IQ+1 ‎– Conversaphone Plus (Mappa Editions, 2019)

Un ensemble piuttosto interessante quello degli IQ+1 che con il nuovo album costruisce un linguaggio che si fa ben apprezzare, rendendo visibile una personalità d’insieme che rende l’ascolto appagante: George Bagdasarov (vintage turntable, effetti e sax baritono), Veronika Hladká (violino), Jana Kneschke (violino), Jaroslav Tarnovski (synths, electronica, percussioni, field recordings), Petr Vrba (clarinetto, tromba, electronica) Michal Zbořil (synths analogici, electronica, harmonium indiano) e Kateřina Bilejová (body weather).
Il concetto di fondo del disco è quello di riempire la spettralità spaziale facendola risaltare con la rotondità degli incastri; direttive che partono da punti di fuga semplici, ma che grazie a una visione lungimirante e a un’evidente sapienza espressiva sviluppano percorsi piuttosto coinvolgenti; il tutto grazie anche ad un puntuale senso dell’interplay perfettamente equilibrato. Provate a immaginare di fare a pezzi le suite dei Penguin Cafè Orchestra per poi far rimettere assieme i cocci da Falter Bramnk ottenendo delle tracce di compiuta organicità, ecco, più o meno vi avvicinerete al suono di Conversaphone Plus.
Quello degli IQ+1 è un approccio colto che flirta con tematiche quasi sci-fi con naturalezza sorprendente, creando una musica aliena eppure concreta, dissonante ma armonizzata, in finale, avvolgente. Libera improvvisazione che si stende su tele statiche accuratamente dettagliante con gusto e senso della misura, un percorso elettroacustico gorgogliante costantemente ricostruito in cui si incastrano frammenti di synth, tappeti drone, ondulazioni elettroniche, lapilli ambientali, stridori sintetici, distensioni di fiati, violini obliqui e registrazioni di campo. Sei immersioni profonde e cangianti, che trasmutano da rarefazioni spettrali a compresenze di sostanza, da soffuse elettroniche altre a stratificazioni trasversali. Una pratica che appare più che rodata in questo terzo disco, risultando fruttuosa e personale nella capacità di sfruttare idee e gestire gli ingredienti per far fluire assieme variazioni tematiche come tasselli di colori diversi di uno stesso mosaico. Un disco che mette bene in mostra una grande capacità di poter andare avanti all’infinito, ma in modo ancora più evidente l’eleganza del sapersi fermare al momento giusto.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Dream Weapon Ritual - Like A Tree Growing Out Of…

Per quel che mi concerne associavo Simon Balestrazzi alla produzione dell'ultimo Bron Y Aur e del disco d'esordio dei Plasma…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Black Lava - Lady Genocide (Hellbones, 2019)

Schegge radioattive scagliate in una corsia d'ospedale e conficcate sulle pareti bianche. Questa è la perfetta sintesi del progetto condiviso…

05 Jul 2019 Reviews

Read more

Enrico Coniglio - Alpine Variations (CD Dronarium, 2022)

Variazioni. Alpine, sonore? Non sappiamo a che sponda aggrapparci partendo per questo viaggio in compagnia di Enrico Coniglio. Lo facciamo…

26 Apr 2022 Reviews

Read more

Hey!Tonal - S/T (Africantape, 2009)

Innanzitutto la line-up: Kevin Shea (Storm & Stress, Get The People, Talibam!, Coptic Light, People…), Mitch Cheney (Rumah Sakit, Sweep…

27 Mar 2009 Reviews

Read more

Hue - Un'Estate Senza Pioggia (Trazeroeuno, 2006)

Mentre vi preannuncio che a breve un’intervista ad Hue sarà on-line su questo stesso sito, ecco qui un suo lavoro…

18 Jan 2007 Reviews

Read more

Autoblastingdog - HermesLyre (Autoprodrodotto, 2010)

Non male davvero l'esordio di questi quattro giovanotti sperduti nei monti amiatini. La forza d'urto è notevole e, nonostante…

28 Aug 2010 Reviews

Read more

Psycho Kinder – Epigrafe (Fonetica Meccanica, 2020)

Da sempre aperto all’incontro fra parola e musica, con la prima alla continua ricerca di suoni che la veicolino, Psycho…

24 Jan 2021 Reviews

Read more

ASp/SEC_ - S/T (Soundhom, 2008)

"La bischerata a volte l'è un attimo" o qualcosa di simile veniva detto da uno dei protagonisti di Amici Miei…

18 Nov 2008 Reviews

Read more

Daniel Menche - Melting Gravity (Sige, 2019)

Il ritorno di Daniel Menche con Melting Gravity continua a mostrare il costante avanzamento linguistico dello sperimentatore di Portland, uno…

29 Nov 2019 Reviews

Read more

WOW - Falene (Maple Death, 2021)

Gli WOW, dacché li conosco e li ascolto, sono stati sempre portatori di due principi, stile ed eleganza. Progetto che…

16 Jan 2022 Reviews

Read more

Yama-Akago - Wheel Of Fortune (Sottomondo, 2008)

Alla faccia di chi pensa che anche nel bel pese non ci siano etichette con un fegato spaventoso un’altra uscita…

28 Sep 2008 Reviews

Read more

Pietro Riparbelli - Uncodified Signals (Oak, 2014)

Continua la ricerca della Oak Editions intorno ai suoni di confine che vanno a braccetto con l'ambient nelle sue diverse…

29 May 2014 Reviews

Read more

Messa In Piaga - S/T (Autoprodotto, 2013)

Ennesima sbrodolatura scatologica per Hugo Bandannas ed Alessandro Scotti arrivati qui finalmente dopo mille sforzi ai minimi storici. Del…

14 Jan 2014 Reviews

Read more

Person L - The Positives (Arctic Rodeo, 2009)

L'instancabile etichetta di Amburgo anche questa volta non manca il colpo, anzi espandendo le vedute e il carattere del…

21 Dec 2009 Reviews

Read more

Meshuggah - ObZen (Nuclear Blast, 2008)

Attesissimo ritorno per la band scandinava che, contrariamente al loro stile, si ripropone in un lavoro lineare e, apparentemente,…

15 Apr 2008 Reviews

Read more

Lakes - Blood Of The Grove (Avant!, 2013)

Dietro la sigla Lakes si nasconde nell'oscurità goth Sean Bailey, australiano che ruota dalle parti di Melbourne. In Blood Of…

16 Sep 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top