Inferno/Ovo/Psychofagist – A Bullet Sounds The Same (In Every Language) (Shove/Donna Bavosa/Bar La Muerte, 2007)

Ne avevo avuto notizia tempo addietro da Manuel ma come recitava High Caliber Consacrator dei Clutch: “Prostrate yourself, your time has come!”. Scontro fra titani della musica bastonata spaghetti-made per tre categorie diverse, chi sia il vincitore della “royal rumble” sta a voi, è chiaramente soggettivo e non sempre chi vince porta via tutto, anzi, come dimostra il buon vecchio Iron Mike a volte chi perde si può portare via un pezzo di avversario fra i denti. I tre wrestler non deludono le aspettative e menano senza andare troppo per il sottil, se qualcuno storcendo il naso potrebbe esprimere delle titubanze sugli Ovo, invece si adattano senza problemi mantenendo solida l’integrità di questa spremuta di porfido. Partono gli Inferno con registrazione e produzione ulteriormente migliorata rispetto al cd, continuo a preferirli dal vivo, ma se l’esordio vi aveva strinato, non rimarrete delusi dall’aperitivo. Gli Psychofagist per quel che mi riguarda sono uno dei migliori, se non il migliore gruppo grind al di qua delle Alpi, soprattutto per ciò che concerne la resa su disco, forse la produzione (comunque ottima) non sta dietro al gusto dei pezzi, ma resta che pur non essendo ancora “the next big thing” hanno più personalità di alcune produzioni Relapse. Gli Ovo forse sorprenderanno chi ricorda gli esordi, ma chi è passato sul disco Load o li ha visti nei live recenti, sa che Dorella-Pedretti si sono rispolverati (l’hanno mai dismessa?) la collezione di “hardcore-metallo della morte” e vanno di asso di bastoni. Metal quindi? No, per nulla, visto che comunque fare metal in due o grind è roba da Agoraphobic Nosebleed dei primordi, ma primi Swans, quello sì: altro che Soundtrack For The Blind, altro che dandy di classe, c’è stato un tempo in cui anche Gira lasciava più segni degli aerei di Al Quaeda. Copertina extralusso ed intercambiabile in base a quale supereroe vi vogliate giocare e titolo conforme al tipo di operazione, se a ciò aggiungete che comunque “le tre madri” hanno seguito ed adepti in tre diversi ambiti, non credo rimarrete sorpresi se ipotizzo verrà smazzato molto velocemente. Per altro permettetemi di concludere con un bel: “più split e meno compilation!!”.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Eagle Twin + Pombagira - 16/10/10 Unwound (Padova)

Che l'immaginario degli Eagle Twin sia popolato da corvi, aquile e rapaci vari è cosa nota, ma che si debba…

11 Sep 2010 Live

Read more

Fenster - The Pink Caves (Morr Music, 2014)

Beh, se questo non è un disco giusto per un'estate solo di nome... I Fenster - quartetto con base a Berlino…

09 Sep 2014 Reviews

Read more

Toilet Door n.6 - Natale E Nobiltà

Mai morti, amici della parrocchietta! Quando ormai ci davano passati dall'altra parte, eccoci intrepidi saltar fuori dalla cappella di famiglia.…

23 Dec 2011 Podcasts

Read more

Donato Epiro – Fiume Nero (Black Moss, 2014)

Era un po’ che Donato Epiro, impegnatissimo coi suoi Cannibal Movie, non si faceva vivo con un disco a suo…

22 May 2014 Reviews

Read more

Lento - Earthen (Supernaturalcat, 2007)

Giusto pochi giorni fa, notavo su una rivista specializzata che finalmente qualcuno si è deciso a raccogliere in un unico…

19 Oct 2007 Reviews

Read more

Nicola Boari – Wakamatsu Koji, Il Piacere Della Distruzione (Falsopiano,…

Già è raro che su queste pagine si recensiscano libri: forse per un testo di cinema è la prima volta…

05 Mar 2013 Reviews

Read more

?Alos/Xabier Iriondo - Endimione (Brigadisco, 2012)

Il sodalizio fra Stefania Pedretti/?Alos e Xabier Iriondo, che avevamo sperimentato con il 7” su Tarzan Records, esordisce sulla lunga…

23 Oct 2012 Reviews

Read more

Polaris - s/t (Gringo, 2006)

Siamo degli ignoranti. Sappiamo tutto e rimaniamo degli ignoranti. Per qualche strana ragione qui da noi siamo obbligati a conoscere…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Aetnea – S/T (Autoprodotto, 2012)

Gli Aetnea arrivano dal comune di Trecastagni, provincia di Catania, ma non immaginate le "solite" cose in stile Uzeda o…

06 Jul 2012 Reviews

Read more

Hypershape Records. Una chiacchiera..

Hypershape è un’etichetta discografica italiana, gestita al momento da Michele Basso e Giorgio Salmoiraghi. I due (ovviamente) loschi figuri non…

20 Mar 2022 Interviews

Read more

St.Ride - Volume 2 (Niente, 2009)

Ritornano gli St.Ride con il "solito" ottimo disco... e me l'hanno dovuto dire che il cd era il loro, visto…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

Giorgio Dursi – Poetry Reading With Sound Footnotes (Arte Tetra,…

Quello che non ti aspetti da un’uscita su Arte Tetra è che ti sorprenda: dopo anni di frequentazione dell’etichetta marchigiana…

09 Aug 2017 Reviews

Read more

Balmorhea - All Is Wild, All Is Silent Remixes (Western…

É la seconda volta che mi trovo a recensire un disco di questo gruppo americano per Sodapop, nel primo caso…

01 Sep 2009 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - 29/04/10 Locanda di Campagna (Lonato -…

Ritornano a farsi vivi, nell'amata Locanda di Campagna, i Vanessa Van Basten, dopo un anno sabbatico speso a migliorare la…

07 May 2010 Live

Read more

Pagan Moon Organization, intervista con il vampiro

Nel cuore della vecchia Torino, a cercare bene, si possono trovare strani ed invitanti anfratti come nel caso di Pagan…

26 Apr 2011 Interviews

Read more

Delay House - 3 (Stop, 2012)

I Delay House da Rimini propongono col terzo disco la loro interpretazione di suoni in salsa wave tenebrosa con …

05 Oct 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top