Hobocombo – Now That It’s The Opposite, It’s Twice Upon A Time (Trovarobato/Parade, 2011)

Hobocombo su disco, finalmente. Dopo averli apprezzati al No Fest di Torino la scorsa estate, per il gruppo di Andrea Belfi (che di recente abbiamo visto in compagnia di David Grubbs), Francesca Baccolini (già negli Urania) e Rocco Marchi (Mariposa) arriva il momento di un esordio discografico che combina assetto strumentale jazz e allegro spirito rock'n'roll, a cui si accodano echi caraibici e sapori del Morricone più messicano. E, sorpresa, il tutto suona elegantemente pop.
Sono sette pezzi, tutti appartenente al repertorio di Moondog, eccentrico musicista uso ad aggindarsi da vichingo per le strade della Grande Mela, al cui tributo è dedicata l'attività del terzetto. Il rischio, in casi come questo, non è tanto l'apparire una pedissequa cover band (la formazione contrabbasso/batteria/chitarra elettrica e synth, mai utilizzata dall'artista americano, scongiura fin da subito il rischio), quanto quello di restituire delle versioni normalizzata delle composizioni. Quante canzoni di Syd Barrett o Daniel Johnston avete ascoltato, totalmente disinnescate da esecuzioni banali? Diciamo subito che non è questo il caso, dato che tutte le rielaborazioni sono fedeli allo spirito, ma non eccessivamente rispettose delle strutture originali: alcune vengono dilatate (Theme), altre messe in loop (All Is Loneliness) o riviste con inserti vocali (di tutti e tre i musicisti) in sostituzione gli strumenti originari. Anche dal punto di vista della caratterizzazione non esiste uno schema fisso, ogni composizione viene assimilata e restituitaci con un trattamento ad hoc: qualcuna è resa più austera, qualcun'altra più giocosa (Be A Hobo) o malinconica (Enough About Humar Rights), sempre fatti salvi i tempi dispari, marchio di fabbrica del vichingo urbano, che danno la chiave di lettura di un lavoro fruibile sia "di pancia" che con orecchio attento. Hobocombo è l'anello di congiunzione fra il Moondog minimale dei concerti sui marciapiedi e quello più elaborato delle registrazioni in studio: musica fortemene empatica che avrà la possiblità di farsi apprezzare da un ampio ventaglio di ascoltatori.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Haunting Green – Natural Extinctions (Hypnotic Dirge, 2019)

Al primo incontro con The Haunting Green, era l’epoca del single club della Final Muzik, il duo di Pordenone ci…

21 May 2019 Reviews

Read more

Razoj - S/T (Setola Di Maiale, 2009)

Se seguendo l'idea del nome parliamo di un rasoio a doppia lama, costatiamo che si tratta di due ferri molto…

02 Nov 2009 Reviews

Read more

Rocky Votolato - Makers (Barsuk, 2005)

Ecco una gatta da pelare. Rocky Votolato (myspace qui) - da Seattle - si può inquadrare in quella folta schiera…

18 Jul 2006 Reviews

Read more

Low Low Low La La La Love Love Love -…

Continua la carriera discografica di questa band inglese che risponde al nome bizzarro di Low Low Low La La La…

01 Dec 2009 Reviews

Read more

Juta - Running Through Hoops (Arctic Rodeo, 2010)

L'instancabile Frederic Klemm sforna ancora una volta un lavoro curato fin nei minimi particolari rivelando, oggi più che mai,…

10 Apr 2010 Reviews

Read more

Yuppie Flu - Fragile Forest (Homesleep, 2008)

Toh. Pensavo di essermi scampato la gag del 2007, il downloadabile disco dei Radiohead, ed ecco che, in un tripudio…

03 Apr 2008 Reviews

Read more

The Hand To Man Band - You Are Always On…

La sola parola supergruppo credo faccia mettere mano alla fondina a più di un lettore... e invece questa volta dietro…

06 Nov 2012 Reviews

Read more

Muviments Festival – 28-29/12/11 Itri (LT)

C’era bisogno, per chiudere decentemente un 2011 non propriamente esaltante sul fronte dei concerti, di un festival come si deve…

13 Jan 2012 Live

Read more

Nicolas J. Roncea - Eight (Part One), (Autoprodotto, 2014)

Abbiamo già avuto modo di conoscere ed apprezzare Nicolas J. Roncea in quanto membro degli eccellenti Io Monade Stanca e…

29 Jul 2014 Reviews

Read more

Johnny Grieco - Affanno D’Artista (Snaps, 2009)

Il leader e indiscusso frontman dei Dirty Action torna con un lavoro che fin dalla cover è una dichiarazione…

15 Mar 2010 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni / Daniele Frati / Luca Pissavini - Consulting…

Non mi è ben chiaro se le otto tracce che troviamo in questo CD della consultazione all’oracolo rappresentino i quesiti…

18 Nov 2014 Reviews

Read more

Tongs - Jazz With The Megaphone? (Long Song, 2009)

Disco che suona parecchio intrigante alle mie orecchie questo Jazz With The Megaphone?, frutto della collaborazione tra Luca Serrapiglio, Antonio…

02 Feb 2010 Reviews

Read more

Uochi Toki + B-Unit - 07/03/09 RDA May Day (La…

Annata particolarmente gustosa questa del May Day di Spezia. Gli organizzatori hanno pensato bene di affiancare alcuni nomi piuttosto importanti…

12 Apr 2009 Live

Read more

Lēvo – S/T (Zen Hex, 2019)

La nuova uscita su 7” dell’aretina Zen Hex è il battesimo musicale del concittadino Lorenzo Cardeti, unico titolare del progetto…

26 Mar 2019 Reviews

Read more

Cafeteria Dance Fever - Danceology (Hovercraft, 2012)

Garage quasi tipo Cramps. Suoni sporchissimi che in confronto il tradizionale Lo-fi è una roba passata sotto l'engineering di Brian…

14 Jun 2012 Reviews

Read more

Red Stars Over Tokio - Helen In The Mirror (Hot…

Quale potrebbe essere l'hobby di un ex hardcore kid (in passato bassista nei belgi Nations On Fire e tenutario dell'etichetta…

23 Mar 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top