Il compleanno del Megawolf 2 – 05/02/11 Ekdina (Carpi – MO)

Strano animale il Megawolf che da un anno all’altro cambia la data del compleanno. Trattandosi comunque di una tremenda e irascibile bestia non ci facciamo troppe domande e servilmente ci rechiamo all’appuntamento, fissato come di consueto nella sua tana, comunemente nota come Ekidna. Anche questa volta il potente animale si è adoperato perché la strada dei suoi fedeli servitori sia sgombra di nebbia, così che arriviamo con solo un’ora di ritardo rispetto all’orario d’inizio annunciato. Com’è tradizione del luogo i concerti inizieranno da lì a un’altra ora.
Dobbiamo subito notare come le presenze siano in leggero calo rispetto allo scorso anno, cosa che non resterà senza conseguenze per gli assenti, così quando partono i romani Heisenberg, inseriti in cartellone all’ultimo secondo, nella sala siamo poco più di una decina. Il loro hardcore caratterizzato dall’alternanza fra parlato ed urlato e da melodie di tastiera sommerse dal noise chitarristico (chiamatelo screamo se vi va, a me il termine ripugna) si fa benvolere e nel corso dell’esibizione l’affluenza aumenta decisamente. C’è ancora del lavoro da fare, specie sulla struttura dei pezzi, ma alcuni funzionano già bene, ad esempio il lento (così lo chiamano loro) Incontrarsi A Copenaghen. Diremo, per dovere di cronaca, che abbiamo rischiato di assistitere all’ultimo concerto se non del gruppo almeno del chitarrista, che nel corso della serata ha provato ad andare all’altro mondo sopraffatto dal terribile nettare che vagatha__megawolf_2a sotto il nome di Latte di Suocera, bevanda sacra al Megawolf dai terribili effetti collaterali. Tornando alla musica è ora il momento delle Agatha, che confermano come il riassetto a duo abbia giovato alla formazione: nella loro mezz’ora macinano spietatamente sludge’n’roll schiacciasassi che induce il pubblico all’headbanging mid-tempo, ormai numeroso. La già classica Mosh Training segna l’apice, una dilatata e sofferta versione di Punk Explained To My Mother chiude i giochi. Dal punto di vista strettamente musicale sono loro il gruppo migliore della serata. Salgano poi sul palco i Manthra Dei, psichedelia vecchio stampo, ma aggiornata nei suoni, fra Jimi Hendrix e Greateful Dead, che ci sommergono con un’onda di inesorabile wah-wah. Fossero stati entro i canonici trenta minuti sarebbe stato un concerto piacevole ma raddoppiato il tempo il tutto si trasforma in un’esperienza estenuante, almeno per chi non ha il supporto di sostanze atte a mettere in sintonia con la musica. A riportarci brutalmente sulla terra pensano i Colossal Monument, colossalmonumetn__megawolf_2padrini della lenta pesantezza nonché resident band dell’Ekidna. Doom-core dove una batteria ha l’onere di supportare due bassi e due chitarre (di cui una a otto corde), concedono il solito spettacolo spaccaossa, mentre lampi di buio dell’eclettico fonico rendono più difficile e quindi più intrigante la performance dei musicisti. Passiamo ai DUNE, freschi di disco nuovo, che non sfigurano, allontanando finalmente gli influssi neurosisiane ormai abusati e impreziosendo il tutto con una ben fatta cover di Astronomy Domine. Attesissimi e incontrastati reginetti della serata sono i pisani Disquieted By, che trascendono il discorso puramente musicale con un’esibizione energica e demente insieme. D’altra parte, quando si suona rock’n’roll ultrasonico con un cantante in tenuta da Henry Rollins degli anni d’oro (boxer neri e basta, insomma) ma con la pancia di Lino Banfi e la mimica di Jello Biafra, cosa ci si può aspettare? Che per l’unica volta in tutta la sera si scateni il pogo e si passi continuamente dall’esaltazione al mal di pancia dal ridere. Insomma un concerto in cui si dà tutto, cosicché al momento dell’esibizione dei Chambers mi assopisco su un tavolino, stremato dallo sforzo e, lo ammetto, da un rhum (bianco!) e pera in dose tale che avrebbe nauseato pure Long John Silver. Non che la loro musica sia particolarmente rilassante, sono io che non ho più l’età. Che il Megawolf mi perdoni.

