Hobocombo – Now That It’s The Opposite, It’s Twice Upon A Time (Trovarobato/Parade, 2011)

Hobocombo su disco, finalmente. Dopo averli apprezzati al No Fest di Torino la scorsa estate, per il gruppo di Andrea Belfi (che di recente abbiamo visto in compagnia di David Grubbs), Francesca Baccolini (già negli Urania) e Rocco Marchi (Mariposa) arriva il momento di un esordio discografico che combina assetto strumentale jazz e allegro spirito rock'n'roll, a cui si accodano echi caraibici e sapori del Morricone più messicano. E, sorpresa, il tutto suona elegantemente pop.
Sono sette pezzi, tutti appartenente al repertorio di Moondog, eccentrico musicista uso ad aggindarsi da vichingo per le strade della Grande Mela, al cui tributo è dedicata l'attività del terzetto. Il rischio, in casi come questo, non è tanto l'apparire una pedissequa cover band (la formazione contrabbasso/batteria/chitarra elettrica e synth, mai utilizzata dall'artista americano, scongiura fin da subito il rischio), quanto quello di restituire delle versioni normalizzata delle composizioni. Quante canzoni di Syd Barrett o Daniel Johnston avete ascoltato, totalmente disinnescate da esecuzioni banali? Diciamo subito che non è questo il caso, dato che tutte le rielaborazioni sono fedeli allo spirito, ma non eccessivamente rispettose delle strutture originali: alcune vengono dilatate (Theme), altre messe in loop (All Is Loneliness) o riviste con inserti vocali (di tutti e tre i musicisti) in sostituzione gli strumenti originari. Anche dal punto di vista della caratterizzazione non esiste uno schema fisso, ogni composizione viene assimilata e restituitaci con un trattamento ad hoc: qualcuna è resa più austera, qualcun'altra più giocosa (Be A Hobo) o malinconica (Enough About Humar Rights), sempre fatti salvi i tempi dispari, marchio di fabbrica del vichingo urbano, che danno la chiave di lettura di un lavoro fruibile sia "di pancia" che con orecchio attento. Hobocombo è l'anello di congiunzione fra il Moondog minimale dei concerti sui marciapiedi e quello più elaborato delle registrazioni in studio: musica fortemene empatica che avrà la possiblità di farsi apprezzare da un ampio ventaglio di ascoltatori.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Neurosis - Honor Found In Decay (Neurot, 2012)

Pur portando sempre un compito rispetto verso la band, avevo ormai smesso di seguire i Neurosis da un po' di…

22 Nov 2012 Reviews

Read more

Bexar Bexar - Tropism (Own, 2007)

Normalmente quando leggo di un disco in cui la chitarra acustica la fa da padrona sono sempre un po' scettico,…

15 Jun 2007 Reviews

Read more

AA.VV. - Ten Years Of Secret Mixtapes Kept Under My…

Dieci anni di Under My Bed... a parte i ricordi e un po' di malinconia data dal passare degli anni,…

26 Mar 2012 Reviews

Read more

Die! Die! Die! - Form (Golden Antenna, 2011)

Con un nome che lascia pochi spazi alle interpretazioni e che ha fattto venire il sangue alla testa all'amico Emiliano…

30 May 2011 Reviews

Read more

Aidan Baker - The Sea Swells A Bit... (A Silent…

Potremmo dire che il signor Aidan Baker è il canadese preferito dagli italiani insieme al circuito Constellation e, anche se…

16 Feb 2007 Reviews

Read more

Ivan Iusco - Water (Minus Habens, 2012)

Il percorso creativo di Ivan Iusco, patron della Minus Habens da oltre venticinque anni, continua a stupirci. Se ci aveva…

31 Oct 2012 Reviews

Read more

16 Barre / Watch The Dog - Li Ho Visti…

Il problema principale di un certo di tipo di hip hop è la più completa e totale autoreferenzialità, benché…

11 Dec 2009 Reviews

Read more

Spring Sale! - Drown Yourself In Shoes and Sweaters (Betulla,…

Il 2006 è stato l'anno delle rivelazioni o presunte tali; dalle nostre parti si sono visti i veronesi Canadians nascere…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

Airportman - Letters (Lizard, 2008)

E’ da un po’ che ho questo disco per le mani, e arrivo a scriverne con un grande ritardo. Letters…

06 Feb 2009 Reviews

Read more

Pepper And Bones - _one (Nonine, 2009)

Per la serie meglio tardi che mai, eccomi qui a recensire altro materiale su Nonine e non posso che suggerirvi…

02 Oct 2009 Reviews

Read more

Weeping The Black - Meanings In Lacrima (Autoprodotto, 2007)

Ancora metal. Ovviamente. Anche perché: "Heavy Metal will never die!" diceva un caro amico metalmeccanico di Spinetta Marengo. E se…

20 Aug 2007 Reviews

Read more

Atomic Papas - The Invisible Man (Hellbones, 2020)

Rockabilly di ampio respiro quello proposto dal terzetto toscano che, benché di recente fondazione, dimostra un rilassato e disinvolto affiatamento…

27 Oct 2020 Reviews

Read more

A Dog To A Rabbit – S/T (Lady Lovely, 2010)

Gli A Dog To A Rabbit, gruppo fiorentino nato nel 2007, sono un gruppo rock. "Che rock?" vi chiederete. "Tutto"…

11 Jan 2010 Reviews

Read more

Lady Vallens – Phemur (Second Family, 2012)

Tornano i Lady Vallens, stavolta con un disco intero, dopo l'EP che recensimmo un paio di anni orsono. Se là…

25 Jan 2013 Reviews

Read more

Silent Carnival - Drowning At Low Tide (Viceversa/Seltz, 2016)

Che ci fossero le basi per essere un disco eccezionalmente alto in qualità, visti i protagonisti coinvolti, era fuori ombra…

14 Nov 2016 Reviews

Read more

Hell Demonio - Discography (Wallace/Robotradio, 2008)

Discography, secondo album degli Hell Demonio, anche questa volta coprodotto da Wallace e Robotradio, conferma quanto di positivo si era…

12 Jun 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top