Hermetic Brotherhood Of Lux-Or – Sex And Dead Cities (Boring Machines, 2019)

In questi ultimi anni nessuno ha saputo raccontare la Sardegna, il suo spirito, la sua storia e il suo presente, come gli Hermetic Brotherhood Of Lux-Or. Lo hanno fatto connettendo il suono allo spazio e al tempo, tenendosi alla larga dalle più scontate e retoriche visioni: il loro spazio è quello lasciato da strutture che hanno perso l’originale funzione, antichi luoghi sacri o fabbriche dismesse che, in modi diversi, ancora ci parlano; il tempo è quello che affonda le radici all’epoca delle popolazioni che per prime lasciarono il loro segno sull’isola, ma anche un percorso circolare dove il passato è parte integrante del presente e del futuro. Di questa realtà complessa Sex And Dead Cities affronta il lato più scomodo: lontano dal trasporto ritualistico indotto dal precedente Anacalypsis, sfoggia un’attitudine quasi punk con brani mediamente più brevi dove il rumore pare sovrastare tutto, uno sccenario post-apocalittico che solo a tratti fa trasparire quello che c’è dietro. È però questo l’elemento fondamentale, che torna in tutte le composizioni con una frequenza non casuale: oltre il primo strato concreto e apparentemente inorganico si agita l’umano, talvolta anche l’ultra-umano, che dà carne, anima e misura al tutto. Lo percepiamo nel mantra sommesso che cadenza il noise di To Die In A Deacayed Country, nei mugugni di piacere che intervallano i battiti dub e gli stridori di The River Flows From The Incinerator, nel flauto sfuggente che sfonda la membrana di fragore industriale in Ruins And Shell Casings, nei recitati e nelle urla belluine, lontanamente alla Diamanda Galas, che cercano di contrastare il rumore montante di Seven Minutes Of Nausea, nelle grida carnevalesche che concludono il tour de force di Fear Of The Living. In questo lavoro dell’ensemble di Macomer la spiritualità sarda assume senso incarnandosi in un suono che nulla ha di nostalgico e che trova il suo orizzonte nella tangibilità delle cose e dei luoghi, siano essi antiche tombe dei giganti o vecchie strutture minerarie abbandonate, località dove immanenza e trascendenza si sovrappongono fino a confondersi. Non è una visione consolatoria né un messaggio di speranza quello che ci porta Sex And Dead Cities, solo la constatazione che le smagliature del presente fanno affiorare mondi passati ma non superati, la cui forza è ancora intatta e, non senza fatica, controllabile e utilizzabile. Credetemi, non è poco.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Petrolio - Di Cosa Si Nasce (Taxi Driver/Brigante/Dio Drone e…

Enfatico industrial primi anni novanta per la creatura di Enrico Cerrato (Infection Code) che rispolvera per l'appunto un genere a…

15 May 2017 Reviews

Read more

Acid Mothers Temple & Melting Paraiso UFO - Interstellar Guru…

Ma quant’è bello essere hippie? Insomma uno può prendere una di queste belle patatone anti-anoressiche in pieno stile Settanta, metterla…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

Mingle – Static (Kvitnu, 2015)

Viaggia solo stavolta Andrea Gastaldello, in arte Mingle, dopo le ottime uscite in compagnia di Andrea Faccioli e Deison (ben…

09 Oct 2015 Reviews

Read more

Encode – Core (Ghost, 2011)

Incollati a piedi saldi negli anni '90 ma con voglia di rimettersi in pista, dopo un esordio  di ben 8…

20 Apr 2011 Reviews

Read more

Il Conte è tornato, intervista a Varg Vikernes

Ebbene sì, lui. Il vostro incubo peggiore, il Freddy Krueger dei microsolchi, Varg Vikernes, il celeberrimo one-man-band di Burzum è…

04 Mar 2011 Interviews

Read more

Lucas Abela: venti anni di talento e fantasia al servizio…

Lucas Abela, noto soprattutto con il suo pseudonimo di Justice Yeldham, ha appena celebrato il ventennale della sua attività; è…

30 Nov 2013 Interviews

Read more

Irata – S/T (Silber, 2010)

I comunicati stampa talvolta sono davvero fuorvianti; questo, che parlava di una commistione di drone, postrock e metal, mi aveva…

27 Jun 2010 Reviews

Read more

St.Ride – Deutschland Femdom (Solar Ipse, 2016)

Il corpus immenso della discografia degli St.Ride (tredici album, se non ho contato male), coi suoi continui mutamenti stilistici ed…

21 Sep 2016 Reviews

Read more

MojaSfera - Equilibrio Infranto (Autoprodotto, 2008)

A volte è davvero difficile. L'incomprensione, la poca disposizione all'analisi e spesso una buona dose di convinzioni dure a morire.…

17 Nov 2008 Reviews

Read more

Disco Doom – Trux Reverb (Defer/Static Cult, 2011)

Gli svizzeri Disco Doom li ricordavo di spalla ai Built To Spill nella loro data veronese del 2008: indie rock…

01 Apr 2011 Reviews

Read more

Low + Pikelet + Ponzu Island - 21/10/10 The Forum…

L'ultima delle tre serate che dedichiamo al Melbourne festival è quella dei Low ed è per me quella con le…

16 Sep 2010 Live

Read more

Daniele Santagiuliana – Jeremiad (Looney-Tick, 2014)

Da queste parti Daniele Santagiuliana l’abbiamo ascoltato per la prima volta sui dischi del duo Deison & Mingle: esoterico in…

22 Jul 2014 Reviews

Read more

Andrea Tich - Una Cometa Di Sangue (Snowdonia, 2014)

In periodo sanremese casualmente ci capita tra le mani il lost album del veterano Andrea Tich che, nonostante sia pubblicato…

18 Feb 2015 Reviews

Read more

Josco - Kahn Tam-ngan Roum Kan (Somehow, 2012)

Quando la situazione scappa di mano: l'irlandese Gerard McDermott aka Josco era intenzionato a pubblicare qualche remix del suo EP…

14 Jan 2013 Reviews

Read more

Wound/Keziah Mason – Split Tape (Teen Action, 2016)

La perseveranza, quella di stampo prettamente diabolico, è certamente l’elemento che più caratterizza il progetto Wound di Massimo Onza (anche…

24 Feb 2017 Reviews

Read more

Eniac - Camera 121 (Many Feet Under, 2013)

Nell'attesa della pubblicazione dell'album registrato a partire dalla sua residenza d'artista americana ad I-Park, il nostro Fabio Battistetti aka Eniac…

15 Jul 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top