(foto di Marcella Spaggiari)

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Empty Chalice – Mother Destruction (Toten Schwan, 2019)

La perseveranza è dote rara e per questo ancor più da apprezzare. Parliamo, nella fattispecie, della continua esplorazione delle regioni…

09 Sep 2019 Reviews

Read more

Ka Mate Ka Ora - Thick As The Summer Stars…

"We are a slowcore – shoegaze band!" Ci pensa già il gruppo di Pistoia a scrivere il succo della storia…

01 Oct 2009 Reviews

Read more

La Furnasetta - La Prima Stella (AsbestosDigit, 2018)

La strada creativa aperta dai Boredoms di Soul Discharge ha provocato dei veri e propri cortocircuiti nel modo di intendere…

13 Nov 2018 Reviews

Read more

Default Jamerson - Stable Government And Adequate Sanitation (Sabbatical, 2008)

Sabbatical è una etichetta di musica sperimentale portata avanti da Leith, Mark, autore di quasi tutte le grafiche e Marcus,…

07 Nov 2009 Reviews

Read more

Harvestman - In A Dark Tongue (Neurot, 2009)

Continua, lontano dal pantano in cui si sono ormai arenate le carriere di Neurosis e Tribes Of Neurot, il percorso…

30 Jun 2009 Reviews

Read more

Pontiak + Hell Demonio - 08/08/09 Malafly (Verona)

Per l'estate l'arci Kroen si trasferisce armi e bagagli alla periferia di Verona dove, in combutta con altre associazioni…

16 Sep 2009 Live

Read more

Miss Fraulein - The Secret Bond (Indipendead, 2010)

Combo cosentino al secondo lavoro, insapore e incolore quanto una pappa per neonati. Un cucchiaino di Alice In Chain,…

05 Jun 2010 Reviews

Read more

Clara Clara - AA (SK, 2008)

A parte una evidente e malcelata passione per la lettera A, allitterata e ripetuta all'eccesso tra nome del gruppo e…

14 Sep 2008 Reviews

Read more

Om - Decapitalismo (Malintenti/Jestrai, 2010)

Leggero abbassamento del tiro questa volta, pur proveniendo anche loro dalla nostra Tucson (Palermo), per gli Om. I cinque…

21 Jun 2010 Reviews

Read more

Debeli Precjednik - Through The Eyes Of The Innocent (Moonlee,…

Torna l'iperproduttiva Monnlee con questo emotivo manipolo che sembra cresciuto sulle rampe di Fullerton anziché su quelle della Croazia,…

07 Jan 2008 Reviews

Read more

Heroin In Tahiti – Death Surf (Boring Machines, 2012)

Il lato oscuro di Tahiti su Boring Machines: non musica da spiaggia o surf rock come lo intendiamo noi, al…

19 Jan 2012 Reviews

Read more

Sebastiano Meloni/Adriano Orrù/Tony Oxley - Improvised Pieces For Trio (Big…

Nella mole di cd che riceviamo e che escono, purtroppo ho accumulato un po' di ritardo nel recensire questo lavoro…

30 Sep 2010 Reviews

Read more

Airportman - Letters (Lizard, 2008)

E’ da un po’ che ho questo disco per le mani, e arrivo a scriverne con un grande ritardo. Letters…

06 Feb 2009 Reviews

Read more

Pablo Montagne/Giacomo Mongelli - Crudités (Setola Di Maiale, 2011)

Nuovo disco per Pablo Montagne e Giacomo Mongelli, nuovamente su Setola Di Maiale e nuovamente gran bel lavoro anche se…

28 May 2011 Reviews

Read more

Lightning Bolt + Zu + Ovo - 18/11/08 Interzona (Verona)

Mi era stato riferito, da fonti attendibili, che sarebbe stato il loro ultimo tour. Mi avevano detto che, almeno una…

25 Nov 2008 Live

Read more

VV. AA. - Cinque pezzi facili 5 (Under My Bed,…

Capolinea per la serie Cinque Pezzi Facili: quinto capitolo, ultimi due gruppi. E finalmente, accostando le copertine, potrete riconoscere il…

20 Feb 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top