HMWWAWCIAWCCW? – S/T (Boring Machines/Avant!, 2012)

L’esordio sulla lunga distanza degli How Much Wood Would A Woodchuck Chuck If A Woodchuck Could Chuck Wood?, terzetto torinese che già avevamo conosciuto per lo split insieme ai Father Murphy, porta a compimento il percorso iniziato con le prime esibizioni dal vivo. Finalmente possiamo dare un nome ai brani che tante volte abbiamo sentito e che nel corso del tempo hanno assunto la forma che oggi ascoltiamo.
Di pari passo con l’evoluzione musicale, il gruppo ha saputo far germinare le influenze iniziali, Death In June e Swans in primis, e pur ancora debitore di questi mostri sacri, ha sviluppato uno stile proprio, che combina tutta una serie di elementi e li fagocita in un universo spiritualmente dark, ma di forma indefinita. Giocato su una voce recitante baritonale e sulla convivenza di melodie acustiche che si stagliano su fondi simili a scariche elettrostatiche, questo LP ci accompagna a passi lenti e pesanti in un percorso esistenzialista i sei tappe: Joy And Rebellion è una Shine On You Crazy Diamond spogliata di tutto, senza più splendore né redenzione, Save Us suona praticamente dark ambient, con buona pace dell’invocazione del titolo, In Aria si fa notare per  uno sfondo in cui si agitano fantasmi che potrebbero provenire tanto da un girone infernale, quanto da un’area a forte concentrazione industriale. I rari momenti lirici non possono alterare al chimica di un album composto da una sostanza scurissima, e anche quando, nella conclusiva The Rock, fa capolino un po’ di chiarore – in realtà più una nebbia luminescente che non un raggio di luce –  la voce ancora più grottesca del solito sembra annullare ogni residua speranza. Per quanto possa sembrare strano per un gruppo che propone una musica così poco accondiscendente, la dimensione ideale degli How Much Wood… resta quella live, dove sanno coinvolgere un pubblico di ogni estrazione in un’atmosfera quasi sacrale. Questo LP, dalla veste giustamente austera, riesce tuttavia a restituire un’immagine piuttosto fedele di quello che il gruppo è sul palco: se non li avete mai visti, sarà una buona anticipazione, se già vi è capitato, vi terrà compagnia fino alla prossima volta.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Fvrtvr - Demon Cycle 1-9 (Niente, 2010)

L'etichetta dietro alla quale si muovono gli St.ride si allarga e con questa nuova uscita oltre ad aprire ai musicisti…

04 May 2010 Reviews

Read more

DBH - Wave The Old Wave (Eh?, 2008)

La Eh? altro non è se non una costola della Public Eyesore, etichetta che oltre a dare alla stampe una…

03 Oct 2008 Reviews

Read more

Irata – S/T (Silber, 2010)

I comunicati stampa talvolta sono davvero fuorvianti; questo, che parlava di una commistione di drone, postrock e metal, mi aveva…

27 Jun 2010 Reviews

Read more

Inkarakua - S/T (Uk Division, 2007)

 Gli Inkarakua sono un quintetto sardo dedito ad un metal talmente ignorante e vuoto da far sembrare i Soulfly pari…

26 Jun 2010 Reviews

Read more

Diego Curcio - Rumore Di Carta (Red@zione, 2007)

Credo sia la prima volta che mi balena in mente di recensire un libro. Non è, invece, la prima…

31 Dec 2007 Reviews

Read more

The Star Pillow - The Beautiful Questions (Setola Di Maiale/Taverna,…

Torna il duo degli The Star Pillow e si accasa per l'occasione su Setola Di Maiale, che come sempre ha…

16 Apr 2014 Reviews

Read more

Davide Maspero/Max Ribaric - Come Lupi Tra Le Pecore…

È un'opera monumentale quella messa insieme da Davide Maspero e Max Ribaric per i tipi della Tsunami, non solo per…

08 May 2013 Reviews

Read more

Des Moines - Like Freshly Mown Grass (Dinotte/We Work, 2018)

Pur essendo orientati prevalentemente verso altri ambiti, capita talvolta, per particolari congiunzioni astrali, di imbattersi in lavori che sono il…

14 Nov 2018 Reviews

Read more

Grizzly Imploded – Steel From Your Brow (Metzger Therapie, 2016)

Arriva a materializzarsi su vinile il suono dei Grizzly Imploded a due anni dalla cassetta su Sincope di cui vi…

16 Sep 2016 Reviews

Read more

The Wyns - A Place Like This (Autoprodotto, 2011)

Nota di colore che non c'entra nulla: credo che Luino, sul Lago Maggiore, il paese da dove provengono i giovani…

27 Jan 2012 Reviews

Read more

Bron Y Aur - Millenovecentosettantatre (Wallace, 2007)

Gruppo di dichiarata ispirazione seventies, i Bron Y Aur seguono ormai da anni il proprio discorso artistico infischiandosene altamente di…

04 Jun 2007 Reviews

Read more

The Go Find - Brand New Love (Morr Music, 2014)

Il belga Dieter Sermeus porta avanti i suoi The Go Find con un disco ogni tre/quattro anni, siamo arrivati al…

27 Mar 2014 Reviews

Read more

Laika Nello Spazio - Dalla Provincia (Overdub, 2019)

Rabbioso trio proveniente dall'hinterland milanese e attivo fin dal 2016. Salta subito all'orecchio la presenza di due bassi che inevitabilmente…

11 Oct 2019 Reviews

Read more

Billy Torello – Il Passato Ha Gli Zoccoli (Fumaio/Il Verso…

Avevo considerato Ultime Notizie Dalla Tartaruga, il precedente lavoro di Billy Torello (al secolo Angelo Bignamini di The Great Saunites…

20 Mar 2014 Reviews

Read more

Encode – Core (Ghost, 2011)

Incollati a piedi saldi negli anni '90 ma con voglia di rimettersi in pista, dopo un esordio  di ben 8…

20 Apr 2011 Reviews

Read more

Words And Actions - Time Can't Be Turned Back (Final…

Dopo tre anni i vita i Words And Actions si arrendono all'ormai vetusto formato CD: Final Muzik pubblica infatti una…

24 Jul 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top