Host Skull – Totally Fatalist (Antephonic, 2011)

Sconcertante è l'unico termine che può descrivere questo lavoro di una band, gli Host Skull, che sono in realtà due, essendo il gruppo diviso fra Pittsburg e Santa Fe, due entità autonome che si ritrovano di tanto in tanto per unificare le varie composizioni. Non ci è dato sapere, ma immagino che le due teste siano rappresentate dal chitarrista e dal sassofonista, che ben interagiscono e si spartiscono le aree di influenza dei vari pezzi.
Comunque sia la band, ma sarebbe più il caso di parlare di orchestra, parte come una versione decisamente più facile e meno sintetica degli ultimi Battles, in particolare quelli pop e cazzoni dei pezzi cantati, con la batteria che pesta spesso e volentieri e la chitarra, protagonista assoluta, che fa un lavoro egregio, tecnico ma mai troppo lezioso, mentre il cantato mantiene il tutto su livelli di assoluta fruibilità. Strada facendo emergono passaggi degni del prog più manierato e anche questo ci può stare, molto math-rock trova lì i suoi predecessori, ma quando all'altezza di Know It Aint' Right ci troviamo immersi nel soul dei tardi '70, quasi al confine col dancefloor che esploderà nel decennio successivo, il colpo è duro. Certo, la brevissima Host Skull ce ne aveva dato un assaggio coi suoi fiati in evidenza, ma questo rischia di essere davvero troppo. Summer Stained, deliziosa ballata indie ci rianima, ma rimescola ulteriormente le carte. Sul finale sono le tastiere e gli arrangiamenti d'archi a prevalere e sullo sfondo si accalcano i fantasmi della Motown e di Marvin Gaye, come potrete ben immaginare più per gli arrangiamenti che non per la voce, che è in effetti il punto debole del gruppo, con inserti math piuttosto duri che fanno capolino a ribadire quale sia il substrato che ha generato una simile alchimia. Totally Fatalist è un album eccentrico che in condizioni normali mi irriterebbe a morte, ma che è talmente scompaginato da farlo, se non proprio apprezzare, almeno benvolere per il suo essere pop assolutamente improponibile, contemporaneamente in ritardo e in anticipo sui tempi. Ovviamente non epocale, ma merita certamente un ascolto.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

True Widow – S/T (End Sounds, 2009)

Con un po' di ritardo recuperiamo questo disco d'esordio dei True Widow, la nuova band capitanata da Dan Phillips, ex…

22 Jun 2010 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi/Cria Cuervos - Azazel (Silentes, 2009)

Dopo la notizia dell'abbandono definitivo di Maurizio Bianchi alla "musica" (si fa per dire) in occasione del trentennale dai suoi…

23 Dec 2009 Reviews

Read more

Steven Blush - American Punk Hardcore (Shake, 2007)

In attesa di vedere finalmente il film, ecco American Hardcore traduzione di un libro di Steven Blush che rischia di…

24 Apr 2007 Reviews

Read more

Vonneumann - Il De’ Metallo (Ebria, 2009)

Chiude i battenti, ahinoi, la Ebria Records e lo fa lasciando in eredità un disco che, ce ne fosse…

08 May 2009 Reviews

Read more

Jonathan Inc. - Lost: Time (Arctic Rodeo, 2011)

'There's a word on my lips, which I could not explain' canta jonathan Anderson in Long Gone e fa il…

25 Nov 2011 Reviews

Read more

Camillocromo - Rocambolesca (Autoprodotto, 2011)

Non credereste mai alla roba che ci viene mandata da recensire per questo sito: dalla musica italiana al punk rock…

28 Jul 2011 Reviews

Read more

Hobocombo - Now That It’s The Opposite, It’s Twice Upon…

Hobocombo su disco, finalmente. Dopo averli apprezzati al No Fest di Torino la scorsa estate, per il gruppo di Andrea…

18 Feb 2011 Reviews

Read more

Thee Oh Sees - Carrion Crawler/The Dream EP (In The…

Per me questi Thee Oh Sees non sbagliano un colpo. E dopo averli visti nel maggio di quest’anno esibirsi in…

20 Dec 2011 Reviews

Read more

The Cubical - Arise Conglomerate (Halfpenny/Cargo, 2012)

Gustosa terza uscita per questo quintetto di Liverpool sempre pù scollato dalle asperità punx 'n' roll degli esordi in favore…

04 Apr 2013 Reviews

Read more

Yann Novak - Blue.Hour (Farmacia901, 2012)

Yann Novak vive e lavora nella città di Los Angeles dove donnine prosperose e omaccioni muscolosi corrono al rallentatore sulla…

19 Apr 2013 Reviews

Read more

Cristopher Walken - I Have A Drink (Taxi Driver, 2012)

Granitico heavy rock tutto genovese per l'etichetta di Maso Perasso che ancora una volta si conferma come uomo che non…

24 Oct 2012 Reviews

Read more

Raccoo-oo-oon - Behold Secret Kingdom (Release The Bats, 2007)

Qualche nota per cominciare, i Raccoo-oo-oon provengono da Iowa City, Iowa, USA. Raccoon invece è il procione, l’orsetto lavatore americano,…

16 Aug 2007 Reviews

Read more

Gli Imperdibili - Vado A Vivere Da Solo (Autoprodotto, 2014)

"Scusa Diego ma a volte mi interrogo sui tuoi gusti". Forse ha ragione Andrea: ascolto musica di merda. Non mi…

07 Jul 2014 Reviews

Read more

Damo Suzuki’s Network – 23/01/11 Vinile 45 (Brescia)

Torna a Brescia il vecchio kamikaze Damo Suzuki dopo l'estemporanea esibizione col duo locale dei Don Turbolento della scorsa primavera,…

23 Jan 2011 Live

Read more

...And You Will Know Us By The Trail Of Dead…

A volte ritornano. A volte era meglio che non ritornassero, ma dico subito che non è questo il caso. Era…

28 Sep 2012 Live

Read more

Nedry - Condors (Monotreme, 2010)

Devo ammettere di aver cercato altrove il piacere solipsistico dell'ascolto negli ultimi mesi, lontano dal clamore suscitato dalla scena dubstep…

15 Apr 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top