting Paraiso UFO - Interstellar Guru…

Ma quant’è bello essere hippie? Insomma uno può prendere una di queste belle patatone anti-anoressiche in pieno stile Settanta, metterla…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

Orange - Certosa (Midfinger, 2009)

L'album degli Orange arriva nelle mie mani corredato da un semplice booklet contenente i testi dei brani, e nulla più.…

03 Oct 2009 Reviews

Read more

Luciano Maggiore & Francesco Fuzz Brasini - How To Increase…

Eravamo stati fra i pochi, lo scorso anno, a non entusiasmarci per l'esordio di Luciano Maggiore e Francesco Brasini: fra…

04 Dec 2012 Reviews

Read more

Owls – Scars/Child (Verba Corrige, 2015)

Tornano a farsi vivi gli Owls di Eraldo Bernocchi, Tony Wakeford e Lorenzo Esposito Fornasari dopo il felice esordio. Avevo…

02 Jul 2015 Reviews

Read more

Ojra & Kiritchenko - A Tangle Of Makosha (Nexsound, 2010)

Ho visto che di recente qualcuno ha finalmente dato spazio ad un ottimo musicista come Kyriakides, ne sono felice, sia…

12 Apr 2010 Reviews

Read more

Animal Farm Project - S/T (Autoprodotto, 2006)

Indubbiamente originale questo gruppo bolognese che prendendo come muse ispiratrici i Radiohead e i Rage Against The Machine, sa regalarci…

03 Dec 2006 Reviews

Read more

The Moo-Rays - S/T (Autoprodotto, 2015)

Garage rock 'n' roll completamente sardo. Se cercavate il fil rouge tra i mammuthones (le maschere tradizionali, non la band)…

12 Feb 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top