Holy Palms – Jungle Judge (Arte Tetra, 2016)

Che Pavel Eremeev sia un matto tamarro o un geniale alchimista è difficile da stabilire e certo non basteranno le poche righe di questa recensione per venire a capo del dilemma; non è escluso tra l’altro che i due aspetti possano felicemente convivere. Il nostro, nei panni di Holy Palms, parte da Mosca e si avventura ai margini dell’impero russo (con molti e profondo sconfinamenti) a raccogliere suoni e umori dei popoli alle frontiere per poi rielaborarli nel suo personalissimo pastiche sonoro fatto di chitarra elettrica, effetti elettronici e drum machine. Devo ammettere che al primo ascolto questo nastro mi era sembrato qualcosa di terribile: lunghi abbozzi strumentali dove la chitarra faceva a pugni con le basi sintetiche sguazzando in un minestrone di suoni etno ed elettronica a buon mercato. Non che con gli ascolti questa sensazione si perda del tutto, è solo che se ne coglie il senso, perché a tenere insieme le parti proprio nei momenti dove tutto pare andare in vacca è la figura sciamanica di Eremeev, capace di governare il caos con la sua chitarra o di imbrigliarlo in complicate figure ritmiche. Se parlando di Ak’chamel, anch’egli uscito di recente per Arte Tetra, lamentavo un’eccessiva ossequiosità verso i modelli qui il problema assolutamente non si pone: Holy Palms utilizza le fonti in modo spregiudicato affogando le influenze in ritmi folli, rumorini, elettronica da videogiochi, chitarrismo hendrixiano; lo fa direi senza fermarsi troppo a pensare ma guidato dall’istinto, buttando sulla scena gli elementi che gli servono e poi cavalca l’onda. La sua è una musica che in momenti diversi ma senza soluzione di continuità parla alla mente e al corpo – alla prima nelle sequenze più sognanti e al secondo in quelle più ritmate e fisiche – evocando il compiersi di una cerimonia. Inutile estrapolare e citare tutti i momenti riusciti che si incontrano lungo gli oltre 60 minuti del nastro, più sensato alfine di dare un’idea di quel che è Jungle Judge è prendere come esempio per tutti gli altri brani (che hanno comunque le più disparate coloriture) Stoned In The Jungle Stolen By The Liana (niente male il titolo, eh?) dove inquiete stasi elettriche separano melodie centroasiatiche intarsiate con beat insistiti da ritmi elettronici in ambiente sulfureo e ancora da chitarre serrate su ritmi altrettanto tesi che si trasfigurano improvvisamene in colonne sonore di film western o in suoni riecheggianti mondi che ci sembra di poter afferrare e invece ci sfuggono di continuo. Qui c’è  tutto il senso della musica di Holy Palms: non un melting pot ma una realtà fluttuante che trova senso nel rifiuto di fissarsi in una forma stabile. Un regno parallelo governato da un musicista-stregone.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Golden Gurls - Typo Magic (Damnably, 2013)

Non saprei dire se il nome è una storpiatura di una vecchia serie televisiva statunitense ma certo è che il…

08 Jul 2013 Reviews

Read more

Mai Mai Mai – Theta (Boring Machines, 2013)

Tre anni fa, quando esplose la bomba, non mi impressionò praticamente nulla del giro della famigerata Borgata Boredom, né il…

08 Jan 2014 Reviews

Read more

R.U.N.I. - RrrrUuuuNnnnIiii (Wallace, 2010)

Per quanto, pur stimando enormemente l'etichetta e lo spirito rock-omnidirezionale di Mirko Spino, non sia impazzito per alcune delle ultime…

16 Jan 2010 Reviews

Read more

Putan Club – 10/04/10 Le Tits (Brescia)

A un solo giorno di distanza da Amaury Cambuzat coi suoi Ulan Bator anche il cugino Francois (già Gran Teatro…

08 Apr 2010 Live

Read more

Mob - Polygon (Quatermain, 2007)

Quando mi capita di immergermi in ben due dischi provenienti dallo stesso sottobosco, mi viene da domandarmi subito quale sia…

18 Nov 2007 Reviews

Read more

31Knots - Worried Well (Polyvinyl, 2008)

In questi anni sulle pagine di Sodapop abbiamo sempre seguito i 31Knots, all'inizio con i primi due dischi di math…

05 Oct 2008 Reviews

Read more

Anatre Supreme Vs Yokotobigeri - Split (Escape From Today, 2006)

Credo di aver già visto dal vivo entrambi i gruppi, di sicuro gli Yokotobigeri a Genova ma credo di aver…

05 Dec 2006 Reviews

Read more

Toilet Door n.7 - Siamo Uomini O Conigli?

Direttamente dal cortile di Sodapop ecco la compilation per allietare i vostri amichetti domestici: una manciata di pezzi per gli…

23 Jun 2012 Podcasts

Read more

Phoenix Bodies - Too Much Informations (Shove/Init, 2007)

Altro pezzo della tornata di uscite nuove della Shove con il botto, giusto per farmi ancora rodere il fegato di non…

05 Aug 2007 Reviews

Read more

Sneers - Tales For Violent Days (LP God Unknown, 2022)

Quinto disco in 9 anni per Maria Greta e Leo, ovvero gli Sneers. Una continuità che non dà adito a cedimenti,…

29 Mar 2022 Reviews

Read more

Stearica - Oltre (Homeopathic, 2008)

Credo che Oltre possa essere considerato a tutti gli effetti il debutto degli Stearica, nonostante una loro prima apparizione, risalente…

27 Jul 2009 Reviews

Read more

Three Second Kiss - Long Distance (Africantape, 2008)

Formazione nuova, vita nuova, ma pur sempre vecchi Three Second Kiss, sia nel bene che nel male. Il gruppo non…

16 Mar 2008 Reviews

Read more

Clock DVA – 18/10/2014 Interzona (Verona)

Dopo la data saltata all’ultimo momento la scorsa primavera, finalmente si concretizza la possibilità di vedere i Clock DVA all’Interzona,…

24 Oct 2014 Live

Read more

VV.AA. – Pulsioni Oblique (Kaczynski, 2018)

La nascita di una nuova etichetta è sempre una buona notizia, specie se, come in questo caso, si appresta ad…

28 Mar 2018 Reviews

Read more

Grails - Doomsdayer’s Holiday (Temporary Residence, 2008)

Imperturbabili retro futuristi, i Grails continuano il proprio percorso evo/involutivo iniziato all'inizio di questa decade su Neurot Records. Dopo…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Ultraviolet Makes Me Sick - Stuck In The Room Full…

In questo periodo tutto intorno a me parla di elezioni e divisioni varie tra buoni e cattivi, eppure io non…

15 Apr 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top